Psicopatologia dell'infanzia e dell'adolescenza. Le psicosi

Psicopatologia dell'infanzia e dell'adolescenza. Le psicosi

di Vittorio L. Castellazzi


  • Prezzo: € 11.00
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 

Spedizione a 1€ Spedizione con Corriere a 1€ sopra i 24 euro!   Scopri come

In sintesi

Il notevole interessamento che attualmente si registra nei confronti delle psicosi in età evolutiva è indubbiamente da salutare con particolare soddi­sfazione. Sono ormai lontani i tempi in cui, a causa della persistenza del mito della felicità infantile, c'era una certa difficoltà a riconoscere l'esi­stenza di un simile quadro patologico. Come pure è ormai superata la ten­tazione di leggere i gravi disturbi psichici dell'infanzia e dell'adolescenza entro un'ottica adultomorfa.Tuttavia, va sottolineato che sull'argomento, anche se in questi ultimi decenni si è scritto molto, sussiste ancora una certa confusione un po' a tutti i livelli: nosologico, eziologico e terapeutico. In particolare, ciò appare con più evidenza per quanto riguarda l'autismo infantile. Spesso si è ri­schiato di far confluire entro questo quadro clinico le manifestazioni pato­logiche più disparate. Il risultato è stato quello di giungere a dei veri e pro­pri abusi nella diagnosi di autismo, anche se talvolta si è verificato il con­trario e cioè si evitato l'uso di tale termine, preferendo la classificazione più ampia di "psicosi infantile". Attualmente non è ancora stato elaborato un modello teorico esaustivo nei confronti delle psicosi dell'età evolutiva. Si possono individuare tre ap­procci principali: organicistico, che sottolinea il ruolo determinante dei fattori genetici, neurologici e metabolici; psicodinamico, che, rifacendosi alla riflessione psicoanalitica, pone in evidenza la centralità dei dinamismi psicologici operanti nei primi anni di vita nell'interazione bambino-ambiente e più in particolare nell'interazione bambino-madre; intermedio, che tiene presenti sia i fattori organici che psicodinamici. Pur non ignorando il peso che possono avere eventuali deficit di carattere genetico, neurologico e metabolico, il nostro modello teorico di riferimento è prevalentemente quello psicodinamico che sembra all'a. il più soddisfacente per la comprensione dei disturbi psicotici dell'infanzia e dell'adolescenza ed anche il più fecondo per l'elaborazione di un adeguato intervento psicoterapeutico.

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di Vittorio L. Castellazzi:


Dettagli del libro