Il Rinoceronte

Il Rinoceronte

4.5

di Eugène Ionesco


  • Prezzo: € 12.00
  • Nostro prezzo: € 10.20
  • Risparmi: € 1.80 (15%)
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
 Questo prodotto appartiene alla promozione  Einaudi

Spedizione a 1€ Spedizione con Corriere a 1€ sopra i 24 euro!   Scopri come

Acquistali insieme:

Gli utenti che comprano Il Rinoceronte acquistano anche Aspettando Godot di Samuel Beckett € 10.20
Il Rinoceronte
aggiungi
Aspettando Godot
aggiungi
€ 20.40

Prodotti correlati:

I libri più venduti di Eugène Ionesco:


Dettagli del libro


Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su Il Rinoceronte e condividi la tua opinione con altri utenti.

Voto medio del prodotto:  4.5 (4.5 di 5 su 2 recensioni)

4.0Il Rinoceronte, 15-07-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Commentare un opera dell'assurdo del grande Eugene non è mai facile. Vi son ritratti tutti i vili che son pieghi ai regimi, tutti i servi prostrati a vantaggio, tutti i deboli che san fare di massa: trasformazione ad incuria, che avviene in natura come altro respiro, come fosse cosa normale l'abbandono del giusto per l'assurdo vincente. Lo si legga Ionesco, lo si legga "Il Rinoceronte". Perchè alla prossima vittima calpestata a silenzio si possa, almeno un attimo almeno un momento, sentire ferita la propria anima, adagiata al riparo di un ossequio inattivo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0storia degli uomini che celano bestie, 13-09-2010, ritenuta utile da 1 utente su 3
di - leggi tutte le sue recensioni
Drammaturgia che spiega il reale è "Il rinoceronte" di Ionesco. Che non si inganni lo spettatore-lettore che aggrotta le ciglia alla trovata del titolo: la pelle spessa animale, l'incuria del passo, la violenza a respiro che tramuta l'uomo in bestia è metafora chiara del passaggio di ben altro di orrido. Vi son ritratti tutti i vili che son pieghi ai regimi, tutti i servi prostrati a vantaggio, tutti i deboli che san fare di massa: trasformazione ad incuria, che avviene in natura come altro respiro, come fosse cosa normale l'abbandono del giusto per l'assurdo vincente. Lo si legga Ionesco, lo si legga "Il Rinoceronte". Perchè alla prossima vittima calpestata a silenzio si possa, almeno un attimo almeno un momento, sentire ferita la propria anima,adagiata al riparo di un ossequio inattivo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO