€ 9.00
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Il sapore della gloria

Il sapore della gloria

di Yukio Mishima

3.0

Prodotto momentaneamente non disponibile

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di Yukio Mishima:


Voto medio del prodotto:  3.0 (3 di 5 su 2 recensioni)

4.0Il sapore della gloria, 11-08-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Tolta l'ambientazione, pare un classico romanzo del novecento europeo, ed invece, sotto la scorza, profondamente mishimiano nella figura dell'adolescente perverso (Confessioni di una maschera, Il padiglione d'oro solo per citare due esempi) animato da torbide passioni, in sorda ribellione contro l'appiattimento dei valori della società, giudicata troppo passiva e sottomessa. Un sentimento che lungamente Mishima (e non solo lui, in quella generazione di giapponesi) ha covato nell'animo con contraddittorietà, e che sarebbe dovuto sfociare prima in una sorta di fascino mistico di Thanatos che tutto rende eterno e fulgido, e in seguito, coerentemente, nella sua stessa morte per seppuku.
Concetti molto lontani dalla visione occidentale della vita, che sono adesso superati anche in Giappone (basta leggere i più recenti autori nipponici per non aver dubbi), ma che nel periodo post-bellico hanno contribuito a scuotere la società traumatizzata dalla resa e dall'annientamento del paese (nonché dalle condizioni pesantissime imposte dagli Stati Uniti). Come spesso accade in Mishima, (ma in particolare in questo breve romanzo) coesistono questi aspetti crudeli, accompagnati da immagini violente e spesso gratuite, con momenti di grande tenerezza, di commozione, di forte e coinvolgente fisicità (famoso il culto del corpo propagandato dallo scrittore). Il sentimento tra Fusako, giovane vedova e madre dell'adolescente Noboru, e il secondo ufficiale Ryuji è genuino, partecipato, sincero, fuori dagli schemi che si attenderebbero un atteggiamento duro e disincantato da parte di un marinaio; Ryuji invece si commuove, piange perfino, è sinceramente legato alla donna che ha imparato a conoscere e che è diventata la sua amante, per lei rinuncerà a quell'aspettativa (mai realmente sopita) di gloria che doveva venirgli dai viaggi per mare, come se sul suo capo predestinato brillasse una stella speciale che doveva renderlo unico ed eterno. Cercherà anche di stabilire un rapporto con il giovane adolescente, non sapendo che aver scelto la normale quotidianità sacrificando la sua vita marinara gli sarà fatale. Noboru, infatti, non è per nulla interessato ad avere un padre, anzi rifugge completamente i valori della famiglia, in questo sobillato dalla banda di adolescenti di cui fa parte. Personaggi sgradevoli, senza un filo di luce nell'animo, animati da cattiveria fine a se stessa e disprezzo nei confronti del mondo. Ryuji e Fusako, invece, escono ognuno a modo suo a testa alta dalla vicenda, quasi vittime sacrificali sull'altare di una ribellione insensata. La vera gloria, come conclude l'autore, ha un sapore amaro.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
2.0Un romanzo tetro, 26-07-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Storia abbastanza angosciante, ma al tempo stesso fredda. I protagonisti maschili non sono molto convincenti (Naboru inquietante ma asettico, Ryuji incapace di realizzarsi fino in fondo), più apprezzabile la figura di Fusako, l’unico personaggio che suscita una certa empatia.
Ritieni utile questa recensione? SI NO