€ 7.50
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Terra e cenere

Terra e cenere

di Atiq Rahimi

4.0

Prodotto momentaneamente non disponibile
  • Editore: Einaudi
  • Collana: Einaudi. Stile libero
  • Traduttori: Karimi B., Moussavi Asl M.
  • Data di Pubblicazione: febbraio 2002
  • EAN: 9788806156862
  • ISBN: 8806156861
  • Pagine: 86
Una mattina, una come tutte le altre del conflitto sovietico in Afghanistan, "i tank si sono presi la voce della gente e sono ripartiti". Hanno distrutto un villaggio, hanno ucciso tutti. Sono rimasti solo Yassin, un bimbo che crede che il mondo sia di colpo ammutolito (e invece è lui a essere diventato sordo) e suo nonno, messaggero che si maledice per il messaggio che porta. Si mettono in cammino per raggiungere il padre dell'uno e figlio dell'altro, al lavoro in una miniera. Un ponte, un fiume di sassi in un mondo di pietra, una strada che si perde all'orizzonte. Il vecchio, mentre va tenendo per mano il nipote, parla, pensa. A se stesso, al nulla in un inferno di ricordi e rimorsi, di congetture e idee.

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di Atiq Rahimi:


Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su Terra e cenere e condividi la tua opinione con altri utenti.

Voto medio del prodotto:  4.0 (4 di 5 su 1 recensione)

4.0Il dramma della guerra, 22-08-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Il racconto presenta un narratore che osserva la scena davanti a sé. La sua non è una conversazione, ma una descrizione di ciò che provano nell'animo i due personaggi che sta osservando: un vecchio e un bambino in Afghanistan durante l'occupazione russa.
Nell'attesa di un mezzo di trasporto, scorrono nella mente del vecchio "le immagini e i sogni di ciò che hai visto, ma che non volevi vedere... o di ciò che devi vedere, ma che non vuoi vedere". Il vecchio, infatti, è il protagonista principale di questo racconto, che non descrive la guerra, ma le sue conseguenze.
L'autore scrive con uno stile insolito (si rivolge ai protagonisti dandogli del tu) e attraverso questa voce narrante, realizza un racconto quasi onirico dove realtà e sogno si ingarbugliano.
Ritieni utile questa recensione? SI NO