€ 10.50
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Troppo buoni con le donne

Troppo buoni con le donne

di Raymond Queneau


Prodotto momentaneamente non disponibile
Il romanzo è stato scritto da Queneau nel 1971, cinque anni prima di morire, quando l'autore aveva già pubblicato le sue opere maggiori di narrativa e i folgoranti saggi letterari. Vi si narra di un gruppo di repubblicani irlandesi che si impegnano, nel fatidico 1916, a occupare un ufficio postale di Dublino. Sono sette buoni diavoli che improvvisano un'azione rivoluzionaria nella più totale sprovvedutezza. Evacuano l'ufficio, fanno secco il suo direttore, e si preparano, perché così vuole l'autore, a vivere ore di inatteso eroismo che dovrebbe venire da un'accanita resistenza alla prevedibile controffensiva inglese. Nei piani abborracciati dei sette prodi, c'è però un evento imprevisto.

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di Raymond Queneau:

Voto medio del prodotto:  4.5 (4.3 di 5 su 3 recensioni)

4.0Allegro, 20-05-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Paradossale e divertente come ci si attende che sia ogni altro romanzo di Queneau. Più che militanti all'Irish Republican Army, i sequestratori dell'ufficio postale di Dublino, sembravano l'Armata Brancaleone. Non l'ho trovato surreale e visionario come altre sue opere ma si merita indubbiamente una lettura anche di chi non ama il genere grottesco.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Un romanzo "irlandese", 03-05-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Un romanzo scorrevole, divertentissimo, che usa l'insurrezione irlandese per parlare del conflitto tra culture e del falso moralismo. Queneau era sodale di Boris Vian e questo libro mi ricorda un po' "Sputerò sulle vostre tombe" proprio dello stesso autore, testo un po' pulp con una leggera velatura di luci rosse e pieno di ironia, ma entrambi, letti con attenzione, mascherano molto di più. Geniale!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Troppo buoni con le donne, 02-11-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
All'inizio ho trovato qualche difficoltà di lettura.
Sembrava scritto in una specie di dialetto.
Il tutto era invece un "trucco" dell'autore per caratterizzare i personaggi e dare il giusto tono alla storia. Divertente e ironico con quel pizzico di satira che non guasta mai.
Ritieni utile questa recensione? SI NO