€ 15.00
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
La solitudine dei numeri primi

La solitudine dei numeri primi

di Paolo Giordano

3.0

Prodotto momentaneamente non disponibile
Alice è una bambina obbligata dal padre a frequentare la scuola di sci. È una mattina di nebbia fitta, lei non ha voglia, il latte della colazione le pesa sullo stomaco. Persa nella nebbia, staccata dai compagni, se la fa addosso. Umiliata, cerca di scendere, ma finisce fuori pista spezzandosi una gamba. Resta sola, incapace di muoversi, al fondo di un canale innevato, a domandarsi se i lupi ci sono anche in inverno. Mattia è un bambino molto intelligente, ma ha una gemella, Michela, ritardata. La presenza di Michela umilia Mattia di fronte ai suoi coetanei e per questo, la prima volta che un compagno di classe li invita entrambi alla sua festa, Mattia abbandona Michela nel parco, con la promessa che tornerà presto da lei. Questi due episodi iniziali, con le loro conseguenze irreversibili, saranno il marchio impresso a fuoco nelle vite di Alice e Mattia, adolescenti, giovani e infine adulti. Le loro esistenze si incroceranno, e si scopriranno strettamente uniti, eppure invincibilmente divisi. Come quei numeri speciali, che i matematici chiamano "primi gemelli": due numeri primi vicini ma mai abbastanza per toccarsi davvero. Un romanzo d'esordio che alterna momenti di durezza e spietata tensione a scene rarefatte e di trattenuta emozione, di sconsolata tenerezza e di tenace speranza.

Note su Paolo Giordano

Paolo Giordano è nato il 19 dicembre 1982 a Torino. Dopo il diploma scientifico, conseguito nel 2001 presso il Liceo Gino Segré di Torino, si iscrive alla facoltà di Fisica dell'Università di Torino, dove ottiene la laurea specialistica nell'anno accademico 2005/2006. Il suo romanzo "La solitudine dei numeri primi", pubblicato nel 2008, è stato in quell’anno il libro più venduto in Italia, con più di un milione di copie. Il romanzo, tradotto in diversi paesi, ha vinto il premio Campiello Opera Prima, il Premio Fiesole Narrativa Under 40, il Premio letterario Merck Serono e il Premio Strega. A soli 26 anni è il più giovane scrittore ad aver vinto il Premio strega. "La solitudine dei numeri primi" è stato trasposto sul grande schermo nel 2010, in un film diretto da Saverio Costanzo. Paolo Giordano vive a Torino, dove nel 2010 ha conseguito il dottorato di ricerca in Fisica Teorica.



 

I libri più venduti di Paolo Giordano:


Voto medio del prodotto:  3.0 (3.2 di 5 su 440 recensioni)

5.0Stupendo, 22-07-2015
di - leggi tutte le sue recensioni
Mattia e Alice sono due adolescenti che convivono con due diversi drammi interiori. Dei tragici avvenimenti vissuti nell'infanzia hanno condizionato il loro carattere. I due si incontrano e si legano, quasi per caso, per gioco. Indissolubilmente. Un legame saldo e potente, ma a tratti ambiguo, che tuttavia funziona e porta fuori entrambi dall'isolamento sociale. Non abbastanza però, probabilmente perché nessuno dei due è davvero in grado di coltivarlo appieno. Ad un certo punto le loro strade si dividono, ma è come se non si fossero mai abbandonati davvero.
La storia è struggente, solo apparentemente irrisolta. Finalmente un libro che merita di essere letto.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Carino, 19-03-2015
di - leggi tutte le sue recensioni
Il primo libro scritto da Paolo Giordano è divenuto uno dei libri più venduti e più pubblicizzati, tanto che ne hanno anche tratto un film. Al centro della storia ci sono Alice e Matteo, entrambi "numeri primi", numeri che sono destinati a non toccarsi mai. Nell'infanzia di entrambi c'è stato un episodio che ha segnato profondamente la loro vita. I loro destini si incrociano e i due scoprono di avere molte, moltissime cose in comune, si sentono strettamente uniti anche se molto diversi tra loro, ma la loro non è una storia a lieto fine perché, appunto, vivono nella loro solitudine. Un libro carino, anche se molto triste.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
1.0Banale, 04-02-2015
di - leggi tutte le sue recensioni
Racconto molto banale, sopravvalutato dalla critica. Si legge bene, la scrittura è scorrevole, ma la trama non ha nulla di emozionante e accattivante. È la solita storia in cui si vogliono mettere in evidenza le disgrazie, la malattia e il senso di inadeguatezza e farli diventare protagonisti, senza che ce ne sia bisogno. Non credo nell'esaltazione dei "numeri primi": purtroppo queste sono storie comuni, importanti nella loro individualità ma che esistono in ogni città e in molte famiglie. Non capisco l'esaltazione di queste situazioni!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Bellissimo!, 22-12-2014
di - leggi tutte le sue recensioni
Il libro si apre con 2 adolescenti che subiscono uno shock: il primo, Mattia, perde il fratello down mentre la seconda, Alice, si spezza una gamba irreparabilmente. I protagonisti da quel momento in poi si sentiranno sempre diversi dai coetanei, finendo in uno stato di profondo isolamento.
Per tutto il libro cercheranno di rientrare nella normalità, senza però riuscirci. Bellissimo l'incontro tra i due, che avviene in una scuola e per caso. La loro timidezza, però, sarà dannosa anche per il loro amore: non voglio, però, anticipare altro! Consiglio vivamente la lettura di questo libro, uno dei più belli che io abbia mai letto.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Insospettabile, 06-11-2014
di - leggi tutte le sue recensioni
Molto maneggevole in questa nuova veste editoriale, la lettura è decisamente scorrevole nonostante l'autore si concentri su temi forti e attuali.
Grazie alla sua trama accattivante il libro mi ha trasportata senza paura nella vita del protagonista che, mostrando al lettore il mondo dal proprio punto di vista, fa capire come alcuni aspetti della vita possano essere considerati con più leggerezza. Senza mai pronunciare il nome della malattia di Mattia infatti, la realtà descritta nel romanzo viene filtrata proprio da quest'ultima. Un racconto sensazionale dal finale insospettabile.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Bellissimo e straziante, 28-06-2014
di - leggi tutte le sue recensioni
Ho adorato questo libro, non tanto per il modo in cui è scritto o per la storia, ma per la narrazione quasi fotografica e per i sentimenti che trasmette. Mattia e Alice sono due ragazzi timidi, introversi, entrambi segnati da un evento traumatico del loro passato. Alice, infatti, per evitare un'umiliazione pubblica cade con gli sci e si rompe una gamba, rimanendo zoppa per tutta la vita. Mattia, invece, ha una sorella gemella, Michela, e proprio non tollera di doverla portare ovunque con sé. Così la abbandona un giorno al parco, ma di lei si perderanno le tracce...
Ritieni utile questa recensione? SI NO
2.0Non particolarmente avvincente., 05-06-2014
di - leggi tutte le sue recensioni
Non mi è piaciuto molto questo libro. Molti elementi vengono lasciati in sospeso. All'inizio è bello il fatto che le due storie separate si incontrino, ma successivamente comincia a crearsi il guazzabuglio perché l'autore riprende spesso personaggi precedenti e non racconta più niente. Il finale non può essere definito tale. Alla fine mi è venuta voglia di lasciarlo, tanto stava scadendo nel pietoso. L'unica cosa che ho amato sono i rari momenti in cui l'autore esemplifica con la fisica per esprimere i pensieri di Mattia, scelta azzeccata. Soledad e il padre sono descritti molto bene nei relativi capitoli. La figura di Alice l'ho detestata e la vicenda di Fabio, secondo me, è irrisolta.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Triste dall'inizio alla fine, 14-04-2014
di - leggi tutte le sue recensioni
Il romanzo si apre con due eventi shock capitati nella vita di due bambini, eventi che segneranno il loro carattere e il loro atteggiamento da adulti. A mio, parere questi due avvenimenti sono l'unica parte "movimentata" del libro che procede poi in una lentezza, scandita soltanto dalle date che precedono le varie sezioni del romanzo, a far capire al lettore che il tempo passa, anzi corre. Un episodio alle elementari, un altro alle medie, uno al liceo, infine all'università. Una bella riflessione sulla solitudine dell'uomo, delle vecchie e delle nuove generazioni. Trovo che la solitudine domini prepotentemente in questo romanzo, una solitudine in cui sono immersi non soltanto i due protagonisti. Ogni personaggio che compare nel libro, in qualche modo, pare chiuso in se stesso, in una mancanza di comunicazione con la società e con il mondo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Un libro che fa riflettere, 07-08-2013
di - leggi tutte le sue recensioni
Un libro appassionante, la storia di due ragazzi unici soli ma estremamente vicini tra di loro. Un libro attuale, che tratta problemi della nostra modernità in uno stile scorrevole di facile comprensione che consente una lettura nelle ore di svago senza togliere spazio alla riflessione sui temi che il romanzo solleva. Un volume che coinvolge ed appassiona allo stesso tempo concentrandosi su una storia tortuosa che non può fare a meno di riunire i due protagonisti. Lo consiglio assolutamente sia a grandi che adolescenti.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Scorrevole e coinvolgente, 31-07-2013
di - leggi tutte le sue recensioni
Libro molto ben scritto, scorrevole e molto coinvolgente. Sarà che ho molta fantasia ma, mi sembrava di vedere i protagonisti! L'intreccio dei personaggi, le loro storie e come essi entrino in contatto uno con l'altro è davvero meraviglioso. Ovviamente non pretendo che tutti la pensiate come me, ma credo che questo sia un libro da leggere assolutamente. Emotivamente coinvolgente, intreccia le storie di due ragazzi che hanno subito un grosso trauma da bambini, restando segnati per la vita! Nella mente, nello spirito e nel fisico...
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Buon libro, 12-11-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
E' un buon libro, scritto piuttosto bene, anche se non eccezionale, forse ha venduto più di quanto in realtà meritasse. La storia, comunque, ti cattura e ti colpisce in alcuni particolari ed è soprattutto la reazione di Alice e Matteo a due episodi drammatici delle proprie esistenze che mi ha fatto molto pensare e ragionare: sono meccanismi comuni che possono scattare nelle persone ed in particolare nei bambini e negli adolescenti e questo libro ha il merito di avermeli fatti vivere con una buona intensità emotiva.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Un buon esordio., 26-06-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Le storie dei due ragazzi, nel complesso ben sviluppate, scorrevoli e soprattutto una trama per niente scontata, anche se il finale delude le aspettative. Vien voglia di leggerlo, ma sarà per inesperienza che l'autore non trasmette a pieno gli stati d'animo dei personaggi.
Fortunatamente ho letto prima il libro e poi il film, se avessi fatto il contrario, non l'avrei iniziato proprio a leggerlo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Leggi anche le altre recensioni su La solitudine dei numeri primi (440)