L' ultimo giorno di un condannato a morte

L' ultimo giorno di un condannato a morte

4.5

di Victor Hugo


  • Prezzo: € 8.00
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 

Spedizione a 1€ Spedizione con Corriere a 1€ sopra i 24 euro!   Scopri come

Prodotti correlati:

I libri più venduti di Victor Hugo:


Dettagli del libro


Voto medio del prodotto:  4.5 (4.6 di 5 su 5 recensioni)

4.0Molto toccante, 04-05-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Non conoscevo questo romanzo ma la storia mi ha attirata molto. Hugo descrive gli ultimi momenti di vita di un condannato alla ghigliottina in Francia. Nelle poche ore che gli restano, l'uomo ripensa alla sua vita, a ciò che ha fatto e alla speranza che possa arrivare la grazia. Libro bellissimo e molto toccante su un tema che ancora oggi divide le persone. Molto intensa la parte di preparazione all'esecuzione e il momento in cui il condannato si trova sul patibolo. Da leggere.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0L'ultimo giorno di un condannato a morte, 25-11-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Questo breve racconto di cui ignoravo l'esistenza fino a quando non l'ho visto su una bancarella di libri usati, è un'arringa disperata e toccante contro la pena di morte. L'ho letto in poche ore, tutto d'un fiato, immedesimandomi continuamente in quest'uomo che vive le sue ultime, strazianti ore di vita in attesa dell'esecuzione della sentenza, fino all'ultimo viaggio in carrozza verso il patibolo, passando attraverso la folla urlante come ad una festa.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Un piccolo capolavoro ingiustamente messo da parte, 05-09-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Questo è uno di quei piccoli capolavori che vengono ingiustamente messi da parte, vi consiglio caldamente di leggerlo.
Il punto di vista è quello di un giovane ragazzo francese, di poco più di vent'anni, che è stato condannato a morte. Non verrà mai menzionato il suo nome, nè cosa abbia fatto per essere condannato, però sappiamo che nonostante la giovane età ha già una moglie e una figlia; in tutto il libro traspare una sensazione claustrofobica derivante dagli ambienti angusti delle prigioni e dei tribunali.
Inizialmente, la sensazione predominante non è il desiderio di libertà, anzi, il ragazzo sembra quasi non aver preso pienamente coscienza della condizione in cui si trova; d'altra parte, all'inizio del libro mancano ben 5 settimane all'esecuzione, e ha ancora tutto il tempo di coltivare la speranza che il suo appello venga accettato. Ma man mano che si va avanti, il desiderio di ritornare libero e il disperato cercare appigli verso il mondo esterno, come anche solo la vista di un fiore a rallegrare l'aula di tribunale, si fanno sempre più forti. E così esprime con forza quanto sia ingiusta la pena di morte, che diritto pensano di avere, le persone, per porre fine alla vita di qualcun altro?
Poi la preoccupazione si sposta verso la sua famiglia, che si ritroverà senza un marito e senza un padre per la sua piccola figlia di tre anni...
La speranza di un cambio di sentenza raggiunge il suo picco più forte nell'ultima pagina, fino a portare il lettore a credere veramente che l'esecuzione potrebbe non avvenire... ma purtroppo, il titolo parla, e non sarà così. Il testo all'ultima pagina si interrompe proprio nel punto in cui si presume siano venuti a prenderlo per portarlo al patibolo.

Nella prefazione non viene specificato se sia uno scritto originale, o meno, e lascia al lettore l'interpretazione.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Coinvolgente , 09-08-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Sono arrivato a questo piccolo romanzo quasi per caso, ma sono contento di esserne entrato in possesso.
La storia è coinvolgente, e porta il lettore ad una profonda riflessione.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Terribilmente angosciante..., 14-12-2009
di - leggi tutte le sue recensioni
Il ritmo è lento, ma pian piano si avvertono dei cambiamenti, fin quando, verso la fine, il ritmo diventa incalzante e ti assale. Il terribile spettacolo al quale si assiste è quello di un uomo che conosce la sua fine e che sa bene quante ore, minuti, secondi, mancano alla sua esecuzione. E tutto si fa ancora più triste quando quest'uomo incontra sua figlia, che non riesce più a riconoscerlo e che quasi lo teme, ha paura di quell'uomo sconosciuto che ha davanti. E così il dolore ti assale e ti fa giungere ad un finale angosciante e amaro.
Ritieni utile questa recensione? SI NO