Utopia

Utopia

4.0

di Tommaso Moro


  • Prezzo: € 6.00
In pubblicazione
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà acquistabile:
 

Spedizione a 1€ Spedizione con Corriere a 1€ sopra i 24 euro!   Scopri come

Descrizione

L'abolizione della pena di morte; la scomparsa della proprietà privata e la ripartizione dei beni tra i cittadini; la riduzione dell'orario di lavoro; la possibilità per tutti di coltivare le proprie passioni; la più larga tolleranza religiosa; il diritto a una vita pacifica. In quest'opera di Tommaso Moro sono condensati tutti i sogni dell'uomo rinascimentale, e non solo.

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di Tommaso Moro:


Dettagli del libro


Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su Utopia e condividi la tua opinione con altri utenti.

Voto medio del prodotto:  4.0 (4 di 5 su 5 recensioni)

5.0Mai anacronistico, 16-09-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Qualche anno dopo la scoperta dell'America, gli esploratori iniziavano a scrivere ciò che con i loro occhi avevano visto nel Nuovo Mondo, per raccontare agli abitanti d'Europa i paesaggi e le usanze dei nuovi territori scoperti.
Tommaso Moro prende come modello i racconti dei viaggiatori per stendere il suo romanzo più famoso, che è Utopia, libro nel quale si parla di un'isola sulla quale le leggi e i costumi perseguono il benessere degli individui, la felicità, la pietà, l'amore; un'isola in cui l'oro e le gemme non hanno utilità, se non quella di indicare gli schiavi o intrattenere i bambini.
Qui viene ripudiata la gloria conquistata in guerra, vengono disprezzati l'odio e il dolore ed i sovrani pensano e lavorano per il bene del popolo. Chi lavora di più guadagna di più, viceversa chi lavora di meno guadagna di meno, contrariamente a quanto avviene nell'Inghilterra di Moro, dove i nobili che comandano a bacchetta senza muovere un dito sono tra i più ricchi, mentre chi lavora per loro è considerato un semplice servo.
L'Utopia è il racconto di un viaggio immaginario nell'isola ideale, dove diritti e doveri vengono rispettati da chiunque. Un libro che nonostante sia stato scritto cinquecento anni fa, risulta essere di un'attualità agghiacciante e forse dovremmo seguire i consigli degli utopiani per rendere il nostro mondo un po' più vivibile.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Utopia, 08-05-2011, ritenuta utile da 9 utenti su 25
di - leggi tutte le sue recensioni
Tommaso Moro, un uomo che è morto per difendere gli ideali a cui ha sempre tenuto, mai rinnegandoli neanche con la minaccia della prigione prima, e dell'ascia poi. Questa sua Utopia, un mondo ideale dove vivere, è filosofia allo stato puro, poesia per la nostra mente che non è nemmeno in grado di credere per un minuto che tutto ciò possa concretizzarsi, ma quanto sarebbe giusto avverare questo sogno... Il voto intermedio l'ho dato solo per la pesantezza di un testo che ovviamente essendo stato scritto nel XVI secolo diventa per il lettore contemporaneo una lettura in salita. Consigliato per tutti i sognatori.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0L'isola che non c'è, 02-11-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Thomas Moore in fondo descrive una sorta di "isola che non c'è", ma non abitata da fate e bambini mai cresciuti per assaporare le gioie dell'infanzia eternamente, ma abitata da bambini che vogliono anche diventare grandi perchè c'è speranza nel poter assaporare con gioia la vita anche da adulti, perchè le relazioni sono basate sull'autenticità, le responsabilità non sono terribili costrizioni ma semplicemente la conseguenza dell'imparare ad avere coscienza delle cose. Un paese dove l'uomo può coltivare il meglio di sè e non il peggio, costruendo una società vera, con leggi morali e politiche necessarie e veramente umane. Un tema rimasto dal 1500 attualissimo a quanto pare.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Utopia, 01-10-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
L’umanista Moro aveva forse colto, sulla scia di Platone, come ogni tendenza umana necessiti di un ideale: un’azione al Bene, un sorriso all’Amore, etc. Quest’opera multiforme si apre come uno specchio: a sinistra, nella prima parte, la realtà quotidiana; a destra, nella seconda parte, il modello, assente e irrealizzabile appunto perché ideale. Ma forse l’ideale, l’Utopia, non è la dimensione del sogno (come meri racconti di Lestrigoni e Sirene), ma la necessaria dimensione cui deve tendere l’uomo, per migliorarsi.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Utopia, 15-09-2010, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Anche se risale al 1500 è attualissimo, leggendolo si capisce che il mondo anche evolvendosi non cambia mai per certi versi.
Ritieni utile questa recensione? SI NO