Con il sangue agli occhi. Un boss della banda della Magliana si racconta

Con il sangue agli occhi. Un boss della banda della Magliana si racconta

4.0

di Federica Sciarelli, Antonio Mancini


  • Prezzo: € 17.50
Fuori catalogo - Non ordinabile
Spedizione a 1€ Spedizione con Corriere a 1€ sopra i 24 euro!   Scopri come

Descrizione

Il furto di un'auto carica di armi e un insolito patto fra rapinatori. Sono questi i due eventi che segnano la nascita della banda della Magliana, il gruppo malavitoso che metterà sotto scacco Roma nel decennio 1975-1985. Attorno alle figure di Maurizio Abbatino, Enrico Renatino De Pedis e Antonio Mancini si sviluppa un complesso disegno criminoso che si estende a tutti i racket: dalla droga alle armi, dal controllo dell'edilizia ai rapporti con l'estrema destra, fino ad acquisire un ruolo tuttora da chiarire in vicende oscure come l'omicidio Pecorelli. L'autrice è giornalista del Tg3, conduce dal 2004 "Chi l'ha visto?"; Antonio Mancini è stato fra i primi membri della banda. Dopo molti anni di reclusione, ha deciso di collaborare con la giustizia e oggi lavora come autista di uno scuolabus per disabili.

Altri utenti hanno acquistato anche:


Dettagli del libro


Voto medio del prodotto:  4.0 (4 di 5 su 2 recensioni)

4.0Nino e la Sciarelli raccontano, 31-05-2011, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Testimonianze del pentito, o "infame" come si definisce lui, Antonio Mancini detto Nino (Er Ricotta della nota serie tv Romanzo Criminale) raccolte dalla nota conduttrice di "Chi l'ha visto? " Federica Sciarelli.
Racconto cuore a cuore che ci mostra la famosa scalata alle cronache criminali italiane della c. D. Banda della Magliana, arricchita dall'attuale vita spesa nel sociale del protagonista.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Molto interessante, 30-07-2010, ritenuta utile da 5 utenti su 5
di - leggi tutte le sue recensioni
Il libro è scritto a quattro mani dalla nota giornalista con uno dei membri della Banda della Magliana, organizzazione unica del panorama criminale italiano e non. Le descrizioni di Mancini sono molto interessanti e narrano l'epopea di un'organizzazione criminale nata dai sobborghi romani e arrivata fino ai vertici della piramide. Assolutamente consigliato
Ritieni utile questa recensione? SI NO