Troppo buoni con le donne

Troppo buoni con le donne

4.5

di Raymond Queneau


  • Prezzo: € 10.50
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 

Spedizione a 1€ Spedizione con Corriere a 1€ sopra i 24 euro!   Scopri come

Descrizione

Il romanzo è stato scritto da Queneau nel 1971, cinque anni prima di morire, quando l'autore aveva già pubblicato le sue opere maggiori di narrativa e i folgoranti saggi letterari. Vi si narra di un gruppo di repubblicani irlandesi che si impegnano, nel fatidico 1916, a occupare un ufficio postale di Dublino. Sono sette buoni diavoli che improvvisano un'azione rivoluzionaria nella più totale sprovvedutezza. Evacuano l'ufficio, fanno secco il suo direttore, e si preparano, perché così vuole l'autore, a vivere ore di inatteso eroismo che dovrebbe venire da un'accanita resistenza alla prevedibile controffensiva inglese. Nei piani abborracciati dei sette prodi, c'è però un evento imprevisto.

Prodotti correlati:

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di Raymond Queneau:


Dettagli del libro


Voto medio del prodotto:  4.5 (4.3 di 5 su 3 recensioni)

4.0Allegro, 20-05-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Paradossale e divertente come ci si attende che sia ogni altro romanzo di Queneau. Più che militanti all'Irish Republican Army, i sequestratori dell'ufficio postale di Dublino, sembravano l'Armata Brancaleone. Non l'ho trovato surreale e visionario come altre sue opere ma si merita indubbiamente una lettura anche di chi non ama il genere grottesco.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Un romanzo "irlandese", 03-05-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Un romanzo scorrevole, divertentissimo, che usa l'insurrezione irlandese per parlare del conflitto tra culture e del falso moralismo. Queneau era sodale di Boris Vian e questo libro mi ricorda un po' "Sputerò sulle vostre tombe" proprio dello stesso autore, testo un po' pulp con una leggera velatura di luci rosse e pieno di ironia, ma entrambi, letti con attenzione, mascherano molto di più. Geniale!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Troppo buoni con le donne, 02-11-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
All'inizio ho trovato qualche difficoltà di lettura.
Sembrava scritto in una specie di dialetto.
Il tutto era invece un "trucco" dell'autore per caratterizzare i personaggi e dare il giusto tono alla storia. Divertente e ironico con quel pizzico di satira che non guasta mai.
Ritieni utile questa recensione? SI NO