€ 12.39
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
La tregua

La tregua

di Primo Levi

4.5

Prodotto momentaneamente non disponibile
  • Editore: Einaudi
  • Collana: Nuovi Coralli
  • Edizione: 6
  • Data di Pubblicazione: gennaio 1997
  • EAN: 9788806318642
  • ISBN: 8806318640
  • Pagine: 259

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di Primo Levi:


Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su La tregua e condividi la tua opinione con altri utenti.

Voto medio del prodotto:  4.5 (4.5 di 5 su 21 recensioni)

5.0Capolavoro, 22-03-2012, ritenuta utile da 4 utenti su 4
di - leggi tutte le sue recensioni
Dopo "se questo è un uomo" Primo levi racconta in uno straordinario romanzo il viaggio in treno verso la libertà. Così, descrive in questo libro, il rientro in Italia attraverso l'Europa. Un capolavoro che cattura il lettore rendendolo partecipe, nella speranza e nella quasi incredulità, che tutto possa finalmente finire a testimonianza di una verità al limite della sopravvivenza... Insomma... Un treno da non perdere.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0La tregua, 10-03-2012, ritenuta utile da 4 utenti su 4
di - leggi tutte le sue recensioni
"La tregua" di Primo Levi è il libro che segue a "Se questo è un uomo". Dopo la liberazione dal campo di concentramento di Auschwitz, Levi racconta l'odissea del viaggio di ritorno verso l'Italia. Le notti sono ancora tremende e feroci, perseguitate da fantasmi e sogni violenti. L'unica speranza è di tornare a casa e di raccontare; e dopo?
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0L'odissea di uomini dimenticati da Dio, 29-02-2012, ritenuta utile da 3 utenti su 3
di - leggi tutte le sue recensioni
E' l'odissea, quella vera, quella senza gli Dei che ostacolano il cammino all'ereo Greco, quella degli uomini, che dimenticati da Dio e dalla propria patria sono dati per morti e sono costretti ad un lungo viaggio rischiando la morte per poter tornare a casa dalle proprie famiglie.
Non è bastato l'inferno dei Campi di Concentramento, Levi è costretto ancora ad un prova, forse l'ultima prima di poter tornare a casa.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Odissea del XX secolo, 16-05-2011, ritenuta utile da 5 utenti su 5
di - leggi tutte le sue recensioni
Il viaggio di ritorno dopo la liberazione del campo da parte dell'Armata Rossa con tutte le vicissitudini da affrontare prima di tornare finalmente a casa, a Torino. Riprende esattamente dove si interrompe "Se questo è un uomo" e si nota subito il diverso ritmo della narrazione. Ritmo ottimista di chi sta tornando a casa!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Tutti fratelli... Si può riprendere a vivere..., 29-03-2011, ritenuta utile da 6 utenti su 7
di - leggi tutte le sue recensioni
Forse il più bello fra i libri di Levi, ispiratore di più di un film al riguardo, vera odissea per la libertà. Storia di un novello Ulisse dei binari, attraverso un Europa tormentata, liberata e distrutta, come può liberare una guerra... Storia per riflettere, affronta con malinconica leggerezza, sottile ironia, a volte con puro divertimento orrori persi nella memoria del tempo. Non perché medievali ma forse cancellati dalla memoria collettiva perche' troppo terribili, così assurdi ed incredibili che qualcuno ancora oggi si ostina a negarli. Eppure fa sorridere, tenero, mescola razze, generi umani, aguzzini e vittime, liberatori e liberati in un grande palcoscenico teatrale (da suggerire a Paolini, chissà che bello lo farebbe) dove i vagoni sono le stanze di questi Europei, tutti fratelli e tutti amici-nemici, ma io mi chiedo se succedesse a me... Riuscirei a riprendere a vivere?
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Una piccola odissea moderna, 09-03-2011, ritenuta utile da 4 utenti su 4
di - leggi tutte le sue recensioni
Dopo "Se questo è un uomo" questo libro narra il ritorno in Italia del protagonista e autore. Un viaggio dolce e amaro, avventuroso e grottesco, segnato dal desiderio di riabbracciare i familiari in patria e dalla memoria ferita nei campi di concentramento.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Un lungo viaggio, una piccola tregua, 17-01-2011, ritenuta utile da 7 utenti su 7
di - leggi tutte le sue recensioni
Il viaggio di ritorno verso casa di un prigioniero di Auschwitz come Primo Levi. Primo Levi è uno dei pochissimi fortunati scampati agli orrori nazisti che riuscirono a far ritorno nella propria città e ritrovare la propria casa e i propri famigliari ancora in vita. Un lunghissimo e imprevedibile viaggio di ritorno attraverso l'Europa devastata da una folle e assuurda guerra dopo aver trascorso un anno in uno dei più famigerati campi di sterminio solo perché nato ebreo, Primo Levi non si liberò mai della sua prigionia, non si liberò di Auschwitz solo perché la sua vita non era più minacciata dalla barbarie nazista ogni istante. Come per molti altri sopravvissuti, anche per Primo Levi, il ritorno alla vita da libero cittadino nella sua patria fu per tempo segnato dalle abitudini acquisite forzatamente nel Lager delle quali si liberò difficilmente; come la ricerca continua del cibo nonostante sazio perché memore del ricordo della senzasione della fame che dimorava nella sua condizione di prigioniero del lager, come della senzasione di oppressione nel sognare il comando "sveglia" in polacco a ogni alba. Non si liberò mai della scritta all'ingresso di Auschwitz, "Il lavoro rende liberi", perché, come scrive in "Se questo è un Uomo", quella scritta per pochi fortunati fu la salvezza. Non si liberò mai del ricordo di tutti quei compagni di prigionia, amici o non amici, conoscenti o non conoscenti, che morirono nel campo. Una tregua quella del tempo trascorso per il suo rimpatrio e poi l'impegno di una vita per far conoscere agli uomini quello che è veramente stato.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Duro ritorno, 30-11-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Leggendo "Se questo è un uomo", dello stesso autore, restai inorridito della crudeltà raccontata.
P. Levi, liberato insieme a migliaia di altri sventurati dalla schiavitù inflitta dai tedeschi nel lager, riprende la lunga strada del ritorno in patria ma neppure lontanamente avrebbe immaginato quanto aspra e dolorosa sarebbe stata questa "tregua".
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Il ritorno (passando per un altro inferno), 24-11-2010, ritenuta utile da 4 utenti su 5
di - leggi tutte le sue recensioni
Immaginate - ma è quasi impossibile - cosa può comportare il viaggio di ritorno - da Auschwitz verso l'Italia - dopo mesi di permanenza in un campo di concetramento tra i più brutali, al termine della seconda guerra mondiale. Se il viaggio di andata ha impiegato qualche giorno di stenti - ma "organizzato" dalla macchina da guerra tedesca - (80 persone in un vagone senza acqua, cibo, servizi igienici) quello di ritorno impiegherà mesi in un inferno alleviato solo dalla speranza di ritornare in patria, alla pace. Quando la resistenza fisica e l'anima sono messi a dura prova, c'è chi a fatica, malamente riesce a sopravvivere; c'è - e sono tanti - chi soccombe quando ormai è "finita".
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Da leggere per non dimenticare, 22-11-2010, ritenuta utile da 3 utenti su 3
di - leggi tutte le sue recensioni
Proseguimento di "Se questo è un uomo". Descrive il rocambolesco viaggio di ritorno verso casa dei prigionieri dopo la liberazione dai campi di sterminio nazisti durante la seconda guerra mondiale. Il viaggio dura tanti mesi e attraversa quasi tutta l'Europa; è travagliato, difficile, male organizzato e i prigionieri devono badare a se stessi e cercare di sopravvivere in ogni modo.
Da leggere per non dimenticare una delle pagine più atroci del genere umano
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Fine della sventura?, 19-11-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Quando lessi "Se questo è un uomo", dello stesso autore, restai inorridito della crudeltà raccontata. Qui P. Levi, liberato insieme a migliaia di altri sventurati dalla schiavitù inflitta dai tedeschi nel lager, riprende la lunga strada del ritorno in patria. Neppure lontanamente immaginava quanto aspra e dolorosa sarebbe stata questa "tregua".
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Se questo è un uomo - La tregua, 11-11-2010, ritenuta utile da 2 utenti su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
Finalmente l'ho letto. Il voto-gradimento non e' superiore non tanto per la frammentarieta', quanto perche' questo "studio pacato di alcuni aspetti dell'animo umano", come scrive Levi, soprattutto nella seconda parte diventa
un po' troppo distaccato, quasi documentaristico. Tutta la prima parte
invece mi e' arrivata come un cazzotto nello stomaco ("Warum?" - gli ho chiesto nel mio povero tedesco - "Hier ist kein warum" - qui non c'e' perche').
Chirurgico
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Leggi anche le altre recensioni su La tregua (21)