Lo scambio simbolico e la morte

Lo scambio simbolico e la morte

4.5

di Jean Baudrillard


  • Prezzo: € 9.50
Fuori catalogo - Non ordinabile
Spedizione a 1€ Spedizione con Corriere a 1€ sopra i 24 euro!   Scopri come

Descrizione

Per Baudrillard il valore di scambio simbolico è la fine dell'economia poiché viene dissolto l'oggetto concreto dello scambio. Ed è quindi anche la fine del marxismo. Baudrillard sposta la nozione di iperrealismo sul piano economico-sociale. Scompaiono le opposizioni tra verità e inganno, vita quotidiana e spettacolo. Il reale e la propria immagine si assomigliano perfettamente, sono una cosa sola. A esso si collega il simulacro. Se ciò che appare non ha più alcun riderimento alla realtà, ridotta ormai a un rimando di segni, è il simulacro stesso a prendere consistenza e anche valore positivo. Per Baudrillard la morte è pertanto una sfida radicale cui il sistema non può rispondere, ma al tempo stesso è un atto iperreale, un simulacro, che partecipa fino in fondo alla comunicazione spettacolare di massa.

Altri utenti hanno acquistato anche:


Dettagli del libro


Voto medio del prodotto:  4.5 (4.5 di 5 su 2 recensioni)

4.0Summa del filosofo francese, 26-03-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Critica efficace e ri-problematizzazione radicale di fenomeni purtroppo mai realmente affrontati dalla filosofia, Lo Scambio Simbolico e la Morte rappresenta una messa a punto di costruzioni concettuali volte a scardinare la monotonia nel dominio del significante, di questo ritorno prorompente alla Legge quale "legge dei non-corpi". Se non capolavoro assoluto, senza dubbio imprescindibile tappa per chi voglia affrontare la contemporaneità del "tempo reale" con strumenti efficaci. Ai posteri l'ardua sentenza.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Dov' è il corpo, 22-09-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Ultimo astro della filosofia francese, Baudrillard continua sulla strada battuta da Bergson per primo, poi da Deleuze e Foucault soprattutto, ma alla luce delle problematiche della post-modernità: il problema del corpo. Dove stanno i corpi, ora che il simbolico è rimasto vittima del meccanismo capitalista? Dove stanno i corpi, ora che a contare sono solo i segni?
Ritieni utile questa recensione? SI NO