€ 11.28€ 12.00
    Risparmi: € 0.72 (6%)
Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Shakespeare. L'invenzione dell'uomo

Shakespeare. L'invenzione dell'uomo

di Harold Bloom


Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
  • Editore: BUR Biblioteca Univ. Rizzoli
  • Collana: Saggi
  • Traduttore: Zuppet R.
  • Data di Pubblicazione: ottobre 2003
  • EAN: 9788817107983
  • ISBN: 8817107980
  • Pagine: 575
  • Formato: brossura
Analizzando le opere maggiori di Shakespeare, Bloom dimostra che il drammaturgo, più che semplici ruoli teatrali o personaggi, ha creato vere e proprie personalità. Dopo oltre 12 anni trascorsi a studiarlo e a insegnarlo, Bloom si arrende, ammirato, alla mente del "bardo" che, lungi dal "riprodurre la natura", ha inventato l'uomo, i percorsi e i motivi della sua psiche, scendendo a profondità non ancora completamente spiegate e comprese, nemmeno da Freud. I personaggi shakesperiani sono più vivi della vita stessa, come il pubblico di allora e di oggi percepisce bene al di là di ogni velleitaria analisi critica o messinscena teatrale.

Acquistali insieme:

Gli utenti che comprano Shakespeare. L'invenzione dell'uomo acquistano anche La qualità del perdono. Riflessioni sul teatro a partire da Shakespeare di Peter Brook € 9.50
Shakespeare. L'invenzione dell'uomo
aggiungi
La qualità del perdono. Riflessioni sul teatro a partire da Shakespeare
aggiungi
€ 20.78


Voto medio del prodotto:  3.0 (3 di 5 su 1 recensione)

3.0Shakespeare, 27-09-2011, ritenuta utile da 1 utente su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
E' un bel saggio, anche se Bloom non perde il vizio di ricordarci la superiorità di Shakespeare quasi ogni pagina e per carità, ha pure ragione, o almeno dà mostra di avercela argomentando riccamente e puntualmente questo suo giudizio che altrimenti, detto solo così, poteva sembrare una smargiassata pura e semplice.
Resta il fatto che ripetere ogni due per tre lo stesso giudizio, come per configgerlo in eterno nella testa del lettore, dopo un po' risulta spiacevole e sembra sottintendere nell'autore un retropensiero più o meno come questo: "Visto che siete una massa di cialtroni del tutto ignari di che cosa vale e che cosa no, vi risolvo la faccenda io e non se ne parla più".
Ritieni utile questa recensione? SI NO