€ 8.46€ 9.00
    Risparmi: € 0.54 (6%)
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativiMetti nel carrello
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Tonio Kröger-La morte a Venezia-Cane e padrone

Tonio Kröger-La morte a Venezia-Cane e padrone

di Thomas Mann

2.0

Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
  • Editore: Garzanti Libri
  • Collana: I grandi libri
  • Edizione: 21
  • Traduttore: Villari S. T.
  • Data di Pubblicazione: febbraio 2008
  • EAN: 9788811360148
  • ISBN: 8811360145
  • Pagine: XXI-249
  • Formato: brossura
Un tema fondamentale, affrontato da prospettive differenti, unisce i tre racconti; fondamentale nell'opera di Mann e nella sua privata biografia. Si tratta del problematico rapporto arte-vita, del sofferto contrasto tra la necessità dell'artista di allontanarsi dalla vita comune degli "altri" e il suo desiderio, la nostalgia, quasi l'invidia per quella vita comune, ordinaria e cordiale, semplice, fluente. L'isolamento dell'artista appare ineluttabile, ma nel suo scandaglio sapiente e sottile degli anfratti oscuri dell'animo umano Mann riscopre una humanitas fatta su misura, chiarezza ed equilibrio, di amore verso le cose più umili, anche verso un cane bastardo che basta ridonare a un artista la gioia della vita.

Prodotti correlati:

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di Thomas Mann:


Voto medio del prodotto:  2.0 (2 di 5 su 2 recensioni)

3.0Tonio Krger - La morte a Venezia - Cane e padrone, 28-03-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
L'ho finito da due giorni e benché ancora a freddo provo a fare un breve commento. Tonio Krger. A metà strada fra il racconto ed il romanzo breve, questo è quello dei tre che ho preferito. Mann affronta la problematica del difficile rapporto con la vita degli individui artisticamente dotati che, a suo dire, non riescono a godere delle bellezze dell'esistenza con la stessa leggerezza d'animo delle persone comuni. Mann, si dice anche in chiave autobiografica, analizza le difficoltà adolescenziali dell'artista che si perde nei suoi pensieri e non riesce a dare rilievo agli aspetti concreti della vita. Interessante.
Morte a Venezia. Letto per la Sfida del protagonista. L'anziano Gustav Von Aschenbach, dopo una vita totalmente dedicata alla creazione metodica, faticosa e fruttuosa della sua arte, sente nel suo animo l'impetuoso desiderio di viaggiare, avere nuove esperienze, provare cambiamenti. Si reca quindi a Venezia e tra gli ospiti dell'albergo, la sua attenzione cade su una famiglia polacca, di cui fa parte un bellissimo adolescente, Tadzio. La narrazione è lenta, a tratti visionaria, con lunghe descrizioni minuziose anche degli aspetti apparentemente più insignificanti.
Dopo averlo letto mi sono un po' documentata su internet e ho scoperto che Roberto Vecchioni ha musicato questo racconto in La bellezza. La canzone mi ha fatto apprezzare di più la storia, anche perchè rende in maniera perfetta anche tutta la malinconia di cui è densa l'opera. Prodigi dell'arte.
Cane e padrone. Di sicuro questo è il racconto in cui l'effetto delle dense descrizioni si fa sentire di più. Un narratore interno in prima persona rappresentato dal padrone racconta in ogni più minuzioso particolare la vita del protagonista: il cane Bauschan.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
1.0Non ci siamo capiti., 23-09-2010, ritenuta utile da 1 utente su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
Sinceramente non ho capito cosa voglia dare questo libro. E'un pò noioso per i miei gusti, tanto d non farmelo apprezzare nemmeno se di pochissime pagine. Ma come si suol dire, non conta la lunghezza ma il contenuto!
Ritieni utile questa recensione? SI NO