€ 12.00
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Sulla strada

Sulla strada

di Jack Kerouac

3.0

Prodotto momentaneamente non disponibile
  • Editore: Mondadori
  • Collana: Oscar bestsellers
  • Traduttore: Caramella M.
  • Data di Pubblicazione: agosto 2007
  • EAN: 9788804573500
  • ISBN: 8804573503
  • Pagine: XIII-362
  • Formato: brossura
Dean e Sal (trasfigurazioni letterarie di Neal Cassady e Jack Kerouac) si mettono in viaggio, animati da una infinita ansia di vita e di esperienza, sulle interminabili highways dell'America e del Messico. "Sulla strada" ne registra le tappe, le rivelazioni, gli incontri, regalandoci una storia di grande autenticità artistica ed esistenziale. Romanzo dell'amicizia e delle difficoltà dell'amore, della ricerca di sé, del desiderio di appartenenza e dell'impossibilità di rinunciare al desiderio e al bisogno di rivolta, narrazione dell'ansia di un andare senza fine che cancelli l'ombra della noia e quella più grande e cupa della morte, Sulla strada da corpo a tutti i grandi miti dell'America. Ma è anche il romanzo della coscienza dell'oscurità, del silenzio insuperabile, dell'impossibilità della comunicazione, del ritorno ossessivo a cui ogni partire sembra ricondurre. Un'opera che, nei suoi valori compositivi, rivela una solidità di impianto dissimulata dai ritmi tesi e coinvolgenti della prosa di uno dei grandi padri della Beat Generation; un libro dall'immenso valore storico-culturale, ben illustrato dalla nuova introduzione di Fernanda Pivano che accompagna questa edizione speciale in occasione del cinquantesimo anniversario della prima pubblicazione.

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di Jack Kerouac:


Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su Sulla strada e condividi la tua opinione con altri utenti.

Voto medio del prodotto:  3.0 (3.2 di 5 su 38 recensioni)

4.0Adolescente, 19-05-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Ho riletto recentemente questo libro, dopo averlo letto la prima volta da ragazza. Allora mi era apparso come un'illuminazione, l'inno alla libertà e alla gioventù, una bibbia per la mia generazione. Oggi ho annaspato su alcune pagine, sabdigliato ad altre, solo su alcuni passi ho goduto della lettura. Forse sarebbe stato meglio non rovinare il ricordo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
1.0Deludente, 30-03-2012, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Due amici vagano da una parte all'altra dell'America, lavorando quando capita, commettendo piccoli furti e passando il tempo a fumare ed ubriacarsi. Qualche rissa e del sesso occasionale fanno da cornice ad un vagabondaggio che agli occhi del lettore attento appare quasi subito fine a sé stesso. I due personaggi, in realtà, fuggono dalla paura della morte e dalla noia, ma nella loro ripetitività finiscono col diventare noiosi. Chissà se l'autore se ne sarà mai accorto.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0On the road, 23-03-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
La giovinezza, la spensieratezza, la strada, la polvere, il viaggio, l'america da costa a costa, ingredienti di un romanzo che considero enormemente sopravvalutato. E' una lettura circolare, nel senso che nonostante il movimento continuo del protagonista, sembra di rivivere le situazioni, e i personaggi incontrati non hanno quello spessore e quell'originalità per rimanere indimenticabili. Aspettative deluse.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
2.0Sopravvalutato, 15-03-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Il romanzo è a mio parere grandemente sopravvalutato. Sicuramente un libro fondamentale per un'intera generazione, che però, ahimè, non è quella attuale. I vagabondaggi di Kerouac sicuramente coinvolgono e lasciano il segno, ma nel complesso il libro è di una noia mortale. In conclusione il libro è un ottimo testimone dell'epoca, ma non è altrettanto ottimo dal punto di vista letterario.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
2.0Sulla strada, 25-09-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
E' un gran romanzo, specchio di un'epoca e questo è difficile da negare. Purtroppo leggerlo (in traduzione) a quasi 60 anni di distanza assomiglia ad aprire un vecchio baule in soffitta che conservava un'eredità leggendaria e scoprire che la polvere, i tarli, insomma il tempo hanno divorato l'intera trama del tessuto. Inevitabile il disagio per un oggetto ormai invecchiato e per l'eco che lo ha circondato.
Di quella generazione non resta più niente e i suoi amici si sono arsi, peggio consumati come candele che hanno brillato in altre notti e di cui oggi restano solo i moccoli spenti.
Nemmeno la generazione bruciata di Hemingway e Scott Fitzgerald appartiene alla nostra dimensione storica, ma se rileggessimo "Festa mobile" non ci sembrerebbe di avere a che fare con una banda di alcolizzati. Qui tutto è superficiale e la dromomania è l'unica ragion d'essere dei protagonisti, Sal il narratore e Dean, l'amico ed eroe che di gigantesco ha solo una idiozia irredimibile. Del resto, che cosa sarebbe stata la Pop Art? Il trionfo dell'impostura e della banalità trasformata in trasgressione.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0On the road..., 15-09-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Il senso di questo viaggio on the road è sì il cosidetto "guardarsi fuori per conoscersi dentro", ma andarsene on the road è anche e soprattutto la metafora di un grandissimo desiderio di libertà, una vera e propria fuga dal conformismo del mondo d'oggi, la fuga dall'ipocrisia della società consumistica. Il nomadismo, dunque, viene concepito come la via maestra per uscire dalla prigione della mente che certuni vorrebbero imporre al popolo. Anche la voglia di cercare sempre il sole sulla pelle, sul viso, negli occhi...
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Diario di viaggio, 29-07-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Jack Kerouac attraverso i protagonisti di questo suo famosissimo romanzo, ormai un'icona della beat generation, ci porta a scoprire l'America mettendo a nudo le sue contraddizioni ed i suoi pregi. Viaggio in un certo senso di formazione per lo stesso Kerouac che riflette nel suo vagabondare sui grandi temi dell'esistenza arrivando infine a un nuova profonda consapevolezza.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Sulla strada, 09-07-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Un libro bellissimo, un vero inno alla vita spericolata e alla ribellione contro il sistema borghese. Un romanzo che racconta le avventure di Dean, che attraverso le lunghe Highway americane percorre "cost to cost" gli interi Usa.
Il viaggio darà l'occasione al ragazzo per fare riflessioni sulla vita e la società statunitense del secondo dopo guerra.
Una volta finito il romanzo, il lettore sentirà subito il desiderio di partire!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Sulla strada, 31-03-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
L'ho finito da due giorni e benché ancora a freddo provo a fare un breve commento. A volte esageratamente insistito su quello che voleva dire, altre volte prolisso, il libro raggiunge un gran voto, a mio parere, per le ultime pagine liriche ed emozionanti, che danno un senso a qualche altra un po' ripetitiva.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Davvero bello, 18-03-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Un libro che ho letto la prima volta un po' di anni fa ma che ogni volta mi lascia un piccolo segno, un piccolo nuovo insegnamento. I percorsi della vita, i bivi, le metafore della strada per simbolizzare eventi piccoli e grandi della nostra esistenza.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Intenso e travolgente, 24-02-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
A un certo punto della vita, ci si pongono delle domande sulla vita che si conduce. Le scelte fatte in passato ci portano a una serie di percorsi che a volte ci rendiamo conto di avere imboccato senza nemmeno accorgercene. Kerouac abbandona gli studi universitari e si mette in viaggio per gli Stati Uniti d'America alla ricerca di esperienze di vita e di una illuminazione che chiarifichi il senso della vita.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Sulla strada, 13-12-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Cos'è quella sensazione che si prova quando ci si allontana in macchina dalle persone e le si vede recedere nella pianura fino a diventare macchioline e disperdersi? Il mondo troppo grande che ci sovrasta, è l'Addio. Ma intanto, ci si proietta in avanti verso una nuova, folle avventura sotto il cielo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Leggi anche le altre recensioni su Sulla strada (38)