€ 12.69€ 13.50
    Risparmi: € 0.81 (6%)
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Tu che mi guardi, tu che mi racconti. Filosofia della narrazione

Tu che mi guardi, tu che mi racconti. Filosofia della narrazione

di Adriana Cavarero


Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
  • Editore: Feltrinelli
  • Collana: Elementi
  • Edizione: 4
  • Data di Pubblicazione: gennaio 2009
  • EAN: 9788807470110
  • ISBN: 880747011X
  • Pagine: 192
Non "che cosa" è ciascuno, ma "chi" è: si potrebbe sintetizzare così la categoria di "unicità" elaborata da Hannah Arendt. In una prospettiva femminista, Cavarero utilizza l'unicità per polemizzare contro due posizioni della filosofia contemporanea. Ogni essere umano, nella sua unicità, desidera ricevere da un altro il racconto della propria storia. Solo gli altri possono scorgere il disegno di un'identità nel corso della sua esistenza e raccontarla in presa diretta, in sua presenza. Contro le astrusità e i luoghi comuni della filosofia, Cavarero convoca Hannah Arendt, Karen Blixen, Edipo, Borges, Ulisse, Rilke, Euridice, Sheherazade per illuminare i racconti con cui ci desideriamo reciprocamente e che ci donano un ritratto in cui riconoscerci.

Acquistali insieme:

Gli utenti che comprano Tu che mi guardi, tu che mi racconti. Filosofia della narrazione acquistano anche Uno psicologo nei lager di Viktor E. Frankl € 14.25
Tu che mi guardi, tu che mi racconti. Filosofia della narrazione
aggiungi
Uno psicologo nei lager
aggiungi
€ 26.94


Voto medio del prodotto:  4.0 (4 di 5 su 1 recensione)

4.0La narrazione di se, 27-04-2012, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
La Cavarero è una delle più conosciute rappresentanti del pensiero della differenza dei generi. Studio complesso che affronta il grande argomento della discussione sulla letteratura da un punto di vista "culturale" e "femminile". Le donne come detentrici privilegiate della tecnica del narrare dove il narrare simboleggia l'oggettivazione della propria esistenza e una differenza dallo spazio "politico", sociale e maschile.
Ritieni utile questa recensione? SI NO