€ 18.00
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Il tempo che vorrei

Il tempo che vorrei

di Fabio Volo

3.5

Prodotto momentaneamente non disponibile
  • Editore: Mondadori
  • Data di Pubblicazione: novembre 2009
  • EAN: 9788804592389
  • ISBN: 8804592389
  • Pagine: 294
  • Formato: brossura
"I'll trade all my tomorrows for a single yesterday: cambierei tutti i miei domani per un solo ieri, come canta Janis Joplin." È forse proprio questo il tempo che vorrei. Lorenzo non sa amare, o semplicemente non sa dimostrarlo. Per questo motivo si trova di fronte a due amori difficili da riconquistare, da ricostruire: con un padre che forse non c'è mai stato e con una lei che se n'è andata. Forse diventare grandi significa imparare ad amare e a perdonare, fare un lungo viaggio alla ricerca del tempo che abbiamo perso e che non abbiamo più. È il percorso che compie Lorenzo, un viaggio alla ricerca di se stesso e dei suoi sentimenti, quelli più autentici, quelli più profondi. Il nuovo libro di Fabio Volo è anche il più sentito, il più vero, e la forza di questa sincerità viene fuori in ogni pagina. Ci si ritrova spesso a ridere in momenti di travolgente ironia. Ma soprattutto ci si ritrova emozionati, magari commossi, e stupiti di quanto la vita di Lorenzo assomigli a quella di ciascuno di noi.
Il tempo che vorrei è il nuovo romanzo di Fabio Volo, che, con due milioni e mezzo di copie e un passaparola entusiasta e incessante è uno degli autori più letti in assoluto. Ci sono un padre e un figlio su un treno, non si sa per dove nè perchè. Il figlio ha l'età dell'autore e questa non è l'unica somiglianza. In treno, si sa, è facile perdersi nei pensieri. E allora il figlio pensa e ricorda. Un'infanzia fatta di fantasie assurde, le stesse che passano per la testa a quasi tutti i bambini. Un amore finito male. L'amicizia, la malattia, il lavoro, il riscatto sociale. Ma il figlio pensa soprattutto al padre. In "Il tempo che vorrei" Fabio Volo tratta temi cari a tutti con una sensibilità e un'efficacia sorprendenti.

Note su Fabio Volo

Fabio Volo, nome d'arte di Fabio Bonetti, nasce il 23 giugno 1972 a Calcinate, in provincia di Bergamo. Il suo esordio come scrittore è preceduto da altre numerose attività che lo hanno reso uno dei protagonisti del panorama mediatico italiano. Dopo aver preso la licenza di scuola media, inizia a lavorare come panettiere nella panetteria di famiglia per poi tentare la carriera musicale, prima come batterista e poi come cantante incidendo alcuni singoli per la casa discografica bresciana Media Records. Nel 1996 fa la sua prima apparizione nel mondo radiofonico diventando presto uno dei personaggi di punta di Radio Capital. L'esordio in televisione avviene nel 98, quando conduce accanto a Simona Ventura e Andrea Pellizzari il programma di Italia 1 "Le iene". Nel 2000 torna in radio, questa volta per Radio Deejay, dove conduce il seguitissimo programma "Il volo del mattino" e inizia anche la sua attività come scrittore pubblicando il suo primo romanzo dal titolo "Esco a fare due passi", che vende 300.000 copie. Nel 2001 inizia la collaborazione con MTV e La7. I programmi che condurrà per MTV sono "Ca' Volo" (2001), "Italo-spagnolo" trasmesso in diretta da un attico a Barcellona (2006), "Italo-francese" in diretta da Parigi (2007) e Italo-americano, dagli Stati Uniti (2008). L'esordio nel mondo del cinema è del 2002 con "Casomai" di Alessandro D'Alatri, a cui segue "La Febbre", "manuale d'amore 2", "Bianco e nero" e "Matrimoni e altri disastri". La sua attività come scrittore prosegue parallelamente agli impegni radiofonici e televisivi. Il suo secondo libro, "E' una vita che ti aspetto" esce nel 2002. Nel 2006 pubblica "Un posto nel mondo" a cui seguono "Il giorno in più" (2007), "Il tempo che vorrei" (2009) e "Le prime luci del mattino", del 2011, anno in cui esce anche il film "Il giorno in più" tratto dal suo omonimo romanzo e in cui recita nel ruolo di protagonista. Collabora con importanti riviste e ha all'attivo alcune raccolte di CD musicali.  

Prodotti correlati:

I libri più venduti di Fabio Volo:


Voto medio del prodotto:  3.5 (3.3 di 5 su 129 recensioni)

4.0Bellissimo, 19-03-2015
di - leggi tutte le sue recensioni
"Non stai vivendo se non sai di vivere". Un bellissimo libro, che ho apprezzato molto di più quando l'ho riletto. Lorenzo si è appena lasciato con la sua ragazza, perché è non capace di amare. Ha un modo tutto suo di vivere gli affetti, ed è così chiuso in se stesso che non è capace di dimostrare agli altri quanto tenga a loro. Questo vale anche per il rapporto che ha con suo padre: un rapporto che non esiste, sempre limitato dalla paura reciproca di dirsi cosa prova davvero l'uno per l'altro. Lorenzo deve compiere un percorso di crescita dentro se stesso, alla ricerca dei suoi sentimenti veri, autentici e profondi. Molto bello.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
2.0Nulla d'eccezionale, 18-05-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Si somigliano tutti i libri di Fabio Volo! Un testo banale, privo di colpi di scena e riluttante alle innovazioni. Fabio Volo ha uno stile immediato e spoglio di carica emotiva, dal ritmo veloce e spregiudicato che punta a una lettura spoglia di emotività, banale e molto prevedibile fin dall'inizio per cui manca di stupore e il elttore è tentato all'abbandono.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
1.0Disastro!, 18-05-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Un testo banale, privo di colpi di scena e riluttante alle innovazioni. Fabio Volo ha uno stile immediato e spoglio di carica emotiva, dal ritmo veloce e spregiudicato che punta più a una lettura spoglia di emotività, banale e molto rpevedibile fin dall'inizio per cui manca di stupore e il elttore è tentato all'abbandono.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
2.0Piacevole, 16-05-2012, ritenuta utile da 1 utente su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
Il tempo che vorrei - Rispetto alle precedenti opere dello scrittore, devo dire di aver trovato questo romanzo alquanto piacevole e scorrevole, nonostante la trama sia alquanto banale e prevedibile. In effetti è ciò che mi porta il più delle volte ad assumere un comportamento diffidente nei confronti di Volo. Consigliato
Ritieni utile questa recensione? SI NO
1.0Banale, 10-05-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Fabio Volo è un altro di quei scrittori che si limitanoa rispecchiare e a servire un panorama letterario spesso autoreferenziale e dunque non in vena di una sincera creatività artistica. La sua scrittura è spoglia di eleganza. Si mostra così asciutta e lineare da non garantire alcun momento di svago. Semplicemente banale.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Ottimo!, 02-05-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
E' un libro scritto con uno stile estremamenmte scorrevole, in certi momenti anche divertente, che si legge d'un fiato. La cosa che mi ha forse colpito di piu' e' che Volo riesca ad esprimere cose che magari penso anch'io ma che non riesco a sintetizzare con la stessa chiarezza. Per me questo scrittore e' una scoperta!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
2.0Inconsistente, 03-04-2012, ritenuta utile da 3 utenti su 4
di - leggi tutte le sue recensioni
Incuriosito dallo straordinario successo di Volo ho provato a prenderne uno in mano. Confesso che ho fatto fatica a finirlo, non perche' sia scritto talmente male o perche' non sia scorrevole, ma per la fitta delusione che il romanzo stesso mi ha dato. Banale e' dir poco, inconsistente forse e' quella giusta, ma confesso che potrebbe essere colpa mia: troppo distante dal mio modo di agire di pensare, dalla mia generazione (ho superato la mezza eta' ) Ecco lo trovo piu' adatto ad un lettore giovane, sia per le problematiche che affronta, sia per come le affronta. Per inciso potrei dire che alcuni dei temi trattati, a suo tempo, sono stati oggetto di aspri confronti generazionali. Quelli di adesso sono rose e fiori, ma acuiti da una societa' piu' complessa e cattiva di quella degli anni 60-70. Adatto per un pubblico giovanile quindi, e chapeau, se vende cosi' tanto qualcuno qualcosa di buono lo trovera' certamente.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Il tempo che vorrei, 31-03-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Un figlio che ricorda un padre non sempre presente, per motivi per lo più legati al lavoro. Un amore che finisce perché lui non è capace di provare sentimenti. Storie comuni, vissute dalla maggioranza, credo, di lettori. Narrate in forma piana, semplice, comprensibile. Una buona lettura. E Fabio Volo è anche autore di diversi altri volumi. Leggiamolo, allora!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
2.0Il tempo che vorrei, 27-03-2012, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
I libri di Fabio Volo scorrono in fretta, si leggono veloci, anche perchè il contenuto a volte è proprio esile. In più, dopo un po' , ci si accorge e sembra che la storia sia sempre la stessa riveduta con ambientazioni differenti e leggere modifiche ai personaggi. Il più o meno trentenne superficiale e depresso che ritrova l'amore della sua vita, condita da personaggi satellite mai approfonditi. Insomma con il tempo Volo non migliora, resta uguale e francamente si può fare a meno di leggerlo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Il tempo che vorrei, 22-03-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Il protagonista si trova di fronte a due rapporti difficili uno con un padre poco presente, e l'altro con una lei che non c'è più. Fa un percorso che lo aiuterà a capire quali sono i suoi errori. Una letture semplice e una trama bella anche se ho trovato l'autore un po ripetitivo in questo romanzo ed il finale è stato insoddisfacente dal mio punto di vista.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Good: ), 20-03-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Il romanzo si basa sulle riflessioni di Lorenzo, Lorenzo che amava la sua donna ma l'ha lasciata andar via, Lorenzo che tiene a suo padre, ma non ha mai avuto un ottimo rapporto... Lo stesso che adesso si rende conto di aver sbagliato e gli piacerebbe rimediare... Una lettura semplice ma coinvolgente e intensa.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Molto bello, 19-03-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Non avevo mai letto nulla di Fabio Volo, ma spinta da ragazzo e amici ho tentato l'impresa. E mi sono stupita: è uno scrittore niente male (non un Dante Alighieri, ma uno che sa come mettere insieme una frase grammaticalmente corretta e fonderla poi con un buon contenuto) .
L'analisi del rapporto col padre poi è toccante.
Lo consiglio.
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Leggi anche le altre recensioni su Il tempo che vorrei (129)