€ 9.35€ 11.00
    Risparmi: € 1.65 (15%)
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativiMetti nel carrello
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Speculum. L'altra donna

Speculum. L'altra donna

di Luce Irigaray

4.5

Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
  • Editore: Feltrinelli
  • Collana: Universale economica
  • Edizione: 4
  • Data di Pubblicazione: settembre 1998
  • EAN: 9788807811050
  • ISBN: 8807811057
  • Pagine: 343
  • Formato: brossura

 Questo prodotto appartiene alla promozione  Feltrinelli
La sessualità femminile è rimasta il "continente nero" della psicoanalisi. Questa, infatti, non poteva che disconoscere l'altro, la donna, che si espande oltre il quadro del suo campo teorico, in quanto la scienza del "soggetto" che vi si definisce non ha mai interrogato la propria dipendenza da imperativi logici maschili. Bisognava dunque ripercorrere i testi in cui tale logica dell'uno, del medesimo, si ordina in sistema. Rileggere e reinterpretare Platone, per ricostruire come in esso si determinano le metafore che da allora in poi avrebbero veicolato il significato. Seguire gli sviluppi della storia, della teoria, e rilevare dove e come l'altro - donna - si trova esclusa dalla produzione del discorso, assicurandone con la sua silenziosa plasticità il suolo, il rilancio e il limite. È quanto si è proposta Luce Irigaray con "Speculum", un classico del pensiero femminista, in cui della donna e della sua sessualità si parla senza definirla, senza concluderla, contro tutte le pratiche e le ideologie che dagli inizi del pensiero occidentale hanno ridotto il suo corpo al silenzio, all'uniformità, alla soggezione.

Acquistali insieme:

Gli utenti che comprano Speculum. L'altra donna acquistano anche La filosofia universitaria tra XV e XVII secolo di Marco Forlivesi € 17.28
Speculum. L'altra donna
aggiungi
La filosofia universitaria tra XV e XVII secolo
aggiungi
€ 26.63


Voto medio del prodotto:  4.5 (4.3 di 5 su 3 recensioni)

4.0Le donne prendono finalmente la parola, 14-03-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
E' filosofia, è psicoanalisi, ma soprattutto un classico del pensiero femminista. Irigarayu parte dal discorso di Freud sulla femminilità per farlo letteralmente a pezzi e poi prende in esame quasi tutta la filosofia occidentale, da Platone a Hegel per ripercorrere le strade che hanno ridotto la donna e il suo corpo al silenzio, all'uniformità, alla soggezione. Lettura ironica e implacabile nei suoi affondi contro l'establisment accademico freudiano. Nel libro corre tra le pagine un esprit molto francese, dissacrante e divertente, molto diverso dalla pedanteria musona dei testi delle papesse americane del movimento femminista.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Manifesto del femminismo, 23-09-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Speculum, lo specchio come strumento medico o l'immagine speculare che riflette una metà inesplorata della figura femminile, ma non per questo inesistente. In relazione alle teorie psicanalitiche, questo testo, a tratti oscuro, riporta in luce la necessità di guardare alla donna da una prospettiva tutta al femminile, non più fallocentrica.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Un punto di partenza obbligatorio..., 24-10-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
.. per chiunque si interroghi sul pensiero della differenza. La Irigaray propone uno spostamento, una decostruzione della logica filosofica tradizionale, basata sul pensiero dell'uno (maschile) al quale contrappone la logica "femminile", intrinsecamente duale. Anche per chi non condivide questo approccio alla differenza sessuale, questo è un testo interessante da leggere e meditare.
Ritieni utile questa recensione? SI NO