€ 12.50
Fuori catalogo - Non ordinabile
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Una vita violenta

Una vita violenta

di P. Paolo Pasolini


Fuori catalogo - Non ordinabile
Il romanzo racconta la vera storia della vita breve, vissuta con passione, di Tommaso Puzilli, un giovane sottoproletario dei sobborghi romani. I piccoli furti, i rapporti con omosessuali, i vagabondaggi notturni, fino alla tragedia finale: il ritratto di un gruppo che vive al di fuori di ogni ordinamento sociale che lo possa condizionare. Pubblicato per la prima volta nel 1959, questo libro venne giudicato dalla critica uno dei romanzi più importanti del dopoguerra. Lungi dal servire effetti coloriti e pittoreschi, il gergo fu utilizzato qui da Pasolini per dare una rappresentazione "lucida e spietata, delle persone e degli atti, dell'ambiente e delle fatalità" (Carlo Emilio Gadda) delle borgate romane.

Note su Pier Paolo Pasolini

Pier Paolo Pasolini nacque a Bologna il 5 marzo 1922. Considerato uno dei più importanti intellettuali italiani del dopoguerra, la sua eccezionale versatilità gli ha concesso di fornire il proprio contributo personale nello sviluppo della cultura in differenti ambiti. E’ stato giornalista, scrittore, poeta, regista, sceneggiatore, attore e paroliere. Trascorse l’infanzia seguendo il padre, militare di carriera, nei suoi numerosi trasferimenti. Studiò a Bologna dove frequentò il Liceo Classico “Galvani” per poi iscriversi alla facoltà di Lettere dell’Università di Bologna, dove si laureò nel 1945, lo stesso anno in cui venne ucciso suo fratello Guido durante uno scontro a fuoco tra partigiani di diverso orientamento politico. Le prime poesie, che scrisse tra il 1941 e il 1942, vennero pubblicate a sue spese nel volume intitolato “Poesie a Casarsa”. Nel 1947 si iscrisse al Partito Comunista e iniziò ad insegnare a Casarsa, ma un discusso episodio di omosessualità, che sfociò in un processo per corruzione di minori, causò il suo allontanamento dall’insegnamento e dal partito. Nel 1949, in seguito allo scandalo, si trasferì a Roma dove apprese il dialetto romano e scoprì quel mondo proletario che gli ispirò i suoi primi romanzi “Ragazzi di vita” (1955) e “Una vita violenta” (1959). Pasolini vedeva il mondo dei sottoproletari come la risposta al capitalismo, da lui considerato la fonte dei problemi dell’individuo. In questo periodo conobbe Penna, Gadda, Moravia e Fellini. Si dedicò al giornalismo e scrisse numerose poesie e romanzi. Con la raccolta di poesie “Le ceneri di Gramsci”, del 1957, vinse il Premio Viareggio. Seguendo il modello dell’amico Fellini, per raggiungere un pubblico più vasto decise di occuparsi di cinematografia. Collaborò ad alcune sceneggiature, tra cui quella de “Le notti di Cabiria”, dello stesso Fellini. Con il film “Accattone”, del 1961, iniziò la proficua attività di regista. Diresse numerosi film, tra cui “Uccellacci e Uccellini” (1966), “Edipo Re” (1967), “Teorema” (1968), “Medea” (1969), “Il Decameron” (1971), “Salò o le 120 giornate di Sodoma” (1975). Per i giudizi lapidari ed estremi che espresse nelle sue opere, Pasolini fu aspramente criticato sia dalla destra sia dalla sinistra. Subì anche processi e condanne che gli valsero la fama di intellettuale ribelle. Fu un attento osservatore della storia e di come stava cambiando la società italiana in quegli anni. Morì assassinato ad Ostia il 2 novembre del 1975, in circostanze oscure. 

Prodotti correlati:

Altri utenti hanno acquistato anche:

Voto medio del prodotto:  4.0 (4.3 di 5 su 4 recensioni)

4.0La storia di un ragazzo delle borgate romane, 20-11-2014
di - leggi tutte le sue recensioni
Tommasino è un ragazzo che vive vicino alla valle dell'Aniene, esattamente a Pietralata. Insieme ai suoi compagni va in giro per Roma cercando di trovare soldi facili, e ci riesce ricorrendo a piccoli espedienti: rapina benzinai e stranieri in vacanza a Roma. I carabinieri, però, scovano tutti i responsabili e li imprigionano. Tommasino, uscito di galera, torna a casa e arriva in un quartiere nuovo, con gente nuova, e fa nuove amicizie. Ma la tubercolosi è in agguato, e il ragazzo viene ricoverato in ospedale per qualche mese. Uscito dal Forlanini torna a casa pieno di belle speranze, che però vengono distrutte dall'arrivo di un alluvione: per aiutare le persone in difficoltà, Tommaso si bagna fino alle ossa senza pensare che questa cosa potrebbe aggravare i suoi problemi di salute. E infatti...
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0L'infanzia dei poveri: negata e vissuta , 05-10-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Sono appena ragazzi, i protagonitsti del racconto. E sono gli ultimi, quelli che nessuno mai andrà a cercare se moriranno, se si perderanno, se grideranno. Vivono da sempre all'ombra dei monumenti di Roma, come i gatti di Largo Argentina, misurano "a sole e tacchi" chilometri di selciato, lungo via di Donna Olimpia, con le scarpe rotte. Sputano, ruttano, fumano, rubano, si tuffano nel Tevere zozzo di carcasse di animali e di rifiuti per lenire la calura estiva, passano sotto il Colosseo e nemmeno se ne accorgono, nemmeno lo sanno. Sono gli uomini di domani, non sanno leggere, entrano ed escono dalla galera. E' un'infanzia vissuta, respirata a pieno, fino alle lacrime, e negata al tempo stesso. Non c'è spazio per gli affetti "classici", per il sincero volersi bene. Piuttosto, l'amicizia è suggellata da una pacca sulla spalla e da una sigaretta stropicciata nei calzoni. Nulla di più, e tanto basta. E se si muore si muore con la stessa ironia, inconsapevolezza e dignità, pure a 15 anni "Piagnete, qui se c'è uno che deve piagne sò io. Che? Morite voi?". Emblematico di tutto ciò è il finale, spietato ed onesto, come la vita: "Ma poi, come diventò notte, si sentì peggio, sempre di più: gli prese un nuovo intaso di sangue, tossì, tossì, senza più rifiatare, e addio Tommaso".
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Tinte forti, 05-02-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
L'opera di Pasolini, quasi senza tempo, è un loquace affresco della Roma del dopoguerra. Una visione sull'adolescenza frustrata, talvota negata, impedita dalle condizioni di vita che fanno essere semplice e nello stesso tempo complessa la sopravvivenza.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Pasolini e i suoi ragazzi di vita, 09-12-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Lo sguardo di Pasolini torna a osservare i suoi ragazzi di vita; la situazione non è differente, è sempre un mondo ai margini, senza possibilità di affrancarsi per chi è nato tra gli ultimi. Un libro duro e spietatamente sincero.
Ritieni utile questa recensione? SI NO