Storie di ordinaria follia. Erezioni, eiaculazioni, esibizioni. Ediz. speciale

Storie di ordinaria follia. Erezioni, eiaculazioni, esibizioni. Ediz. speciale

3.5

di Charles Bukowski


  • Prezzo: € 10.00
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 

Spedizione a 1€ Spedizione con Corriere a 1€ sopra i 24 euro!   Scopri come

Descrizione

Rispetto alla tradizione letteraria americana si sente che Bukowski realizza uno scarto, ed è uno scarto significativo, ha scritto Beniamino Placido su "la Repubblica", aggiungendo: "in questa scrittura molto 'letteraria', ripetitiva, sostanzialmente prevedibile, Bukowski fa irruzione con una cosa nuova. La cosa nuova è lui stesso, Charles Bukowski. Lui che ha cinquant'anni (al tempo in cui scrive questi racconti, attorno al '70), le tasche vuote, lo stomaco devastato, il sesso perennemente in furore; lui che soffre di emorragie e di insonnia; lui che ama il vecchio Hemingway; lui che passa le giornate cercando di racimolare qualche vincita alle corse dei cavalli... Edizione speciale per i cinquant'anni della casa editrice.

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di Charles Bukowski:


Dettagli del libro

  • Titolo: Storie di ordinaria follia. Erezioni, eiaculazioni, esibizioni. Ediz. speciale
  • Traduttore: Paolini P. F.
  • Editore: Feltrinelli
  • Collana: Vintage
  • Data di Pubblicazione: aprile 2005
  • ISBN: 8807830035
  • ISBN-13: 9788807830037
  • Pagine: 341
  • Reparto: Narrativa > Narrativa contemporanea
  • Formato: rilegato

Voto medio del prodotto:  3.0 (3.3 di 5 su 4 recensioni)

3.0Disgustoso, 23-05-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
I racconti contenuti in storie di ordinaria follia risultano disgustosi e talvolta provocano conati di vomito ad un lettore che non è abituato alla scrittura di Bukowski, lui che si trova a metà strada tra lo scrittore e il barbone, ma che è l'unico motivo per cui si dovrebbe comprare questo libro che contiene moltissimi elementi autobiografici.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
2.0Nulla d'eccezionale, 05-05-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Un testo fin troppo volgare e poco profondo che tratta di argomenti adolescenziali per mirare a un pubblico altamente giovanile. Lo stile non mi è affatto piaciuto, manca di ensione narrativa per cui è lento e poco intrigante, mentre la trama una grande accozagliata di eventi che non hanno filo logico.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Letteratura pulp, 26-08-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Quando ho scoperto Bukowski ho trovato irresistibile la sua ironia, il suo ammiccare al sesso in modo ironico e disinvolto, il fregarsene di tutto e tutti e soprattutto del perbenismo. A distanza di tanti anni non ho cambiato idea: è solamente volgare, sporco e rozzo. Ma è uno scrittore che sa colpire la fantasia e l'animo del lettore, e per quanto uno scrittore degno di essere letto. Questo libro è forse il più rappresentativo (gli altri sono tutti uguali, letto uno letti tutti) ed è l'unico che consiglio perchè è capace di fare di uno scrittore sopravalutato un mito letterario del '900.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Storie di ordinaria follia, 04-08-2010, ritenuta utile da 2 utenti su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
Bukowski prende, ma prende in un modo così fastidioso che ti porta a dibatterti tra una storia e l’altra dei suoi racconti con la voglia di dire: adesso basta, è l’ultimo che leggo. Perché fa quasi rabbia questo suo compiaciuto sguazzare nella fanghiglia umana, il suo mettere la sua strabiliante energia mentale in ciò che la cultura e la morale ci ha insegnato a disprezzare…ti senti provocata, rintuzzata proprio nelle cose che ti hanno abituato a non dire, non vedere, non sentire.
Poi, quando ormai la pressione si è fatta così forte, e sei convinta che chiuderai definitivamente il libro e passerai ad altro senza grossi rimpianti, anzi... proprio mentre lo stai facendo, lentamente ma inesorabilmente stai avvicinando una copertina all’altra anche se continui a seguire con la coda dell’occhio la fine di una frase…lui ti pugnala allo sterno, a tradimento, lasciandoti senza fiato perforata da una lama di autentica, illogica ed intensa poesia.

Ritieni utile questa recensione? SI NO