€ 16.53
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Quoi? L'éternité

Quoi? L'éternité

di Marguerite Yourcenar

3.0

Prodotto momentaneamente non disponibile
  • Editore: Einaudi
  • Collana: Supercoralli
  • Traduttore: Cillario G.
  • Data di Pubblicazione: gennaio 1997
  • EAN: 9788806115371
  • ISBN: 8806115375
  • Pagine: 301

Altri utenti hanno acquistato anche:


Voto medio del prodotto:  3.0 (3 di 5 su 1 recensione)

3.0scoprirsi nel passato(2), 02-10-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
“Michel è solo”. Così l’autrice comincia a parlare del padre nell’episodio conclusivo della sua trilogia autobiografica Le labyrinthe du monde; tuttavia afferma anche che Michel “non è che un uomo di mondo”, che “può fare ciò che vuole della propria vita”. Essa scorre attraverso le provinciali campagne delle Fiandre, o i quartieri più mondani di Parigi, o qualche spiaggia alla moda in Olanda, o qualche altra residenza in giro per l’Europa; viaggia sempre in compagnia di donne famose (non per le loro virtù…), dopo due vedovanze consecutive, che gli hanno lasciato due figli ciascuna, uno è ormai uomo, mentre l’altra, ancora bambina, lo segue nei suoi viaggi, assistita dalle cameriere.
È lei la Marguerite che a pochi anni dalla morte scriverà questo “libro fatto di ricordi” per richiamare alla memoria le vicissitudini della propria famiglia e degli amici in quegli “ultimi bei giorni d’anteguerra”: nasce infatti nei primi anni del Novecento.
Ma cosa cerca in realtà mentre rievoca quei giorni? Forse il declino dell’antica moralità e corruzione dell’uomo contemporaneo: “ci sono voragini della carne come voragini dello spirito, con le loro vertigini e le loro delizie, e anche con i loro supplizi, conosciuti soltanto da quelli che hanno osato sprofondarcisi. La loro distanza da ciò che […] chiama ancora il piacere è grande quanto quella fra il sogno e la pazzia, fra le note di un clavicembalo e una scarica di colpi di gong”. O forse cerca ancora se stessa, la bambina che osserva attenta, ma distaccata per non essere ferita, il tramonto di un’epoca sull’Europa e su di sé, e che cerca di non farsi trascinare con essa.
Ritieni utile questa recensione? SI NO