€ 18.00
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Una vita violenta

Una vita violenta

di Pier Paolo Pasolini

5.0

Prodotto momentaneamente non disponibile
Il romanzo racconta la vera storia della vita breve, vissuta con passione, di Tommaso Puzilli, un giovane sottoproletario dei sobborghi romani. I piccoli furti, i rapporti con omosessuali, i vagabondaggi notturni, fino alla tragedia finale: il ritratto di un gruppo che vive al di fuori di ogni ordinamento sociale che lo possa condizionare. Pubblicato per la prima volta nel 1959, questo libro venne giudicato dalla critica uno dei romanzi più importanti del dopoguerra. Lungi dal servire effetti coloriti e pittoreschi, il gergo fu utilizzato qui da Pasolini per dare una rappresentazione "lucida e spietata, delle persone e degli atti, dell'ambiente e delle fatalità" (Carlo Emilio Gadda) delle borgate romane.

Prodotti correlati:

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di Pier Paolo Pasolini:


Voto medio del prodotto:  5.0 (5 di 5 su 1 recensione)

5.0il profilo della massa umana, 21-06-2009
di - leggi tutte le sue recensioni
Non ricordo se durante il secolo appena trascorso, almeno per quanto riguarda la storia culturale italiana, vi sia stato un uomo come Pasolini capace di affrontare sfide intellettuali così diverse rimarcando ogni volta la sua poliedrica e versatile intelligenza: poesia, teatro, cinema, letteratura, giornalismo. Per questo libro, il parallelo immediato che può avvicinare ad una spiegazione esaustiva dei miserabili fatti raccontati, è quello sociologico positivistico di essere tutti il prodotto dell'ambiente in cui siamo cresciuti. Il luogo prima dell'uomo. Ed eccolo il luogo dove una dozzina di ragazzi romani nasce, si "forma", trascorre le giornate, in una periferia cittadina colma di detriti e baracche, sentieri e non strade, ancora stordita e abbandonata, a distanza di anni, dal conflitto mondiale.

Il bar, le chiacchiere, l'ideazione e l'immediata attuazione di piccole azioni criminali per rastrellare pochi soldi da spendere subito in balera o al cinema con la "mina" di passaggio. In questa zona grigia, nella monotonia di un giorno uguale all'altro, si delinea la figura di Tommaso, ragazzo indolente e passivo, figlio di una genìa scaduta prima ancora di nascere che, grazie all'amore per una ragazza, spingerà se stesso a scegliere qualcosa di diverso, di alternativo al trascorrere delle giornate finora perpetuato. Uno spiraglio di luce, di proto-moralità sembra disegnare una nuova vita al protagonista.

Trova lavoro presso un verduraio, dedica rozzamente affetto e riguardo alla sua fidanzata, progetta insieme a lei una vita in comune fino a che, in un'alluvione che colpisce inesorabilmente la sua terra, decide di aiutare i vigili del fuoco nel salvataggio di una donna rimasta intrappolata nella propria baracca.

Riuscirà nell'impresa, salverà la donna ed insieme riscatterà la propria vita, per poco tempo però. Le sue già instabili condizioni di salute non riusciranno a superare quest'ultimo sforzo. La palingenesi è avvenuta comunque.
Ritieni utile questa recensione? SI NO