€ 8.37€ 8.90
    Risparmi: € 0.53 (6%)
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativiMetti nel carrello
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Il terminale uomo

Il terminale uomo

di Michael Crichton

3.5

Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
  • Editore: Garzanti Libri
  • Collana: Elefanti bestseller
  • Traduttore: Capriolo E.
  • Data di Pubblicazione: febbraio 2010
  • EAN: 9788811679493
  • ISBN: 8811679494
  • Pagine: 285
  • Formato: brossura
In questo romanzo teso e documentato Michael Crichton affronta il tema dei limiti e delle possibilità della scienza, interrogandosi sulla legittimità di un intervento volto a subordinare un essere umano alle macchine inventate dall'uomo. Il "terminale uomo" è Harry Benson, affetto da una forma di epilessia che lo induce periodicamente a raptus di violenza omicida. Contro il parere dello psichiatra, una equipe di medici tenta di mettere sotto controllo il suo cervello mediante l'applicazione di una serie di elettrodi. Ma la speranza di poter prevedere e gestire il comportamento di un essere umano si rivela drammaticamente vana.

Note su Michael Crichton

John Michael Crichton nacque a Chicago il 23 ottobre del 1942. Era il figlio di di John Henderson Crichton e Zula Miller. E’ cresciuto a Long Island, assieme ai genitori, alle sorelle Kimberly e Catherine e al fratello Douglas. Nel 1964 ha conseguito il diploma presso la Harvard University di Cambridge, nel Massachusetts. Successivamente ha proseguito gli studi presso la Harvard Medical School, dove nel 1969 si è laureato in Medicina e Chirurgia. A venticinque anni scoprì di essere affetto da una forma benigna di sclerosi multipla. Tra il 1969 e il 1970 ha frequentato alcune lezioni presso il Salk Institute for Biological Studies di La Jolla, in California, con l’obiettivo di prepararsi a svolgere la professione medica. Già durante questo periodo però Michael Crichton manifestava una forte passione per la scrittura, che lo ha portato a scrivere alcuni racconti con lo pseudonimo di John Lange e Jeffrey Hudson. Divenuto medico, ha poi deciso di abbandonare la professione per dedicarsi completamente alla narrativa. Tra i primi romanzi di Crichton vi è anche “Andromeda”, un romanzo di fantascienza del 1969 per il quale l’autore viene considerato uno dei padri del genere narrativo del thriller tecnologico. Grazie al denaro che è riuscito a mettere da parte con la vendita delle sue opere giovanili, Crichton ha potuto dedicarsi anche alla sua seconda grande passione: i viaggi. Ha viaggiato in tutto il mondo, traendo spunto per le opere successive. Si occupò anche di sceneggiatura e lavorò a stretto contatto con importanti registi, tra cui Steven Spielberg. Nel 1989 mentre discutevano sulla sceneggiatura della serie televisiva E.R. - Medici in prima linea, Crichton raccontò a Spielberg del romanzo che stava scrivendo, “Jurassic Park”. Il romanzo uscì nel 1990 e i diritti del libro furono acquistati da Spielberg ancora prima che l’opera venisse pubblicata. Nel 1993 Jurassic Park di Spielberg esce nelle sale cinematografiche. Sia il romanzo che il film ebbero un incredibile successo, tanto che Crichton ne scrisse il seguito (“Mondo perduto”, del 1995) il quale fu nuovamente adattato da Spielberg in un sequel cinematografico. Autore prolifico, i romanzi di Crichton hanno complessivamente venduto 150 milioni di copie. John Michael Crichton si è sposato e ha divorziato 4 volte. È morto a Los Angeles il 4 novembre 2008.

Prodotti correlati:

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di Michael Crichton:


Voto medio del prodotto:  3.5 (3.7 di 5 su 3 recensioni)

4.0Il terminale uomo, 05-07-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Un'opera che è un classico di Crichton, che unisce il suo passato da medico, spiegando, anzi, divulgando alcune tecniche al grande pubblico, con la sua notissima abilità da romanziere esperto. Questo libro riserva una certa suspance e un finale coraggioso. "Il terminale uomo" è un libro apprezzabile.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Il terminale Uomo, 28-03-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
In questo libro di quarant'anni fa, Michael Crichton affronta il delicato tema della dipendenza dell'uomo dalle macchine. In questo romanzo ipotizza che dei macchinari possano calmare il protagonista dai suoi impulsi più violenti. Ma qualche limite alla scienza va imposto, e l'unica tragica soluzione è quella che determimerà la scelta del protagonista. Un libro che anticipa i tempi, scritto con uno stile incalzante.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0non male, 23-10-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Non è uno dei più bei libri di Crichton, però l'ho trovato in ogni caso molto interessante. La trama magari andava sviluppata meglio a mio parere, ma tutto sommato credo valga la pena leggerlo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO