€ 11.28€ 12.00
    Risparmi: € 0.72 (6%)
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativiMetti nel carrello
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
La vita e le opinioni di Tristram Shandy, gentiluomo

La vita e le opinioni di Tristram Shandy, gentiluomo

di Laurence Sterne

4.5

Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi

Acquistali insieme:

Gli utenti che comprano La vita e le opinioni di Tristram Shandy, gentiluomo acquistano anche The sea, the sea & a severed head di Iris Murdoch € 17.42
La vita e le opinioni di Tristram Shandy, gentiluomo
aggiungi
The sea, the sea & a severed head
aggiungi
€ 28.70


Voto medio del prodotto:  4.5 (4.5 di 5 su 4 recensioni)

4.0Opera complessa e strutturata, 13-03-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Un'opera varia, complessa, strutturata in nove libri e nemmeno portata a termine. Sterne cerca di condurre passo passo il lettore nella vita quotidiana di Tristram Shandy, personaggio piuttosto sfortunato, a cui la vita, sin dalla nascita, non ha sorriso. Un percorso interessante attraverso le vite poco ordinarie dei propri familiari permette di cogliere al meglio lo stile di vita passato di fine setetcento.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0La vita e le opinioni di Tristram Shandy, 14-11-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Una lettura assolutamente surreale, patafisica ante litteram.
Sterne si riconferma un grandissimo umorista.
Non posso non ammettere però che in certi punti il libro é lento in maniera straziante, e le continue digressioni a volte sono divertenti a volte solo tediose.
Nel complesso però un capolavoro del suo genere.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0La vita e le opinioni , 29-10-2010, ritenuta utile da 1 utente su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
Sterne cita spesso il Chisciotte ma non vedo molta assonanza fra i due romanzi, se non nel modo "diverso" che hanno di affrontare ironicamente alcune tematiche. L'uno è la summa del sistema di pensiero e di azione spagnolo, l'altro di quello anglosassone. Come tecnica narrativa lo vedo più simile al Gargantua, al Candide di Voltaie per l'ironia che ha di mostrare come gli argomenti seri o semiseri, se posti sotto l'esame di una logica razionale, portati alle estreme conseguenze raggiungono risultati ridicoli. E' un grosso ammonimento contro tutte quelle filosofie o scienze che pretendono di essere esaustive di tutte le realtà del "creato", e ci consiglia come ad un certo punto bisogna fermarsi per non cadere nel ridicolo, altrimenti si può giungere a fatti astrusi e assurdi ma tragicamente veri come l'inquisizione o il non senso del pensiero. Non riesco a immaginare come possa essere stata accolta nel suo tempo quest'opera se penso al fatto che anche ai giorni nostri sarebbe inattuale a causa di questi integralismi religiosi o politici, ma forse almeno nel modo di concepire la vita bisogna dire che il settecento è stato un periodo irripetibile nella storia del pensiero umano. Qualche difficoltà di comprensione si hanno per i rimandi che l'opera fà ai doppi sensi e a modi di dire di quel tempo. La descrizione della madre di Tristram e delle altre donne è esilarante ma non sono riuscito a capire se Sterne prende in giro la visione del tempo sul femminile o se davvero le donne erano così a causa della subalternità nei confronti della cultura e del potere. Personalmente sono portato a pensare che siano vere entrambe le risposte e che Sterne abbia ridicolizzato se stesso e il suo mondo pur pensando in quel modo, consapevole del fatto che in generale il mondo femminile era così ma non doveva esserlo. Molto belli i rimandi al pensiero greco-romano e quasi vien da pensare che già loro avevano detto tutto e che noi con l'abbandono di quel pensiero abbiamo perso troppo e le vicende politico-esistenziali di questi tempi lo dimostrano abbondantemente. Opera efficace contro il conformismo ma non in anticipo sui suoi tempi, ma sui nostri.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0E' un genio, 25-09-2010, ritenuta utile da 2 utenti su 3
di - leggi tutte le sue recensioni
Sterne, esilarante nei suoi racconti totalmente senza senso, nelle sue teorie sui nasi degli uomini; incredibile perchè fa suonare sulle pagine di un libro il suo violino, perchè va avanti a colpi di flashback e disegna linee che rappresentamento l'andamento temporale della sua storia (lucidissimo, anticipa il flusso di coscienza che può essere di un moderno Joyce); interessante perchè analizza i meccanismi stessi della scrittura, con una bizzarra tecnica della rottura della finzione scenica che lascia basìti e a bocca aperta; istruttivo, addirittura, pieno di citazioni da Tullietto e autori vari, rigorosamente interpretati in maniera shandiana.
Ritieni utile questa recensione? SI NO