Venuto al mondo

Venuto al mondo

4.5

di Margaret Mazzantini


  • Prezzo: € 15.00
  • Nostro prezzo: € 12.75
  • Risparmi: € 2.25 (15%)
Disponibilità immediata
 Questo prodotto appartiene alla promozione  Mondadori Oscar


Spedizione a 1€ Spedizione con Corriere a 1€ sopra i 24 euro!   Scopri come

Descrizione

Una mattina Gemma sale su un aereo, trascinandosi dietro un figlio di oggi, Pietro, un ragazzo di sedici anni. Destinazione Sarajevo, città-confine tra Occidente e Oriente, ferita da un passato ancora vicino. Ad attenderla all'aeroporto, Gojko, poeta bosniaco, amico, fratello, amore mancato, che ai tempi festosi delle Olimpiadi invernali del 1984 traghettò Gemma verso l'amore della sua vita, Diego, il fotografo di pozzanghere. Il romanzo racconta la storia di questo amore, una storia di ragazzi farneticanti che si rincontrano oggi invecchiati in un dopoguerra recente. Una storia d'amore appassionata, imperfetta come gli amori veri. Ma anche la storia di una maternità cercata, negata, risarcita. Il cammino misterioso di una nascita che fa piazza pulita della scienza, della biologia, e si addentra nella placenta preistorica di una guerra che mentre uccide procrea. L'avventura di Gemma e Diego è anche la storia di tutti noi, perché questo è un romanzo contemporaneo. Di pace e di guerra. La pace è l'aridità fumosa di un Occidente flaccido di egoismi, perso nella salamoia del benessere. La guerra è quella di una donna che ingaggia contro la natura una battaglia estrema e oltraggiosa. L'assedio di Sarajevo diventa l'assedio di ogni personaggio di questa vicenda di non eroi scaraventati dalla storia in un destino che sembra in attesa di loro come un tiratore scelto. Un romanzo-mondo, di forte impegno etico, spiazzante come un thriller, emblematico come una parabola.

Note sull'autore

Margaret Mazzantini è nata a Dublino il 27 ottobre 1961. Entrambi i suoi genitori si dedicano all'arte, suo padre Carlo è scrittore, mentre sua madre, Anne Donnelly, fa la pittrice. Da bambina, assieme ai genitori, Margaret viaggia molto, le principali mete dei suoi spostamenti sono la Spagna, il Marocco e l'Irlanda. Poi la famiglia di Margaret si stabilisce a Tivoli, nei pressi della villa dell'imperatore Adriano. All'inizio degli anni '80 Margaret si diploma presso l'Accademia d'Arte Drammatica Silvio D'Amico di Roma. Nel suo esordio a teatro interpreta Ifigenia, nell'omonima opera di Goethe. Nell'87 sposa il regista Sergio Castellitto, che ha conosciuto sul palcoscenico durante la recita de "Le tre sorelle" di Cechov. I due hanno quattro figli: Anna, Pietro, Maria e Cesare. E' proprio il marito a spingerla verso la scrittura, regalandole un quaderno, su cui Margaret inizia a sperimentare le gioie e le fatiche dello scrivere, ad esplorare il mondo della letteratura , seguendo le orme del padre scrittore. Il suo primo romanzo viene pubblicato nel 1994 e si intitola "Il catino di zinco". Il libro è subito un successo, si impone su pubblico e critica e si aggiudica il Premio Campiello di Venezia. Nel 1999 scrive "Manola" e nel 2001 pubblica "Non ti muovere", con cui vince numerosi premi, tra cui il premio Strega e il premio internazionale Zepter. Dal romanzo, il marito Sergio ne trae un film omonimo, nel 2004. A questo successo seguono "Zorro. Un eremita sul marciapiede" (2002), "Venuto al mondo" (2008), "Nessuno si salva da solo" (2011) e "Mare al mattino" (2011). Vive e lavora a Roma assieme a Sergio Castellitto e ai quattro figli.

Acquistali insieme:

Gli utenti che comprano Venuto al mondo acquistano anche Nessuno si salva da solo di Margaret Mazzantini € 11.05
Venuto al mondo
aggiungi
Nessuno si salva da solo
aggiungi
€ 23.80

I libri più venduti di Margaret Mazzantini:


Dettagli del libro


Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su Venuto al mondo e condividi la tua opinione con altri utenti.

Voto medio del prodotto:  4.5 (4.6 di 5 su 130 recensioni)

4.0Venuto al mondo, 25-07-2015
di P. Formusa - leggi tutte le sue recensioni
Una donna, la protagonista di questo libro, che ha avuto molti amori, quasi tutti seppelliti come tranquillanti scaduti, a parte uno, quello per Diego, un giovane fotografo genovese conosciuto nella Sarajevo in fiamme di qualche anno fa. E Diego è stata una storia con una marcia in più anche perché è (meglio era) il padre di Pietro, il "loro" figlio. E allora quando si presenta, decenni dopo, l'occasione di ritornare nella Sarajevo in pace dei nostri giorni, la protagonista non se la fa scappare. È un modo per mostrare al figlio i territori insanguinati da dove anche la sua storia di essere umano ha avuto origine e, forse, è anche un modo per ritrovare quelle emozioni incatenate nell'anima per non soffrire più.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Commovente e travolgente, 26-02-2015
di B. Pesapane - leggi tutte le sue recensioni
Questo libro mi ? stato consigliato da un'amica, e devo dire che mi ha parecchio stupito. Non immaginavo fosse una storia cos? appassionante, ricca di colpi di scena inaspettati. Non racconta una storia facile: la guerra, un bambino nato non si sa come, un'adozione divenuta vitale, una storia d'amore quasi in bilico. Beh: ? un libro che va vissuto, pagina dopo pagina non vedi l'ora di andare avanti per scoprire dove nasconde la verit?. La scrittrice ? sicuramente molto brava, e lo dimostra in questo libro, che va letto assolutamente.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Commovente, 03-04-2014
di L. Corbelli - leggi tutte le sue recensioni
Nessuno dovrebbe privarsi del piacere di leggere questo capolavoro. Seppur voluminoso, il libro cattura l'attenzione dei lettori fin dalle prime righe. La trama è coinvolgente e commovente, senza scadere nelle solite mediocrità strappalacrime. Racconta la storia della venuta al mondo, per l'appunto, del figlio della protagonista. Fin da subito ci si affeziona ai personaggi, seguendoli nelle loro vicende, preoccupandosi e soffrendo per e con loro. È davvero uno dei libri migliori che abbia mai letto in vita mia.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Adorabile Margaret, 13-08-2013
di S. Fazzi - leggi tutte le sue recensioni
Anticipo che Margaret Mazzantini è una delle mie scrittrici preferite, ma con questo libro, "Venuto al mondo", credo che abbia conquistato il cuore e la mente di molti lettori. Si, entrambi: la "mente" perchè dà una lista smisurata di punti su cui riflettere, frasi, sottintesi, situazioni, di qualunque genere, sia relazionale, sia d'amore, sia di vita; il "cuore" perchè non è possibile alla fine del libro non amare la protagonista. Insomma... Attraversa cosi tante difficoltà, con quel trasporto, quella forza, quella determinazione. Temi difficili tradotti in linguaggio comune e trasportati direttamente nell'anima. Uno di quei libri che rimane dentro di te.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Lascia il segno., 22-05-2012, ritenuta utile da 1 utente su 2
di G. Colella - leggi tutte le sue recensioni
Per vivere a questo mondo purtroppo non si può sempre farcela da soli e occorre l'aiuto di qualcuno che ci segua e ci indichi la via per tornare a vivere in modo corretto. Amare, gioire, piangere, sono tutti sentimenti in cui la Mazzantini riconosce la necessaria presenza di un'altro essere affino affinchè questi stati si realizzano. Piacevole come lettura, ma nulla di più se la guerra fa da sfondo al tutto.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Meraviglioso, 19-05-2012, ritenuta utile da 3 utenti su 4
di G. Capraro - leggi tutte le sue recensioni
Il romanzo più bello della Mazzantini! Un testo piacevole e profondo, ricco di una scrittura intensa e struggente, capace di appassionare il lettore fin da subito; con un ritmo lento, solenne e incalzante. I personaggi sono descritti con una minuzia notevole e appaiono carismatici e ben inseriti nel contesto principale. Sicuramente un valida scelta per il panorama della letteratura contemporanea!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Meraviglioso, 18-05-2012, ritenuta utile da 3 utenti su 3
di M. Capraro - leggi tutte le sue recensioni
Un capolavoro della narrativa contemporanea! Un testo piacevole e profondo, capace di entusiasmare il lettore, con una lettura motivante e piena di tensione narrativa. I personaggi hanno una caratterizzazione forte, per cui sono dinamici e conferiscono al racconto un tocco di realismo e di immediatezza descrittiva. E ora si prospetta anche una brillante trasposizione cinematografica..
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Meraviglioso, 14-05-2012, ritenuta utile da 1 utente su 1
di F. Imondi - leggi tutte le sue recensioni
Il libro più bello della Mazzantini che abbia mai letto. La storia è travolgente, appassionante e dinamica. Parla di un amore profondo e sincero, di una nascita dapprima negata e poi concessa. Lo stile è realistico e toccante, riesce a catturare con fermo realismo ogni immagine e dettaglio. Consigliato!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Meraviglioso, 14-05-2012, ritenuta utile da 2 utenti su 2
di C. De Cesare - leggi tutte le sue recensioni
A mio modesto avviso è il libro più bello della Mazzantini. Venuto al mondo è pieno di vita. Infatti è una storia che parla di amore e di guerra, di una nascita dapprima privata, infrnta e negata, per poi finalmente venire al mondo. La scrittura è cosi realistica e appassionante da risultare immediata.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Piacevole, 11-05-2012, ritenuta utile da 2 utenti su 2
di L. Capraro - leggi tutte le sue recensioni
Una storia d'amore vissuta sotto le bombe di una guerra lontana e oltre il confine di una vita privata e denudata di altra vita. La Mazzantini adotta uno stile fortemente realistico e nudo per descrivere il vissuto di due persone, la loro potente e struggente storia d'amore. Il pianto di una madre e il coraggio di un padre.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Un figlio a tutti i costi, 03-05-2012, ritenuta utile da 1 utente su 2
di G. Sandulli - leggi tutte le sue recensioni
Un libro in perfetto stile Mazzantini: crudo e nudo, come la realtà della guerra vissuta in prima persona, la morte e il dolore per la perdita di un compagno, e l'attesa di un figlio, quel figlio voluto a tutti i costi. Un passato ancora fresco da ripercorrere e verità nascoste. Una storia che appassiona e soprattutto un finale inaspettato.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Figli di guerra, 30-04-2012
di M. Iannone - leggi tutte le sue recensioni
"Il destino è come il cuore, è dentro di noi fin dal primo istante, quindi è inutile cambiare strada. " La Mazzantini riesce a parlare di argomenti molto importanti, quali la maternità e la guerra, senza mezze misure, mettendo tutto nero su bianco con una freddezza impressionante, ma che riesce ad arrivare al cuore dei lettori. Una storia molto intensa, che ti cattura fin dalla prima pagina.
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Leggi anche le altre recensioni su Venuto al mondo (130)