€ 9.40€ 10.00
    Risparmi: € 0.60 (6%)
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativiMetti nel carrello
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
L' ultimo dei mohicani

L' ultimo dei mohicani

di James Fenimore Cooper

3.0

Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
  • Editore: Garzanti Libri
  • Collana: I grandi libri
  • Edizione: 4
  • Traduttore: Rivaroli C.
  • Data di Pubblicazione: giugno 2003
  • EAN: 9788811360780
  • ISBN: 8811360781
  • Pagine: XX-433
  • Formato: brossura
Il ciclo dei romanzi noto come "I racconti di Calza di Cuoio" - di cui "L'ultimo dei mohicani" è sicuramente il più letto - inaugura il filone "epico" della letteratura americana, esercitando un notevole influsso su tutta la produzione letteraria successiva. Le suggestioni della vita e del paesaggio di frontiera, dove Cooper trascorse l'infanzia e l'adolescenza, hanno plasmato la sua immaginazione di scrittore suggerendogli l'archetipo dell'eroe americano: un uomo che istintivamente evade dalle restrizioni della vita civile per cercare un rapporto con la natura, affine, nella sua ricerca di autenticità, agli indiani, siano essi fratelli o nemici.

Acquistali insieme:

Gli utenti che comprano L' ultimo dei mohicani acquistano anche Il visconte dimezzato di Italo Calvino € 8.92
L' ultimo dei mohicani
aggiungi
Il visconte dimezzato
aggiungi
€ 18.32

I libri più venduti di James Fenimore Cooper:


Voto medio del prodotto:  3.0 (3 di 5 su 1 recensione)

3.0Voto di compromesso, 03-10-2013, ritenuta utile da 47 utenti su 69
di - leggi tutte le sue recensioni
Leggere l'integrale di questo libro, leggerla da adulti, significa accettare una serie di pregi e difetti non semplici da armonizzare in un commento. Quali sono i principali difetti? Una lentezza narrativa quasi improponibile, una costante abitudine alle chiacchiere, ai riassunti da parte di qualche personaggio di eventi lunghissimi (e ciò in piena foresta, ossia nel mezzo del massimo pericolo). Troppo baccano, quando i Pellerossa sono celebri per la loro silenziosità. E i pregi? Ecco, stanno quasi interamente nell'ultimo capitolo, dove l'autore dà prova di aver capito sino in fondo la mentalità degli Amerindi, veri padroni di quelle terre selvagge. L'ultima parte è un vero gioiello, laddove si descrivono i funerali di Cora e Unkas. E questo fa dimenticare o almeno ridimensionare lo scarso valore di quanto scritto nei capitoli precedenti.
Ritieni utile questa recensione? SI NO