Il trionfo della morte

Il trionfo della morte

4.0

di Gabriele D'Annunzio


  • Prezzo: € 10.50
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 

Spedizione a 1€ Spedizione con Corriere a 1€ sopra i 24 euro!   Scopri come

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di Gabriele D'Annunzio:


Dettagli del libro


Voto medio del prodotto:  3.5 (3.8 di 5 su 8 recensioni)

3.0Il trionfo della morte, 27-03-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Romanzo che insieme ad altri due (precisamente Il piacere e L'innocente) forma la trilogia nota come 'i romanzi della Rosa' , è fortemente legato all'ideologia tipicamente dannunziana del superuomo. Ed è un po' così, Giorgio Aurispa, il suo protagonista, eccessivo, superiore, dispersivo e disincantato. Una storia originale anche per la struttura narrativa.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Il trionfo della morte, 06-07-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Il titolo di persè già parla chiaro, sappiamo già cosa leggeremo, tuttavia non sconvolge per nulla il lettore, in quanto sin dalle prime pagine l'autore insiste fortemente sul tema della morte. Giorgio ed Ippolita sono i due personaggi principali: sono amanti, vivono una relazione clandestina tormentata e vorticosa, la donna è malata d'epilessia e nel contempo è talmente vigorosa e misteriosa da attrarre Giorgio in maniera ineludibile. Ancora una volta un romanzo di D'Annunzio che pone sulla scena il fallimento del modello superomistico e la contraria celebrazione di un antieroe, omicida e suicida al tempo stesso.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Il trionfo della morte, 06-07-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Gli influssi del decadentismo emergono in tutta la loro proflussività, ma non è il romanzo dannunziano che preferisco, ma contiene uno dei suoi più celebri pezzi di virtuosismo lessicale e imaginifico: l'inorridita descrizione dei pellegrini al santuario di Casalbordino, dove il gusto decadente per il sordido e lo sfatto rasenta il grottesco - oppure, se si preferisce, vi cade a capofitto.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Il trionfo della morte, 05-04-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Questo è un po' il manifesto del superomismo nietzscheano in salsa italica. La vita tragica di Giorgio Aurispa, continuamente conteso tra la sensuale carnalità della vita ed il romantico abbraccio della morte. L'eredità psicologica dell'adorato zio Demetrio - suicida -, l'attrazionedisgusto nei confronti di Ippolita, il tutto mescolato in una decadente, superomistica concezione della vita. E della morte.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Il trionfo della morte, 05-10-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Un D'Annunzio in piena ubriacatura nicciana (e wagneriana) con tanto di finale tragico; non è il romanzo dannunziano che preferisco, ma contiene uno dei suoi più celebri pezzi di virtuosismo lessicale e imaginifico: l'inorridita descrizione dei pellegrini al santuario di Casalbordino, dove il gusto decadente per il sordido e lo sfatto rasenta il grottesco - oppure, se si preferisce, vi cade a capofitto.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Una conclusione tragica, ma annunciata, 15-09-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Il titolo di questo romanzo dannunziano già prelude alla catastrofe finale, che tuttavia non sconvolge per nulla il lettore, in quanto sin dalle prime pagine l'autore insiste fortemente sul tema della morte. Giorgio Aursipa ed Ippolita Sanzio sono i due personaggi principali: sono amanti, vivono una relazione clandestina tormentata e vorticosa, la donna è malata d'epilessia e nel contempo è talmente vigorosa e misteriosa da attrarre Giorgio in maniera ineludibile. Ancora una volta un romanzo di D'Annunzio che pone sulla scena il fallimento del modello superomistico e la contraria celebrazione di un antieroe, omicida e suicida al tempo stesso.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Una conclusione tragica, ma annunciata, 25-08-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Il titolo di questo romanzo dannunziano già prelude alla catastrofe finale, che tuttavia non sconvolge per nulla il lettore, in quanto sin dalle prime pagine l'autore insiste fortemente sul tema della morte. Giorgio Aursipa ed Ippolita Sanzio sono i due personaggi principali: sono amanti, vivono una relazione clandestina tormentata e vorticosa, la donna è malata d'epilessia e nel contempo è talmente vigorosa e misteriosa da attrarre Giorgio in maniera ineludibile. Ancora una volta un romanzo di D'Annunzio che pone sulla scena il fallimento del modello superomistico e la contraria celebrazione di un antieroe, omicida e suicida al tempo stesso.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0romanzo raffinato, 13-07-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Nonostante il titolo il romanzo è raffinato come stile e nemmeno troppo scabroso, anche se personalmente preferisco storie non complicate. Si legge con gusto e piace per come affronta, l'autore, le vicissitudini di una coppia.
Ritieni utile questa recensione? SI NO