La sottile linea nera. Neofascismo e servizi segreti da Piazza Fontana a Piazza della Loggia

La sottile linea nera. Neofascismo e servizi segreti da Piazza Fontana a Piazza della Loggia

4.0

di Mimmo Franzinelli


  • Prezzo: € 20.00
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 

Spedizione a 1€ Spedizione con Corriere a 1€ sopra i 24 euro!   Scopri come

Descrizione

Milano, 12 dicembre 1969: nella sede della Banca Nazionale dell'Agricoltura esplode una bomba che uccide 17 persone e ne ferisce 88. Brescia, 28 maggio 1974: durante una manifestazione antifascista in Piazza della Loggia lo scoppio di una bomba uccide otto persone e ne ferisce un centinaio. La strage è un tassello fondamentale della strategia della tensione, perché ebbe un preciso obiettivo politico (la città lombarda che, con Milano e Torino, era il laboratorio dell'unità sindacale) e perché fu uno degli episodi della svolta che avrebbe precipitato l'Italia negli anni bui del terrorismo. Franzinelli parte dalle inquietudini alla vigilia del Sessantotto per raccontare con un taglio originale - e documenti inediti o poco noti - l'eversione nera dell'Italia dei primi anni Settanta, i suoi protagonisti, i suoi drammi e i suoi scontri, di cui sono parte integrante i depistaggi e il duro lavoro investigativo che hanno segnato la vicenda giudiziaria fino a oggi.

Altri utenti hanno acquistato anche:


Dettagli del libro


Voto medio del prodotto:  4.0 (4 di 5 su 1 recensione)

4.0La strategia della tensione e il neofascismo, 22-02-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Mimmo Franzinelli, da sempre storico antifascista, questa volta si avvicina più a noi con il tempo, ed abbandona apparentemente lo studio del Ventennio, per raccontare i rapporti tra stragismo nero e servizi segreti italiani, per meglio comprendere i tormentati anni di piombo e la cosiddetta strategia della tensione, partendo dalla strage di Piazza Fontana per arrivare a quella di Piazza della Loggia.
Il libro è ben scritto. Senza dubbio ci sono stati rapporti tra i servizi e il neofascismo stragista, ma i tempi per parlare storiograficamente degli anni di piombo, senza essere accusato di faziosità, mi paiono non ancora maturi.
Ritieni utile questa recensione? SI NO