€ 10.34€ 11.00
    Risparmi: € 0.66 (6%)
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativiMetti nel carrello
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
La vita istruzioni per l'uso

La vita istruzioni per l'uso

di Georges Perec

4.5

Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
Pubblicato nel 1978, "La vita istruzioni per l'uso" è un meccanismo ingegnoso e divertito che ha coinvolto lettori di ogni paese. Il libro è ambientato in un palazzo parigino, dove si affollano innumerevoli personaggi, sullo sfondo di avventure, delitti, peripezie. Un libro, come scrisse Italo Calvino, sospeso tra pietas e gioco.

Acquistali insieme:

Gli utenti che comprano La vita istruzioni per l'uso acquistano anche Privati del patrimonio di Tomaso Montanari € 10.20
La vita istruzioni per l'uso
aggiungi
Privati del patrimonio
aggiungi
€ 20.54

Prodotti correlati:

Altri utenti hanno acquistato anche:


Voto medio del prodotto:  4.5 (4.5 di 5 su 6 recensioni)

5.0La vita istruzioni per l'uso, 31-01-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Con questo libro, forse il capolavoro di Perec e ormai un classico, nasce la narrazione moderna: multilineare ed esatta. Al lettore viene richiesto un surplus di impegno cognitivo, ma ne vale la pena: se ne esce con una visione nuova della vita e della scrittura. Il fatto che ancora ben pochi scrittori utilizzino questo genere dimostra che rendere narrabile la complessità non è facile.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Entusiasmante, 05-07-2011, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Bellissimo libro che mi ha colpito particolarmente per l'originalità dell'autore. Nonostante le 600 pagine posso dire che mi ha entusiasmata particolarmente per il messaggio che vuole mandare: nella vita puoi organizzare qualsiasi cosa, ma ci sarà sempre un pezzo del puzzle da incastrare all'ultimo momento.
Da leggere... Lo consiglio a tutti!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Capolavoro da centellinare., 06-05-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Tempo fa una lettrice - in una sua liberatoria ma conciliante (3 pallini) recensione del poco già letto, ma sicuramente in vista di una sua volenterosa ripresa dell'inizio del compimento della lettura - diceva appunto di avere appena cominciato la lettura di questo libro trovandola (istintivamente?) piacevole, ma di essersi arenata, per grave carenza di "riferimenti", di fronte alla sua impossibilità di capire "chi è la voce narrante". Cerco di rispondere, anche se in questo caso non credo sia illuminante l'identità del Narratore.
Comunque, data l'onniscienza qui dimostrata dal loquente, a mio avviso la voce narrante non può che essere quella del Dio-Cui-Non-Cade-Foglia-Che-Lui-Non-Voglia; voce cui potrebbe corrispondere, per i non credenti, quella del Mossad, oppure altra a scelta, ma a vicendevole e sospettosa preclusione, tra FBI o Cia; o altro servizio segreto purché dotato di Google. Scherzo ovviamente, perché perfino a me, nel mio infimo, piace giocare in tutti i sensi con la mia povera lingua: non meno di quanto, risultati a parte, piaccia per esempio fare con la propria ad Eco; e piacque appunto anche a Perec, finché visse, poco purtroppo, con la sua propria splendida e inarrivabile lingua d'origine controllata e garantita. Questo però non è un romanzo, c'è è vero qualche trama privilegiata, ma a tenere banco qui non sono i personaggi in sé ma semmai le loro cose e il luogo, un certo palazzo di Parigi, ove le loro esistenze si sono sfiorate od intrecciate per periodi variabili di tempo. È soprattutto un gioco, un puzzle da comporre, una scommessa dello scrittore sulla propria creatività ed abilità narrativa: e anche una aperta sfida lanciata ai colleghi geni del gruppo Ou. Li. Po (acronimo del francese "Ouvroir de Littérature Potentielle", traducibile in italiano come "officina di letteratura potenziale") , i quali si cimentavano a comporre testi nel rispetto delle regole più strampalate e divertenti. Ne faceva parte, tra gli altri, il grande linguista Raymond Queneau, cui questo lavoro è appunto dedicato dall'autore. Sembrerebbe un gruppo fatto su misura del nostro grande Eco - e Calvino no? - ma ignoro se vi partecipassero.
Sia come sia, ne è uscito un capolavoro per originalità e sostanza narrativa. Non leggetelo frettolosamente perché vi perdereste delle chicche meravigliose, ma al contrario gustatelo con calma a piccole porzioni come si fa con i cibi e i vini sopraffini, non fate i cafoni.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0La vita istruzioni per l'uso, 04-04-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Riconosco come indubbia la grandezza di questo autore. Geniale, appassionante intreccio delle futilità e dei nalle che compongono la vita. Un gran libro, certo dopo averlo chiuso sfido chiunque a non sentirsi sollevato ed esclamare: finito! Una bella esperienza, a cui si deve dedicare voglia ed energia, non si può leggere saltando le parti! E d'altraparte non si sarebbe potuto fare più corto, già così alcuni personaggi non rimangono del tutto impressi.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0La vita istruzioni per l'uso, 03-10-2010, ritenuta utile da 1 utente su 4
di - leggi tutte le sue recensioni
Un giorno lo rileggerò nonostante le sue quasi 600 pagine. E' sicuro, come il ritorno delle zanzare ad ogni estate. Intanto sta in bellavista sul palchetto d'onore della lettereatura spaiata (ai tempi suoi snobbavo i tascabili bur a favore degli einaudi e così ne ho pochi e tutti sparsi per la libreria).
Ed è atrettanto certo che lo amerò come allora perché...oui, je suis Georges Perec
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Un nuovo modo di scrivere, 03-08-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Non mi ha particolarmente entusiasmato: le descrizioni super dettagliate di numerosi ambienti alla fine rallentano troppo lo svolgimento del romanzo. Peccato perché era interessante ed originale l’idea dell’autore di scrivere un libro così come si costruisce un puzzle (i singoli pezzi non si percepiscono più al termine del lavoro, a favore di una visione d’insieme). Il voto sarebbe in effetti un 3,5, vista l’originalità dell’approccio.
Ritieni utile questa recensione? SI NO