Scrittori e popolo. Il populismo nella letteratura italiana contemporanea

Scrittori e popolo. Il populismo nella letteratura italiana contemporanea

4.0

di Alberto Asor Rosa


  • Prezzo: € 14.46
  • Nostro prezzo: € 13.59
  • Risparmi: € 0.87 (6%)
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
Spedizione a 1€ Spedizione con Corriere a 1€ sopra i 24 euro!   Scopri come

Altri utenti hanno acquistato anche:


Dettagli del libro


Voto medio del prodotto:  4.0 (4 di 5 su 2 recensioni)

4.0Il popolo e il suo volto nei libri, 21-07-2011, ritenuta utile da 2 utenti su 4
di - leggi tutte le sue recensioni
Saggio agre ed acuto "Scrittori e Popolo" di Alberto Asor Rosa, saggio necessario. Perché, prima versione del 1965 (dunque scritto in piena pensata rivolta, in anticipo sulla rivoluzione deformata a terrorismo da anarchia d'omicidio) analizza il rapporto tra produzione letteraria e popolo lavoratore (contadini, diseredati, tute di fabbrica con dentro degli uomimi). Tre fasi individuate (si ricordi: 1965, dunque da un ventennio la fine del nero ventennio e, per ognuna, i suoi autori: la fase del populismo apolitico, da dramma o bozzetto (Gioberti, Oriani, Ferdinando Russo ed altri); la fase del Popolo come forza militare e sociale (fascismo, antifascismo, interventismo e guerra sui monti); la fase post dittatoriale e il populismo a maniera (l'apogeo del Popolo come forza politica, di movimento ed azione: da Gramsci in poi). Splendida lettura è l'appendice finale: il populismo di Cassola a confronto col populismo pasoliniano. Scorrono nomi, date, titoli di libri che andrete certamente a cercare, così com'io ho fatto dopo questa lettura. Merita, questo libro, d'essere dunque cercato, trovato e letto, perché è riflesione cosciente, fondamentale, sul modo di considerare l'arte delle parole e la sua immagine prima: quella degli uomini. Lo consiglio davvero a tutti.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Il popolo e il suo volto nei libri, 21-07-2011, ritenuta utile da 4 utenti su 6
di - leggi tutte le sue recensioni
Saggio agre ed acuto "Scrittori e Popolo" di Alberto Asor Rosa, saggio necessario. Perché, prima versione del 1965 (dunque scritto in piena pensata rivolta, in anticipo sulla rivoluzione deformata a terrorismo da anarchia d'omicidio) analizza il rapporto tra produzione letteraria e popolo lavoratore (contadini, diseredati, tute di fabbrica con dentro degli uomimi). Tre fasi individuate (si ricordi: 1965, dunque da un ventennio la fine del nero ventennio e, per ognuna, i suoi autori: la fase del populismo apolitico, da dramma o bozzetto (Gioberti, Oriani, Ferdinando Russo ed altri); la fase del Popolo come forza militare e sociale (fascismo, antifascismo, interventismo e guerra sui monti); la fase post dittatoriale e il populismo a maniera (l'apogeo del Popolo come forza politica, di movimento ed azione: da Gramsci in poi). Splendida lettura è l'appendice finale: il populismo di Cassola a confronto col populismo pasoliniano. Scorrono nomi, date, titoli di libri che andrete certamente a cercare, così com'io ho fatto dopo questa lettura. Merita, questo libro, d'essere dunque cercato, trovato e letto, perché è riflesione cosciente, fondamentale, sul modo di considerare l'arte delle parole e la sua immagine prima: quella degli uomini. Lo consiglio davvero a tutti.
Ritieni utile questa recensione? SI NO