€ 30.00
Fuori catalogo - Non ordinabile
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
I Promessi sposi-Storia della colonna infame

I Promessi sposi-Storia della colonna infame

di Alessandro Manzoni

3.5

Fuori catalogo - Non ordinabile
Il cofanetto comprende le opere di Alessandro Manzoni "I promessi sposi" e "Storia della colonna infame". La "Storia della Colonna Infame", nata come parte integrante del "Fermo e Lucia" e poi estrapolata a costituire un'opera a sé stante, rievoca il processo a due innocenti, Guglielmo Piazza e Giangiacomo Mora, accusati di essere "untori" all'epoca della peste del 1630 e condannati a morte. Una vicenda solo apparentemente lontana nel tempo, poiché, come ha scritto l'autore, "la menzogna, l'abuso del potere, la violazion delle leggi e delle regole più note e ricevute, l'adoprar doppio peso e doppia misura... non furon pur troppo particolari a un'epoca". E proprio per questo la "Storia della Colonna Infame" continua a offrire motivi di inquietante riflessione sui rapporti tra potere, informazione e giustizia. Rivelando, ancora una volta, l'inesauribile modernità del Manzoni. Anche Alberto Moravia scrive a proposito dei "Promessi sposi": "Il romanzo del Manzoni riflette, infatti, un'Italia che, con alcune varianti non essenziali, potrebbe essere quella di oggi: la religione dei 'Promessi sposi' rassomiglia, per molti aspetti, a quella dell'Italia moderna; la società che vi è descritta non è tanto diversa dalla nostra; i vizi che vi sono condannati e le virtù che vi sono additate sono gli stessi vizi da cui siamo afflitti, le stesse virtù che si crede di doverci consigliare."

Altri utenti hanno acquistato anche:


Voto medio del prodotto:  3.5 (3.7 di 5 su 6 recensioni)

1.0I promessi sposi, 22-07-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
L'opera la si conosce, alcuni la amano alla foliia, io per esempio invece la odio e manzoni non lo sopporto! Per anni ci siamo sorbiti la tiritera circa la bellezza della lingua e dell'uso originale del volgare. Probabilmente per la nostra nazione questo libro ha un importanza storica a livello linguistico ma, come contenuti, ripeto fa ribrezzo. Moralista e paternalista... In quegli anni gli scrittori francesi o inglesi scrivevano fior di capolavori ed il manzoni se ne esce con un opera intrisa di cattolicesimo bigotto che rovinera le generazioni a venire. Lo preferivo quando era un senza dio!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0I promessi sposi, 30-10-2010, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Che effetto fa rileggere il Manzoni fuori dall'ambito scolastico, dopo averci convissuto dalle elementari attraverso il liceo e fino alla maturità? Molto piacevole, molto rilassante; l'andamento, il ritmo, che difficilmente si poteva apprezzare sia quando ci facevano imparare a memoria i brani "quel ramo del lago di Como che volge a mezzogiorno" , "scendeva dalla soglia di uno di quegli usci" alle elementari, che quando la professoressa del ginnasio (poco preparata) lo trascinava senza entusiasmo senza inquadrarlo storicamente , e tanto meno al liceo con lo spauracchio della maturità. Letto in copia anastatica, e illustrato, me lo sono goduto appieno. E mi rimane l'intenzione di approfondirlo, andando a rileggere le note della mia vecchia edizione liceale , che conservo. Una nota a parte: la seconda parte, diciamo quella che segue alla conversione dell'Innominato, mi ha avvinto di meno. Per esempio ho trovato troppo caricaturale la figura di Don Abbondio che continua a opporsi alle nozze dei due promessi, fino a che non scopre che Don Rodrigo è morto di peste. Mi hanno invece riaffascinato le pagine sublimi della Monaca di Monza , uno scavo psicologico tragico, che la dice lunga sul giudizio del Manzoni sulle prevaricazioni perpetrate sulle donne nel diciassettesimo secolo (una frase è sufficiente: Il principe, non ci basta il coraggio in questo momento di chiamarlo padre).
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Cambio opinione, 23-10-2010, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
A scuola era una tortura noiosamente stressante. Riletto in età adulta è stato la riscoperta di un grande scrittore e di un romanzo romanticamente imperdibile.
Da leggere, anzi rileggere con piacere, magari saltando le famose "grida" che restano sempre di un certo peso.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0il più bel classico italiano, 09-10-2010, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
un libro da leggere e da rileggere. Tanti insegnamenti sono nascosti in ogni capitolo di un'opera davvero eccezionale. Si tratta di un'amore che è in grado di oltrepassare ogni confine quello di Renzo e Lucia. I 2 protagonisti riusciranno con l'aiuto della provvidenza a sconfiggere la prepotenza dei potenti ed ad incoronare il loro sogno
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0I promessi sposi, 01-10-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Poi una persona si pone delle domande..è normale!Dopo averlo studiato così tanto a scuola,una persona vuole anche riscoprirlo da solo.E' inutile, oggettivamente, è un libro importante per la letteratura italiana,soggettivamente non mi piace.Non mi piacciono i personaggi (troppo canonici),non mi piace la storia ma non mi dispiace lo stile e il contorno storico.Di conseguenza per me può rimanere dov'è...ma almeno mi sono fatto un idea sù un libro che a volte è sin troppo odiato a causa dei pregiudizi scolastici!!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0I Promessi sposi­, 24-09-2010, ritenuta utile da 2 utenti su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
Odiato a scuola, l'ho rivalutato in età adulta. Non solo la scrittura, pur non essendo contemporanea, è scorrevole e piacevolissima, ma la storia appassiona e coinvolge, nonostante si conosca già. Eppure, ci sono tanti dettagli, in questo libro, tante microstorie, che tengono i "venticinque lettori" col fiato sospeso.
Ritieni utile questa recensione? SI NO