€ 17.00
Fuori catalogo - Non ordinabile
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Rio

Rio

di Leonardo Colombati

4.0

Fuori catalogo - Non ordinabile
  • Editore: Rizzoli
  • Collana: 24/7
  • Data di Pubblicazione: marzo 2007
  • EAN: 9788817015127
  • ISBN: 8817015121
  • Pagine: 355
  • Formato: brossura
Rio è un afterhour per nudisti a Londra. Un posto dove si va per rilassarsi, per un drink e quattro chiacchiere. E magari, come nel caso del protagonista di questo romanzo - un giovane italiano avviato a una brillante carriera nella City - proprio lì capita di incontrare uno dei grandi scrittori del Novecento, Filippo Runeberg, un tempo ricco e potente, citato in tutte le antologie, assiduo frequentatore di salotti che subito schizzavano in cima alla classifica della mondanità proprio grazie alla sua presenza. Un personaggio carismatico - benché ormai decaduto - tanto da spingere il ragazzo a fare il suo primo inconsapevole passo verso la distruzione: fingersi scrittore pur non avendo mai scritto un rigo, solo per entrare nelle grazie del Maestro. Londra mai così nitida e pulsante, non sta solo sullo sfondo ma diventa comprimaria dei personaggi che abitano il romanzo e che tra le sue pieghe amano, mentono, tradiscono, fanno carriera, perdono tutto, corrompono e sognano con purezza inaudita. Ci sono un padre sessuomane perseguitato dai cura-tori fallimentari, un amministratore delegato alle prese con una convention motivazionale da fare impallidire Steve Jobs, una signora che appare e scompare misteriosamente nei luoghi più disparati- una vasca idromassaggio, un funerale, una villa in campagna che sembra il Castello di Blandings, una parata per naturisti in Oxford Street. E poi l'ultimo rampollo dei Kennedy in visita semidiplomatica a Roma...

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di Leonardo Colombati:


Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su Rio e condividi la tua opinione con altri utenti.

Voto medio del prodotto:  4.0 (4 di 5 su 1 recensione)

4.0Godibile, 20-07-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Si sente che l'autore è stato influenzato dai grandi autori postmoderni anglosassoni, e questo é gi un complimento le influenze sono tante (Amis, che infatti compare nel romanzo, De Lillo, Houellebecq), e non tutto fila liscio, tra eccessivi compiacimenti letterali, troppi rivoli che sfuggono qua e l, ma senza dubbio viene fuori il profilo di un autore interessante, "enciclopedico" e moderno e poco italiano, in unaccezione positiva per tutti e 3 gli aggettivi
Ritieni utile questa recensione? SI NO