Stalin e il patriarca. La Chiesa ortodossa e il potere sovietico

Stalin e il patriarca. La Chiesa ortodossa e il potere sovietico

4.0

di Adriano Roccucci


  • Prezzo: € 36.00
  • Nostro prezzo: € 30.60
  • Risparmi: € 5.40 (15%)
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
 Questo prodotto appartiene alla promozione  Einaudi

Spedizione a 1€ Spedizione con Corriere a 1€    Scopri come

Descrizione

Nella notte tra il 4 e il 5 settembre 1943 Stalin ricevette al Cremlino i tre metropoliti che assicuravano il governo della Chiesa ortodossa russa. Fu un incontro sorprendente. Il leader sovietico nei decenni precedenti aveva scatenato una persecuzione implacabile nei confronti degli ecclesiastici e dei fedeli ortodossi. I tre vescovi erano dei sopravvissuti all'offensiva antireligiosa consumatasi nel quarto di secolo precedente a quel colloquio. Nel corso di una lunga e cordiale conversazione Stalin espresse il suo consenso all'elezione di un patriarca a capo della Chiesa russa. Dal 1925, infatti, la sede patriarcale era vacante, per il rifiuto del potere sovietico di autorizzare la Chiesa a eleggere un suo nuovo capo. L'8 settembre 1943 il metropolita Sergij (Stragorodskifj fu eletto patriarca di Mosca e di tutte le Russie. Cosa aveva determinato questo cambiamento della politica religiosa sovietica? Quali erano le radici profonde di questa nuova alleanza tra Chiesa ortodossa e regime? E perché Stalin aveva deciso di far rinascere il patriarcato?

Acquistali insieme:

Gli utenti che comprano Stalin e il patriarca. La Chiesa ortodossa e il potere sovietico acquistano anche L' universo a portata di mano. In viaggio attraverso la fisica dello spazio e del tempo di Christophe Galfard € 24.65
Stalin e il patriarca. La Chiesa ortodossa e il potere sovietico
aggiungi
L' universo a portata di mano. In viaggio attraverso la fisica dello spazio e del tempo
aggiungi
€ 55.25


Dettagli del libro


Voto medio del prodotto:  4.0 (4 di 5 su 1 recensione)

4.0Scritto bene ma davvero troppo lungo, 29-02-2012, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Lo scrittore tratta con esperienza e conoscenza approfondita il tema, usando una scrittura scorrevole e semplice per far comprendere l'argomento classificabile come "pesante".
Purtroppo quasi 600 pagine sono davvero troppe e si rischia di non arrivare alal fine se non si è appassionato dell'argomento.
Consigliato ad appassionati e studenti che vogliono approfondire
Ritieni utile questa recensione? SI NO