Una vita

Una vita

3.5

di Italo Svevo


  • Prezzo: € 10.00
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 


Spedizione a 1€ Spedizione con Corriere a 1€ sopra i 24 euro!   Scopri come

Prodotti correlati:

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di Italo Svevo:


Dettagli del libro


Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su Una vita e condividi la tua opinione con altri utenti.

Voto medio del prodotto:  3.5 (3.6 di 5 su 8 recensioni)

3.0Una vita, 08-03-2015
di - leggi tutte le sue recensioni
È il primo romanzo di Italo Svevo, passato abbastanza inosservato all'epoca e parzialmente riscoperto e apprezzato dopo il grande successo del suo ultimo lavoro, il celebre "La coscienza di Zeno". Il romanzo racconta la storia di Alfonso, un bancario anonimo che ha un momento di gloria personale non tanto per le sue abilità professionali, quanto per la sua relazione sentimentale con Annetta Maller, figlia del capo supremo dell'istituto di credito in cui lavora. La relazione, però, entrerà in crisi, trascinando con sé tutta la vita di Alfonso, a 360 gradi. Un romanzo d'esordio interessante.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Il primo libro di Svevo, 08-03-2015
di - leggi tutte le sue recensioni
Alfonso Nitti è un travet, un impiegato presso una banca d'affari. Lavora alla corrispondenza e poi alla contabilità, svolgendo compiti che sente come qualcosa di non corrispondente alla sua vocazione, che pare in realtà essere quella di uomo di lettere e non di numeri. La sua vita professionale e personale però si complica - e di molto - quando Alfonso entra nelle grazie di Annetta, la figlia del capo della banca, l'inavvicinabile Maller. Per lui, questa relazione sarà solo l'inizio della fine. Un ottimo romanzo del nostro Ottocento!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Il primo romanzo di Italo Svevo, 20-02-2015
di - leggi tutte le sue recensioni
Siamo agli esordi narrativi del grande Italo Svevo, che apre la sua carriera di autore con un romanzo dal titolo "Una vita". Il protagonista è Alfonso Nitti, un uomo assolutamente comune che per vivere fa l'impiegato in una banca. Nulla di particolarmente emozionante insomma! Il suo amore per la figlia del capo della banca (l'imponente Signor Maller), cioè l'inaccessibile Annetta, cambierà profondamente la sua vita e il corso delle sue vicende personali. La differenza di ceto e delle reciproche aspettative complicherà una relazione già in partenza quantomeno improbabile. Lo stile di Svevo in questo romanzo non è ancora quello completamente sicuro e maturo de "La coscienza di Zeno", tuttavia le numerose pagine di cui si compone il romanzo si leggono con buona fluidità, nonostante sempre di (grande) letteratura dell'Ottocento si parli. L'epilogo è sorprendente, non mi sarei di certo aspettato un finale di questo tipo, dopo una gestione della vicenda tutto sommato serena e alquanto equilibrata. Ma, come accennavo prima, d'altronde si parla di alta letteratura... Da leggere per iniziare lo studio di un grandissimo autore del nostro Paese!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Una vita, 28-02-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Il romanzo d'esordio, autopubblicato, di Italo Svevo. Qualche calo di ritmo nella narrazione ma ben scritto, con atmosfere coinvolgenti, e la sua Trieste con le piazze, i moli e la biblioteca. Dalle pagine in cui Nitti si trascina nella vita d'ufficio si intuisce che Svevo è stato impiegato in un istituto bancario per oltre vent'anni. Un libro che in molte parti sembra autobiografico.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Storia di un fallimento, 05-05-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Composto con il titolo "Un inetto", poi modificato per volere dell'editore che temeva di perdere parte delle vendite. Nella realtà, tuttavia, il titolo originale chiarisce bene la tematica del testo: un idealista, un sognatore che si illude di poter cambiare la propria condizione e scopre che il suo destino è di rimanere nelle strette maglie previste dalla sua situazione sociale. Alla fine, la superiorità morale fa di lui l'inetto del titolo originale e della sua esistenza "una" vita, una come tante, piccole, insignificanti vite da dimenticare. Inevitabile perciò la soluzione della storia narrata.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0La Vita di Tutti, 17-12-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Più contemporaneo di un contemporaneo. Sia Nitri, il personaggio, che Svevo. Cocente per la sua miseria tutta la storia, sia quella esteriore che quella intima, di quest'uomo che fatica a vivere. Cocente l'occhio di questo acuto scrittore.
Indimenticabile.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Una vita, 01-10-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Indubbiamente più complesso della "Coscienza.."a tratti pesante ma estremamente illuminante.Anche qui abbiamo un inetto,anche qui tante paranoie...fondamentalmente un ritratto dell'uomo moderno e contemporaneo inserito in una società standardizzata e ricca di inetti.Insomma Svevo era geniale...da leggere...
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Nitti: l'inetto, 30-09-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Alfonso Nitti è l’inetto, il disagiato incapace di vivere in società, di provare sentimenti veri e di assumersi responsabilità. Nel tentativo di introdursi in un mondo estraneo con il lavoro in banca e la relazione con la giovane figlia del banchiere lo porta alla sconfitta, alla solitudine. Per certi versi è paragonabile al personaggio verghiano Mastro Don Gesualdo, il vinto. Come quest’ultimo, Alfonso Nitti ha cercato di uscire dal piccolo e umile mondo da cui proveniva per raggiungere il ceto emergente, ma in cambio ha ricevuto solo disprezzo e isolamento.
Ritieni utile questa recensione? SI NO