€ 16.57€ 19.50
    Risparmi: € 2.93 (15%)
Disponibilità immediata solo 2 pz.
Ordina entro 20 ore e 59 minuti e scegli spedizione espressa per riceverlo martedì 17 settembre Scopri come
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
Amok. Le stragi dell'odio

Amok. Le stragi dell'odio

di Carlo Lucarelli, Massimo Picozzi


Disponibilità immediata solo 2 pz.
  • Editore: Mondadori
  • Collana: Strade blu
  • Data di Pubblicazione: febbraio 2018
  • EAN: 9788804685975
  • ISBN: 8804685972
  • Pagine: 328
  • Formato: brossura

Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Descrizione del libro

La sera del 1º ottobre 2017, dalla finestra di un albergo di Las Vegas, Stephen Paddock apre il fuoco sulla folla che assiste a un concerto di musica country, uccidendo cinquantotto persone e ferendone più di cinquecento. È il più terribile omicidio di massa commesso da un solo uomo nella storia degli Stati Uniti. Quelli come Paddock li chiamano rampage killers, dove rampage sta per «furia improvvisa, esplosione di odio letale». Sono assassini che uccidono più persone insieme, spesso in luoghi pubblici, sul posto di lavoro, nelle scuole, e in un singolo tragico evento, in preda a una follia omicida che trascina con sé la vita di vittime innocenti. La stessa violenza cieca raccontata dai primi esploratori del Sudest Asiatico, quando nelle loro cronache descrivevano i casi di giovani indemoniati che all'improvviso, e senza apparente ragione, iniziavano a correre e a gridare «Amok! Amok! Amok!», tentando di ammazzare tutti coloro che incontravano, amici, parenti 0 animali che fossero. Oggi, però, dietro quel che sembra il gesto di uno squilibrato si celano spesso deliranti motivazioni di natura religiosa, politica, razziale. E il filo conduttore è sempre uno: l'odio contro qualcuno o qualcosa. Un odio che lentamente cresce, di volta in volta si alimenta dei pregiudizi legati al sesso, all'etnia, alla lingua, alla nazionalità, all'aspetto fisico, alla religione, all'identità di genere, e d'improvviso erompe, dando origine alla carneficina. Alternando i profili e le storie dei killer protagonisti di delitti efferati all'analisi dei meccanismi psicologici, culturali e sociali che ne hanno condizionato il comportamento, Carlo Lucarelli e Massimo Picozzi in queste pagine allargano via via il loro campo d'indagine sul crimine e, dai massacri nelle università ai femminicidi, dagli attacchi kamikaze agli episodi di cyberbullismo, dagli attentati omofobi alle aggressioni a sfondo razzista, tracciano i contorni delle nuove stragi dell'odio.
Carlo Lucarelli e Massimo Picozzi in "Amok. Le stragi dell’odio" studiano un fenomeno diventato, purtroppo, quasi quotidianità e con cui tutti ci dobbiamo confrontare. Gli attentati che si susseguono uno dopo l’altro e ci lasciano senza fiato, attaccati alla televisione, o purtroppo vittime o spettatori di tanta brutalità scadenzano ormai le nostre giornate e le colorano di un sottile filo di paura. Loro sono i rampage killer, dove rampage sta per una furia improvvisa, un’esplosione letale. Sono assassini che uccidono più persone insieme, utilizzando armi da fuoco, esplosivi, incendi, ma anche veicoli lanciati contro vittime innocenti. Le stragi possono avvenire sul posto di lavoro, nelle scuole, nelle piazze e nei locali pubblici, per motivi religiosi, politici, razziali. E il filo conduttore è sempre uno: l’odio. Non c’entra l’Islam o la religione, l’unico vero motivo è il disagio che cresce e che fa, a sua volta, aumentare in modo esponenziale l’odio verso l’altro, verso ciò che è diverso e che nella testa del futuro killer è la causa del suo malessere. Ad alimentare l’odio e innescare la furia omicida sono i pregiudizi legati al sesso, all’etnia, alla lingua, alla nazionalità, all’aspetto fisico, alla religione, all’identità di genere, all’orientamento sessuale e alla presenza di disabilità. Lucarelli e Picozzi alternano la ricostruzione di eventi drammatici e il profilo dei criminali responsabili a un’analisi dei meccanismi psicologici, culturali e sociali che ne hanno condizionato la comparsa e decretato il terribile successo. Non sono più serial killer perché sono loro i mostri del ventunesimo secolo, i rampage killer, gli assassini che in preda a un furore incontrollabile, compiono stragi con una frequenza mai vista e a cui, secondo gli autori di "Amok", dovremo abituarci.

Tutti i libri di Carlo Lucarelli

Acquistali insieme

Gli utenti che comprano Amok. Le stragi dell'odio acquistano anche Il manuale dello scienziato investigatore di Massimo Picozzi € 17.86
Amok. Le stragi dell'odio
aggiungi
Il manuale dello scienziato investigatore
aggiungi
€ 34.43


Gli altri utenti hanno acquistato anche...

Ultimi prodotti visti