€ 14.02€ 16.50
    Risparmi: € 2.48 (15%)
Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativiMetti nel carrello
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Zona disagio

Zona disagio

di Jonathan Franzen

4.0

Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
  • Editore: Einaudi
  • Collana: Supercoralli
  • Traduttore: Pareschi S.
  • Data di Pubblicazione: novembre 2006
  • EAN: 9788806184209
  • ISBN: 8806184202
  • Pagine: 209
  • Formato: rilegato

 Questo prodotto appartiene alla promozione  Einaudi
A quarant'anni, poco dopo la morte della madre, Jonathan Franzen ritorna a Webster Groves, il sobborgo di St Louis dov'è cresciuto. I due fratelli maggiori l'hanno incaricato di cercare un agente immobiliare per vendere la casa di famiglia. Appena entra nelle stanze in cui ha trascorso infanzia e adolescenza, Franzen si sente un "conquistatore che bruciava le chiese e fracassava le icone del nemico". E il nemico è la famiglia. Ma questo è solo il primo impatto, perché il suo atteggiamento rivela subito un'intenzione più profonda. Se decide di entrare nella "zona disagio" che è il proprio passato, Franzen lo fa per prolungare il gesto del padre, che ogni sera muoveva il termostato del riscaldamento di casa verso la "zona benessere". In lui l'ironia è sempre accompagnata da un movimento contrario di indulgenza e innesco emotivo. Sei sono le tessere che compongono il puzzle di questa autobiografia: la vendita della casa di famiglia; i "Peanuts" di Charles Schulz, e in particolare Snoopy, come chiave tragicomica della contestazione degli anni Settanta; un gruppo d'ispirazione cristiana, la Comunità, specchio dell'anomalia suburbana di Webster Groves; gli scherzi adolescenziali ai danni delle strutture scolastiche; l'innamoramento per la lingua tedesca, segno di una vocazione letteraria che inizia a esigere i suoi spazi; la passione per il bird watching. E intrecciata a questi momenti, naturalmente, una tormentata educazione sentimentale.

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di Jonathan Franzen:


Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su Zona disagio e condividi la tua opinione con altri utenti.

Voto medio del prodotto:  3.5 (3.8 di 5 su 4 recensioni)

3.0Zona disagio, 06-03-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Franzen tratta un'autobiografia fatta di scorci, rovista nel cassetto dei ricordi personali ripesca fatti, personaggi e pensieri che lo trasportano indietro nel tempo. L'esplorazione della zona disagio rivela una difficoltà profonda del non appartenere e dell'essere al di là dell'apparire. Una lettura più difficoltosa rispetto agli altri romanzi dell'autore. Salvo solo alcune parti.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Zona disagio, 09-02-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Zona Disagio è onesto, divertente, e quasi ogni frase è interessante e fa pensare. Proprio quello che ci si può aspettare da un libro di memorie scritto da Jonathan Franzen. Tuttavia, nonostante le sue prodigiose doti di scrittore, la sua storia personale a tratti è noiosa, non cattura, non emoziona. Si tratta di uno scorcio non uniforme del passato di Franzen e della sua famiglia. Meglio leggere prima Le Correzioni. E' un libro solo per i grandi estimatori di questo scrittore.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0La famigli secondo Franzen, 14-07-2011, ritenuta utile da 2 utenti su 3
di - leggi tutte le sue recensioni
Jonathan Franzen ritorna a casa dopo la morte della madre. Là trova i due fratelli e ritrova il nemico, la famiglia, con la sua "zona disagio". Frnzen è decisamente uno dei migliori romanzieri americani, capace di parlare di adolescenza e infanzia con immenso coinvolgimento e con stile scarno ed asciutto
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Zona disagio, 05-12-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Autobiografia in sei capitoli, di cui ognuno rappresenta una fase e alcuni episodi particolarmente significativi della vita di Franzen. Ironico, sagace, pungente, insicuro, intelletualoide: in pratica magnifico!
Inoltre, nel quinto capitolo, si trova un'interpretazione critica della Montagna incantata di Thomas Mann molto originale.
Ritieni utile questa recensione? SI NO