€ 11.05€ 13.00
    Risparmi: € 1.95 (15%)
Disponibilità immediata

Disponibile in altre edizioni:

Acciaio
Acciaio(2015 - brossura)
€ 11.50 € 9.77
Disponibilità immediata
Acciaio
Acciaio(2014 - brossura)
€ 5.90 € 5.55
Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Acciaio

Acciaio

di Silvia Avallone


Disponibilità immediata
  • Editore: Rizzoli
  • Collana: Vintage
  • Data di Pubblicazione: giugno 2011
  • EAN: 9788817053044
  • ISBN: 881705304X
  • Pagine: 359
  • Formato: brossura

Trama del libro

Nei casermoni di via Stalingrado a Piombino avere quattordici anni è difficile. E se tuo padre è un buono a nulla o si spezza la schiena nelle acciaierie che danno pane e disperazione a mezza città, il massimo che puoi desiderare è una serata al pattinodromo, o avere un fratello che comandi il branco, o trovare il tuo nome scritto su una panchina. Lo sanno bene Anna e Francesca, amiche inseparabili che tra quelle case popolari si sono trovate e scelte. Quando il corpo adolescente inizia a cambiare, a esplodere sotto i vestiti, in un posto così non hai alternative: o ti nascondi e resti tagliata fuori, oppure sbatti in faccia agli altri la tua bellezza, la usi con violenza e speri che ti aiuti a essere qualcuno. Loro ci provano, convinte che per sopravvivere basti lottare, ma la vita è feroce e non si piega, scorre immobile senza vie d'uscita. Poi un giorno arriva l'amore, però arriva male, le poche certezze vanno in frantumi e anche l'amicizia invincibile tra Anna e Francesca si incrina, sanguina, comincia a far male. Silvia Avallone racconta un'Italia in cerca d'identità e di voce, apre uno squarcio su un'inedita periferia operaia nel tempo in cui, si dice, la classe operaia non esiste più.

Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su Acciaio e condividi la tua opinione con altri utenti.


Voto medio del prodotto:  3.0 (3 di 5 su 156 recensioni)

4.0Tra le fabbriche, la vita., 21-02-2017
di - leggi tutte le sue recensioni
Ho letto questo libro diverse volte e ad ogni rilettura ho apprezzato qualcosa di diverso. L'autrice è riuscita a dare vita alla fabbrica, raccontando un'adolescenza, un'amicizia, un'amore immerso nella realtà operaia. L'edizione rilegata è molto curata e fedele nel tempo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Molto amaro, 30-01-2017
di - leggi tutte le sue recensioni
Il libro è scritto in maniera semplice, ti catapulta in una realtà molto cruda ma ahimè molto vera in un quartiere difficile nella città di Piombino, all'ombra di questa Acciaieria. Crudo, diretto e molto schietto.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Acciaio, e poi?, 20-07-2015
di - leggi tutte le sue recensioni
L'amicizia tra Anna e Francesca si svolge sullo sfondo di una Piombino che soffoca nei miasmi di un'acciaieria che regala stipendi e inquinamento a una società immobile. Quella acciaieria dove lavorano padri, fratelli, amici e fidanzati è vissuta dalle protagoniste come un mostro mitologico: la temono e la amano, le sono riconoscenti ma in virtù di essa vorrebbero scappar via. Non tanto lontano: magari all'Elba per un bagno ristoratore oppure proprio lontano, per studiare all'università. Ma anche chi studia fuori Piombino, come Elena, alla fine ritorna, come fosse attratto da una forza magnetica. In quel ritorno c'è anche un versante sentimentale, che però la sfortuna vorrà...
Un bel libro. Non solo da ombrellone.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0L'amicizia a Piombino, 17-07-2015
di - leggi tutte le sue recensioni
Prendete un mondo provinciale e maschilista, inserite due ragazzine procaci e ingenue, in parte ribelli e in parte pigramente conservatrici, mettete ovunque ciminiere che inquinano, avvelenano e al tempo stesso fanno crescere il conto in banca dei loro padri, dei loro fratelli, dei padri e dei fratelli di tutti. Le protagoniste annaspano alla ricerca di un senso, di valori a cui attaccarsi, alla ricerca di attimi generosamente vitali, ma trovano solo uomini affamati, allupati e stanchi, inutili esseri che si disperdono senza essere capaci di sopravvivere. E loro due riusciranno a sopravvivere, magari in virtù della loro straordinaria amicizia?
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Acciaio, 17-07-2015
di - leggi tutte le sue recensioni
Anna e Francesca, giovanissime, trascorrono la loro gioventù nella Piombino assediata dall'acciaieria che dà vita e morte ai suoi concittadini. In un contesto in cui tutto si deve all'acciaio, nel bene e nel male, loro, piccole gemme, cercano di sbocciare altrove, ma lo fanno solo nelle loro fantasie. Impossibile, o quasi, ribellarsi a un sistema che stringe senza affondare, con una pazienza che è la virtù dei forti. Loro sono belle, ammalianti, ma nate senza forza, e il Destino sembra volersi impegnare nel separarle, per indebolirle, allontanando le due metà di un'ipotetica mela ricca di futuro. Sapranno riavvicinarle?
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Leggi anche le altre recensioni su Acciaio (156)


Prodotti correlati

Altri utenti hanno acquistato anche

Ultimi prodotti visti