€ 16.53
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Texaco

Texaco

di Patrick Chamoiseau

4.0

Prodotto momentaneamente non disponibile
  • Editore: Einaudi
  • Collana: Supercoralli
  • Traduttore: Atzeni S.
  • Data di Pubblicazione: gennaio 1997
  • EAN: 9788806133450
  • ISBN: 8806133454
  • Pagine: 406
Texaco narra l'epopea del popolo delle Antille dai tempi in cui decine di migliaia di negri erano schiavi di un pugno di bianchi alla attuale società multietnica dove le differenze vengono ipocritamente nascoste, ma il potere non ha cambiato detentori, al massimo ha cooptato i mulatti benestanti. Texaco è un quartiere di baracche abbarbicate sulle coste di Fort de France (Martinica), abitate da negri, poveri e liberi. Il municipio invia un urbanista per abbattere tutto al suolo. Ma gli abitanti lo prendono per il Cristo salvatore. E Marie Sophie Laborieux gli racconta la propria storia, quella del nonno e quella del padre. Racconta cioè l'intera terra antillana: disperazione e magia, favole, poesia e sogno.

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di Patrick Chamoiseau:


Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su Texaco e condividi la tua opinione con altri utenti.

Voto medio del prodotto:  4.0 (4 di 5 su 1 recensione)

4.0Texaco, 22-02-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Ne ho lette parecchie recensioni positive, così ho deciso di comprarlo Il premio Goncourt spesso premia romanzi di qualità, a differenza dei tanti, troppi premi nostrani, e questo libro di Chamoiseau ne rappresenta la più lampante testimonianza. Se non fosse perché sono del parere che ogni libro rappresenta un mondo a sé, sarei tentato di trovare ed evidenziare i molti parallelismi di Texaco con il capolavoro di Garca Mrquez Cent'anni di solitudine. Si tratta infatti di un'epopea che dura grosso modo 150 anni e che ha come sfondo geografico la Martinica, e come sfondo sociale la lenta e difficoltosa ricerca dell'identità creola formatasi dalle deportazioni ed emigrazioni quasi forzate di persone da tutte le zone più povere della terra, e dal confronto con l'identità beké, ovvero quella francese. E anche qui c'è una famiglia protagonista, che qualche filosofo potrebbe anche identificare con lo "spirito" creolo, in quanto la ricerca stessa dell'identità creola può essere assimilata al lungo e faticoso percorso dello spirito delle persone che lentamente prende forma fino ad assumere quei connotati culturali che determinano una certa identità. E l'identità creola raccontata in questo libro è un'identità che trova nella sofferenza e nella schiavitù le sue origini più profonde, ma senza nascondere un passato che a molti potrebbe sembrare vergognoso, e tale dovrebbe essere per i colonizzatori e non per i colonizzati, anzi, trovando in esso la dignità e la forza per definire il proprio presente storico non in opposizione ma in complementarietà con l'identità subita dai colonizzatori francesi. E il risultato va letto.
Ritieni utile questa recensione? SI NO