€ 9.30
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Sonno profondo

Sonno profondo

di Banana Yoshimoto

3.5

Prodotto momentaneamente non disponibile
  • Editore: Feltrinelli
  • Collana: I canguri
  • Edizione: 9
  • Traduttori: Amitrano G., Gerevini A. G.
  • Data di Pubblicazione: novembre 1994
  • EAN: 9788807700477
  • ISBN: 8807700476
  • Pagine: 144
Il libro raccoglie tre racconti: "Sonno profondo", "I viaggiatori della notte" e "Un'esperienza". Il primo ha per protagonista Terako, una giovane donna che trascorre la maggior parte del tempo in uno stato di sonno profondo da cui la sveglia solo lo squillo del telefono quando a chiamarla è il suo amante. Nella storia entrano poi un'amica, l'amante di Terako e la moglie di lui, in un continuo ondeggiare tra il sonno e la veglia, tra la vita e la morte. Anche in "I viaggiatori della notte" il centro della storia è un ménage à trois con momenti di tensione legati all'inquietante presenza di un giovane morto in un incidente. "Un'esperienza" vede la presenza di un medium che mette in contatto la protagonista con la sua amica morta.

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di Banana Yoshimoto:


Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su Sonno profondo e condividi la tua opinione con altri utenti.

Voto medio del prodotto:  3.5 (3.6 di 5 su 9 recensioni)

3.0Consigliato, 18-04-2012, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Uno dei miei testi preeriti della scrittrice. Un testo delicato e al contemo struggente che coinvolge emotivamente il proprio lettore, tramite una scrittura lenta e fragile che conferisce quasi alla storia un tono di pacatezza e solennità visiva. La storia è abbastanza fluida e scorrevole ma si dilunga fin troppo spesso in descrizioni poco adeguate del luogo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Sonno profondo, 18-11-2010, ritenuta utile da 1 utente su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
Tre storie per raccontare tre modi diversi per vivere la notte con riflessioni su temi diversi: il suicidio, il sesso, la solitudine... Sarebbe originale, ma scava poco in profondità.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Il sonno viene come l'avanzare del mare, 25-10-2010, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
I racconti della Yoshimoto conquistano per la dolcezza dei sentimenti, per la grazia e la freschezza della sua ispirazione. Banana è una stilista di qualità che con una tecnica sopraffina procede per illuminazioni liriche.
Leggermente più cupo dei precedenti; i miei preferiti restano "N.P.", "Tsugumi", "Honeymoon" ed "Il coperchio del mare".
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0riflessioni, 23-10-2010, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Ancora un libro di Banana Yoshimoto che ti fa riflettere e che tratta i temi della vita quotidiana con una scrittura semplice e delicata che ti fa innamorare. "Il sonno viene come l’avanzare della marea. Opporsi è impossibile."
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Tre racconti..., 11-10-2010, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
...compongono questo volume: in ognuno i protagonisti hanno a che fare con la morte, e il sonno, che sembra essere tramite tra due mondi...
Racconti onirici, molto belli.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Piacevole lettura, 13-09-2010, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Vengono proposte tre storie diverse relative ai problemi attuali vissuti dagli adolescenti. Una lettura semplice e interessante che puo' incuriosire chiunque.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0apprezzato, 09-08-2010, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Per quelli che apprezzano le atmosfere della famosa narratrice giapponese, questo libro è sicuramente apprezzabile.
Ritroviamo in quest’opera le tematiche metropolitane, d’amore e di morte che caratterizzano l’esperienza narrativa dell’autrice nipponica. A volte sconsolato, malinconico, questo libro regala sensazioni, impressioni, vicende allusive.
Scorrevole e dimesso lo stile, mentre la lettura risulta suadente, desolata ma anche vivida e sensibile.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0"Forse sono posseduta dal sonno...", 27-07-2010, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Non amo le storie brevi. Mi piace immergermi a poco a poco in un libro conoscendo man mano l’ambiente e i protagonisti, per questo trovo in genere i racconti di meno di cento pagine parecchio frivoli. Per questo e solo per questo mi sento di dare tre stelline a un libro che senza dubbio si meriterebbe qual cosina in più.
Indubbiamente la scrittura della Yoshimoto mi piace, è scorrevole nella sua stesura semplice che indaga nell’animo e studia le emozioni dei personaggi. Disegna un mondo sfuggente e tuttavia concreto, che accompagna in vite attuali, problematiche, sempre mantenendo quella nota triste che a fine libro ti lascia quel sapore amaro in bocca.
Sonno profondo è una raccolta di tre storie, una manciata di pagine per delineare ambienti che conosciamo, ma che ognuno vede attraverso occhi diversi. La Yoshimoto indirizza i suoi protagonisti in una ricerca obbligata di se stessi, piacevoli riflessioni dove a volte uno si può riconoscere.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
2.0Mai titolo fu più azzeccato, 25-07-2010, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Il mio rapporto con "Sonno profondo" è piuttosto particolare. E' stato il primo libro della Yoshimoto che ho letto e mi colpì molto perchè completamente diverso da tutti gli altri romanzi letti fino a quel momento: intimo, pieno di pensieri in prima persona, senza una trama ben definita e con personaggi che diventavano il tramite per affrontare temi maturi. Se fosse stato l'unico probabilmente avrei continuato ad apprezzarlo, ma siccome ho deciso poi di approfondire la scrittura dell'autrice comprandone altri, mi sono presto reso conto della staticità tematica e della noia costante di tutte le sue storie. I personaggi che raccontano sono tutti uguali: stesso carattere, stessi comportamenti, stesso modo di reagire a delle situazioni e delle vicende che girano sempre intorno al suicidio, alla morte e alla solitudine senza arrivare a conclusioni vere e proprie; oltretutto temi così difficili sono trattati in maniera talmente stanca e flemmatica, da non riuscire a colpire il lettore. L'aver approfondito l'autrice, quindi, mi costringe a dare un giudizio negativo anche sul libro che, in quanto primo letto, mi aveva colpito per la sua particolarità.
Ritieni utile questa recensione? SI NO