€ 12.32€ 14.50
    Risparmi: € 2.18 (15%)
Disponibilità immediata solo 1pz.
Ordina entro 21 ore e 7 minuti e scegli spedizione espressa per riceverlo venerdì 24 febbraio   Scopri come
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Lo spirito dell'utopia

Lo spirito dell'utopia

di Ernst Bloch


Disponibilità immediata solo 1pz.
  • Editore: BUR Biblioteca Univ. Rizzoli
  • Collana: Alta fedeltà
  • A cura di: F. Coppellotti
  • Traduttore: Bertolino V.
  • Data di Pubblicazione: novembre 2009
  • EAN: 9788817031202
  • ISBN: 8817031208
  • Pagine: 454
  • Formato: brossura
Un classico del pensiero filosofico contemporaneo, sia per il significato epocale degli interrogativi estetici, religiosi e filosofici che pone, sia per il suo originale carattere teoretico. Bloch affronta in queste pagine la dimensione utopica del pensiero, delineando una "ontologia del non ancora" segnata dal marxismo e dalle avanguardie artistiche del Novecento. Dall'incontro con il sé al valore dell'ornamento, dalla filosofia della musica alla forma "incostruibile" dei problemi, si sviluppa una sorprendente concezione della storia contemporanea. E chiamando a raccolta gli antichi maestri, da Kant a Marx, da Schelling a Hòlderlin, individua nella forza della tradizione una possibilità ancora tutta da realizzare.

Acquistali insieme:

Gli utenti che comprano Lo spirito dell'utopia acquistano anche Religione in eredità. Antologia dagli scritti di filosofia della religione di Ernst Bloch € 25.00
Lo spirito dell'utopia
aggiungi
Religione in eredità. Antologia dagli scritti di filosofia della religione
aggiungi
€ 37.32


Voto medio del prodotto:  4.0 (4 di 5 su 1 recensione)

4.0Lo spirito dell'utopia, 29-09-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Opera complessa, scritta con linguaggio visionario e barocco, in un periodo storico in cui le macerie della guerra erano frammiste a quelle di un'ottimismo della Storia che dava continui segni di sgretolarsi sotto la sua apparente coerenza.
Scopo della vita dell'uomo è solo l'incontro con il Sé e attraverso questo con il Noi, fino al raggiungimento di quell'Apocalisse il cui sogno utopico in cui il vero essere è proprio il non-essere, il non-essere-ancora è l'unico che può liberare il soggetto dal Demiurgo, in nome di quel nome di Dio perduto e non mai ritrovato.
Ritieni utile questa recensione? SI NO