€ 11.05€ 13.00
    Risparmi: € 1.95 (15%)
Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativiMetti nel carrello
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
La trilogia degli occhiali: Acquasanta-Il castello della Zisa-Ballarini

La trilogia degli occhiali: Acquasanta-Il castello della Zisa-Ballarini

di Emma Dante

4.0

Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
  • Editore: Rizzoli
  • Data di Pubblicazione: gennaio 2011
  • EAN: 9788817047197
  • ISBN: 8817047198
  • Pagine: 93
  • Formato: brossura

 Questo prodotto appartiene alla promozione  Rizzoli
Tre spettacoli autonomi, eppure legati, per rappresentare i temi della povertà, della malattia e della vecchiaia. In Acquasanta un mendicante rievoca la sua vita da marinaio, ancorato alla prua di una nave immaginaria: "(...) Spicchiato è stato lasciato a terra perché ha dichiarato il proprio amore al mare, " "a guagliona sua". Il castello della Zisa è la storia di Nicola, un ragazzo down, che abitava nel quartiere popolare che dà nome all'opera. Da lungo tempo addormentato, in sogno si convince di avere una missione: difendere il castello che vede fuori dalla finestra. In Ballarini, due vecchi danzano e tirano fuori da un baule i loro ricordi: lui una bottiglia di spumante, lei un carillon. Sulle note ilei Ballo del mattone, festeggiano un capodanno di tanti anni prima.

Acquistali insieme:

Gli utenti che comprano La trilogia degli occhiali: Acquasanta-Il castello della Zisa-Ballarini acquistano anche Antologia teatrale di A. Lezza, A. Acanfora, C. Lucia (a cura di) € 24.95
La trilogia degli occhiali: Acquasanta-Il castello della Zisa-Ballarini
aggiungi
Antologia teatrale
aggiungi
€ 36.00


Voto medio del prodotto:  4.0 (4 di 5 su 1 recensione)

4.0Trilogia degli occhiali, 06-04-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Meravigliosa nella sua brevità, no ve lo scorderete facilmente. Bellissima questa Trilogia di Emma Dante. Un teatro che sposa le parole al movimento e alla musica, a tratti dolce e a tratti violento, per raccontare storie di ordinaria solitudine, emarginazione, incomprensione.
Com'è difficile accettare il diverso e soprattutto avvicinarvisi.
Ritieni utile questa recensione? SI NO