Vuoi star zitta, per favore?

Vuoi star zitta, per favore?

4.0

di Raymond Carver


  • Prezzo: € 17.00
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 


Spedizione a 1€ Spedizione con Corriere a 1€ sopra i 24 euro!   Scopri come

Descrizione

Dopo anni di duro apprendistato, nel 1976 Carver arriva alla pubblicazione, e viene subito riconosciuto come un grande maestro della forma breve. Drammi quotidiani, inferni domestici, angoli dimenticati di un'America alla deriva: le storie di Carver sprigionano un senso di tensione e di minaccia e raccontano la precarietà economica e degli affetti con una forza lacerante. "Un senso pesante di spavento aleggia in queste storie: gente che se la sta passando male; uomini che bevono troppo; mariti che fanno a botte con le mogli e mogli che lasciano i mariti. C'è morte, rovina, abbandono, gente sgradevole che si presenta alla porta di casa con ogni sorta di notizie sgradevoli. La vita è una cosa seria, in questi racconti. E qui non c'è altro che vita" (R. Ford). La raccolta comprende storie come "Grasso, Vicini, Creditori" e "Nessuno diceva niente", oltre al racconto che da il titolo al libro e che fu messo in scena da Altman in "Short Cuts".

I libri più venduti di Raymond Carver:


Dettagli del libro


Voto medio del prodotto:  4.0 (4 di 5 su 4 recensioni)

4.0Primo libro di racconti di Carver, 24-11-2014
di - leggi tutte le sue recensioni
È la prima raccolta di racconti di Raymond Carver e comprende circa trenta storie brevi. Quella che dà anche il titolo alla raccolta è forse la più tipica dell'intrigante stile narrativo dell'autore, e racconta di un tradimento confessato, alcuni anni dopo essere stato commesso, dalla moglie al suo uomo in un momento banale della loro vita, mentre lei sta stirando, in un tipico finir del giorno. L'ira del marito si attenua nella sera, dopo un breve vagabondaggio per le strade americane, ma non sapremo mai se la perdonerà. Scrittura intensa, libro consigliato.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Vuoi star zitta, per favore?, 22-07-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
E' un genio, con brevi, incisive frasi, con poche parole riesce sempre a stupire. La semplicita è il tratto distintivo di carver, una semplicita brutale nei suoi contenuti. I suoi racconti feriscono, la realta dell'esistenza si manifesta in modo semplice ma feroce e non lascia spazio a nessuna illusione. Storie normali che lasciano il segno... Bel libro.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Vuoi star zitta, per favore?, 03-04-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Carver è un Autore molto esigente con i suoi lettori. Questa raccolta, di 22 racconti, è stata per me il primo incontro con la scrittura di Carver. Come definirla? Essenziale ma profonda, distaccata ma introspettiva. L'autore rimane sempre al di fuori della storia, ma gli stessi personaggi rimangono al di fuori. Sembra quasi che i veri protagonisti siamo noi, lettori, che entriamo in punta di piedi nella vita delle persone e poi usciamo silenziosamente e lasciamo che la loro vita vada avanti, chiedendoci come proseguirà. I suoi racconti sono fotografie istantanee. E' come quando incontri qualcuno, sul treno o sul bus, con cui entri in sintonia e questo inizia a raccontarti un pezzo della sua vita, poi scende alla fermata prima della tua e ti lascia con mille interrogativi e curiosità da soddisfare.
C'è spesso il tema della finestra, da cui si guarda verso l'esterno e da cui si è osservati all'interno delle proprie case, delle proprie vite. E poi c'è sempre l'elogio al lavoro, quello duro, fisico, che fa sudare e che permette di stancarsi e di non pensare troppo!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Vuoi star zitta, per favore?, 11-11-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
I racconti di Carver mi fanno venire l'angoscia. Immagino che sia anche il suo scopo, ma il disagio che generano in me è così insopportabile che sono costretta ad evitare questo autore se non sono perfettamente felice e in equilibrio con me stessa. Infatti non lo leggo mai. Peccato perché è veramente bravo (a farmi stare male).
Ritieni utile questa recensione? SI NO