€ 24.00
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Il simbolo perduto

Il simbolo perduto

di Dan Brown

3.0

Prodotto momentaneamente non disponibile
  • Editore: Mondadori
  • Collana: Omnibus
  • Data di Pubblicazione: ottobre 2009
  • EAN: 9788804596745
  • ISBN: 8804596740
  • Pagine: 604
  • Formato: rilegato
Il nuovo libro di Dan Brown è il seguito di Angeli e Demoni e de Il Codice da Vinci. Protagonista ancora una volta Robert Langdon, il professore di simbologia di Harvard, impegnato a penetrare intricati misteri e segreti che coinvolgono la massoneria di Washington. Langdon viene chiamato dal suo amico e mentore Peter Solomon a tenere una conferenza a Washington, ma al suo arrivo al Campidoglio fa una macabra scoperta: una mano amputata e coperta di tatuaggi che evocano simboli massonici. Peter Solomon è stato rapito e quella mano è la sua! Il Prof. Langdon ha soltanto 12 ore per salvare il suo amico e comincia la sua frenetica corsa, insieme alla sorella di Solomon, Katherine, per decifrare il mistero del Simbolo perduto.

Prodotti correlati:

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di Dan Brown:


Voto medio del prodotto:  3.0 (3.1 di 5 su 194 recensioni)

3.0Avventura nella massoneria, 11-02-2015
di - leggi tutte le sue recensioni
Rispetto agli altri romanzi di Dan Brown non l'ho trovato particolarmente appassionante, soprattutto nel finale. Intendiamoci: sono soddisfatta di averlo letto, e l'ho fatto in poco tempo, e questo significa che è comunque scritto in maniera enigmatica e intrigante come gli altri che lo hanno preceduto e che ha una dose di avventura e di adrenalina elevata.
Mi sono piaciuti particolarmente i riferimenti storici legati alla massoneria, ai riti, ai segreti e ai luoghi apparentemente celati ma in realtà sotto gli occhi di tutti, e la fedeltà degli adepti anche a costo della propria vita.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Bellissimo, 22-01-2015
di - leggi tutte le sue recensioni
A mio modesto parere questo è il miglior libro scritto da Dan Brown. Già vedere il suo nome scritto su un libro è una garanzia, in quanto si sa già che la storia sarà avvincente: sta diventando uno dei migliori scrittori! Questo trhiller è avvincentissimo e non ti lascia l'amaro in bocca, anzi ti fa quasi venire voglia di rileggerlo e comprare tutti gli altri libri scritti da Dan Brown, che è un autore formidabile, a mio parere inimitabile, che non ha nulla a che vedere con alti autori di thriller o gialli. I suoi libri sono da avere tutti nella propria biblioteca, in cartaceo come una reliquia! Assolutamente da comprare e da leggere fino allo sfinimento! Spettacolare!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Fantastico, 13-10-2014
di - leggi tutte le sue recensioni
Uno dei più bei romanzi di Dan Brown, affascinante e avvincente, perfetto per coloro che amano il thriller. La trama si addentra nei misteri della massoneria, e lo fa attraverso i simboli di questa società segreta sparsi sul territorio americano. Questo libro non è, tuttavia, affascinante solo perché getta luce su questi temi, ma anche per la presenza della noetica, nuova scienza che si propone di dimostrare gli aspetti più astratti e metafisici della natura umana e della vita. L'avventura è coinvolgente e il lettore non riuscirà a smettere di leggere finché non scoprirà come va a finire.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Stile Dan Brown, 20-03-2014
di - leggi tutte le sue recensioni
È stato il primo libro dell'autore che ho letto. Risulta essere un libro molto piacevole e ricco di informazioni sulla massoneria (probabilmente qualcuna anche poco vera) un "mondo" di cui ero poco a conoscenza che mi ha spinto ad affascinarmi e a fare ulteriori ricerche. Per i lettori abituali di questo genere di libri risulterà forse essere leggermente banale, ma chi è nuovo del genere ne rimarrà davvero folgorato. Lo consiglio vivamente agli appassionati di Dan Brown e a chi si avvicina per le prime volte a tale genere!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Nuova avventura per il prof!, 25-02-2014
di - leggi tutte le sue recensioni
I romanzi di Dan Brown sono ormai un must sotto l'ombrellone, e di certo questo non fa eccezione! Nuova avventura, nuova location, nuovi personaggi... A ritmi incalzanti, ricalcando il solito pattern di narrazione, Dan Brown guida il nostro eroe attraverso le strade di Washington, alla ricerca di indizi e segni che possano aiutarlo a salvare la vita di un amico. Questo nuovo romanzo non tiene sicuramente testa ai precedenti, ma rimane, comunque, una lettura estremamente piacevole e appassionante.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Terzo capitolo ben congegnato, 19-07-2013
di - leggi tutte le sue recensioni
Nella sua terza apparizione il professor Langdon si scontra con la Massoneria nella città di Washington. Libro ricco d'azione e praticamente privo di spazi morti dato che si svolge nell'arco di sole dodici ore. Geniale l'entrata in scena della dottoressa Solomon, esperta in Noetica o scienza noetica definita come lo studio dell'anima, della coscienza e della mente dell'uomo attraverso l'universo. Quest'ultimo tema mi ha particolarmente colpito più di tutti, a tal punto di redigere alcune ricerche su questa pseudo-scienza.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Il simbolo perduto, 30-05-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Già il titolo suggerisce il tema del nuovo thriller di Dan Brown, un simbolo perduto che svela il significato dell'esistenza umana. Di nuovo il professor Langdon si troverà ad affrontare rituali e a risolvere rebus per portare a termine la sua missione. Lo stile resta quello dei libri precedenti, anche se la storia non è agli stessi livelli. Un libro leggero da portare in spiaggia.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Ancora lui, 25-05-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Il Simbolo Perduto è l'ultimo libro in ordine cronologico scritto da Dan Brown. Con quest'opera si ritorna sul genere di angeli e demoni e il codice da vinci tanto che a volte leggendolo sembra di avere un deja vu. Non mancano come al solito gli intrighi, i complotti e i colpi di scena finali; Un buon trhiller, ma forse troppo simile ai precedenti.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
1.0Niente da fare, 04-05-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Un romanzo sul solito stampo dell'autore, tanta carne al fuoco, ancor più tensione, non parliamo dei misteri, ma poi della carne vediamo solo il fumo e dell'arrosto neanche l'ombra. Sicuramente un libro senza pretese, adatto a tenere dritti i tavoli o, al più, come lettura da spiaggia se proprio siamo disperati.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
2.0Il simbolo perduto, 17-03-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Ho apprezzato moderatamente i primi due romanzi dell'autore ma questo ultimo non mi è piaciuto per niente! La scrittura si rivela prolissa e la trama poco coinvolgente, per non parlare dei colpi di scena alla James Bond che non amo particolarmente ma che sono il piatto forte di Dan Brown. Non lo consiglierei
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Un po' sottotono, 15-03-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Questo romanzo ricalca la strutta portante di tutti i thriller di Dan Brown, ma, a mio parere non è a livello degli altri. Il ritmo è incalzante e ricco di suspance, ma la trama manca di originalità. In ogni caso, questo come tutti i romanzi dello stesso autore, si prestano benissimo come letture da spiaggia, ma nulla di più
Ritieni utile questa recensione? SI NO
1.0Deludente, 14-03-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Dopo aver letto "Angeli e demoni" e "Il codice Da Vinci" ero in frenesia per l'uscita di questo terzo thriller. Purtroppo ogni mia aspettativa è stata delusa da un Dan Brown noiosissimo, prolisso e privo di creatività e idee originali. Il protagonista è sempre Robert Langdon, lo scopo del romanzo è arrivare a smascherare simbolismi e misteri di stampo massonico, ma il libro appare pesante, scontato, banale. Un vero peccato!
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Leggi anche le altre recensioni su Il simbolo perduto (194)