€ 9.00
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Reduce

Reduce

di G. Lindo Ferretti

1.0

Prodotto momentaneamente non disponibile
A partire dalla storia e dalla geografia della zona dell'Appennino emiliano da cui proviene la sua famiglia e dove lui stesso è nato, Giovanni Lindo Ferretti traccia una sorta di grande storia epica composta da diversi quadri, nei quali la vita dei suoi parenti e la sua si intreccia a quella del mondo circostante. Dal Sahara algerino alla Lisbona della Rivoluzione dei garofani, dalla Jugoslavia alla Mongolia, dal Salento al Sudafrica, da Reggio Emilia a Gerusalemme: i viaggi di Ferretti sono occasione di mille incontri e di mille riflessioni ma soprattutto segnano le tappe di una maturazione umana originalissima. Partito dal suo paesino appenninico, passato attraverso i sogni e le follie di un'intera generazione, Ferretti riscopre in giro per il mondo la strada che lo riporterà a casa, sui suoi monti, ad allevare i suoi cavalli.

Prodotti correlati:

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di G. Lindo Ferretti:


Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su Reduce e condividi la tua opinione con altri utenti.

Voto medio del prodotto:  1.0 (1 di 5 su 1 recensione)

1.0Reduce, 14-07-2011, ritenuta utile da 1 utente su 3
di - leggi tutte le sue recensioni
E' strano che Ferretti, fino a ieri esimio sconosciuto, susiti così tanti entusiasmi dopo la sua conversione. Commenti del genere sono financo peggiori dei genuini insulti ("traditore", "voltagabbana", etc.) che altra parte politica riserva al Nostro; i quali non saranno magari giusti, né brilleranno per introspezione psicologica, ma almeno hanno il pregio della schiettezza. Tra questi due estremi cosa resta? Davvero poco, e cioè questo libro. Un proluvio di parole abbastanza inutili, che denunciano un appiattimento assolutamente acritico dell'autore alle posizioni che oggi si definiscono cattolico-conservatrici, le quali vengono riprese senza sostanziale novità (se non forse la critica all'unità d'Italia, che già fu del Cardinal Biffi, che il nostro pretende di fondare anche sullo sterminio di non so più che razza di cavalli...). Si abbia dunque il pudore ed il decoro di evitare commenti "ad usum delphini" e di non parlare di "evoluzione artistica" et similia, per questo inopinato canto del cigno che tutti noi preferiremmo dimenticare.
Ritieni utile questa recensione? SI NO