€ 12.00
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
La violenza invisibile

La violenza invisibile

di Slavoj Zizek

4.0

Prodotto momentaneamente non disponibile
  • Editore: Rizzoli
  • Collana: Piccoli saggi
  • Traduttori: Capararo C., Zucchetti A.
  • Data di Pubblicazione: novembre 2007
  • EAN: 9788817019538
  • ISBN: 8817019534
  • Pagine: 237
  • Formato: brossura
Crimini efferati, uomini-bomba che si fanno esplodere nelle città, tumulti di piazza e conflitti internazionali sembrano essere i più efficaci indicatori della quantità di violenza dispiegata dall'uomo, eppure a questa violenza visibile direttamente, se ne affianca una seconda ben più pervasiva. Si tratta di quella violenza "che nutre i nostri stessi sforzi di combattere la violenza e promuovere la tolleranza". Questa violenza si presenta con due facce: la prima è "simbolica" e si manifesta nel linguaggio e nelle forme, la seconda è "sistemica" ed è cioè una conseguenza necessaria del funzionamento dei nostri stessi sistemi economici e politici. È una sorta di materia oscura, qualcosa che pur essendo "invisibile" spiega e sostanzia il visibile. Non riconoscere la violenza dell'odierna globalizzazione economica e politica significa rendersi complici di un sistema che è responsabile dell'emarginazione di intere fasce sociali e di milioni di vittime nel mondo. Un sistema che non sembra poter offrire una soluzione giusta alle grandi questioni del nostro tempo. Le tesi controverse e provocatorie di Zizek sono qui esposte ricorrendo ai registri più diversi, alternando erudizione e temi popolari, riferimenti filosofici e cinematografici, in un caleidoscopio di idee e visioni sempre nuove, sempre eterodosse.

Altri utenti hanno acquistato anche:


Voto medio del prodotto:  4.0 (4 di 5 su 1 recensione)

4.0La violenza invisibile, 03-11-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Zizek è stata per me un vera scoperta. Un modo interessante di parlare di cose complicate: linguaggio semplice, rispetto per il lettore meno ferrato sull'argomento e soprattutto una completa immersione nella contemporaneità (che bello un filosofo che ci parla del mondo attraverso le sue analisi dei film).
Ritieni utile questa recensione? SI NO