€ 14.25€ 15.00
    Risparmi: € 0.75 (5%)
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativiMetti nel carrello
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Il problema dell'uomo

Il problema dell'uomo

di Martin Buber

4.0

Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
  • Editore: Marietti
  • Collana: Biblioteca ebraica
  • Traduttore: Sante Pignagnoli F.
  • Data di Pubblicazione: ottobre 2004
  • EAN: 9788821183591
  • ISBN: 8821183599
  • Pagine: XXX-124
  • Formato: brossura
Il libro, pubblicato a Tel Aviv in ebraico neI 1943, riproduce il primo corso di "filosofia della società" tenuto da Martin Buber nel 1938 presso l'Università ebraica di Gerusalemme. Buber vi espose, attraverso il serrato confronto con le idee sull'uomo affermate nel passato da alcuni filosofi, la sua antropologia filosofica: l'uomo è un ente che può costruite la propria identità solo attraverso il contatto con ciò che ha la forma di un "tu", ovvero di un altro o diverso non trasformabile in cosa od oggetto, in ciò che è utilizzato o dominato; in ogni incontro con il "tu" si profila il "Tu" eterno. Il libro costituisce sia una sintetica rassegna delle varie posizioni filosofiche sull'uomo, sia un'introduzione alla filosofia buberiana.

Acquistali insieme:

Gli utenti che comprano Il problema dell'uomo acquistano anche Etica e infinito. Dialoghi con Philippe Nemo di Emmanuel Lévinas € 11.87
Il problema dell'uomo
aggiungi
Etica e infinito. Dialoghi con Philippe Nemo
aggiungi
€ 26.12


Voto medio del prodotto:  4.0 (4 di 5 su 1 recensione)

4.0Il problema dell'uomo, 01-10-2010, ritenuta utile da 3 utenti su 3
di - leggi tutte le sue recensioni
Sulla scia delle sue precedenti speculazioni, Buber inizia un dialogo con vari autori dal cui confronto esaltare la propria soluzione alla problematicità umana: "In principio è la relazione" significa cogliere il nostro duplice volto: Io-Tu. E' la fragile ed effimera (perché rinasce in ogni relazione) sfera dell'intersoggettività. La relazione si erge a luogo d’orgine della parola e poi dell’azione; luogo d’origine, punto di partenza, appunto: non fine; il fine dev’essere il mondo stesso. Già, perché, come scrisse O. Paz: “nulla termina in sé, / un tutto è ciascuno / in un altro tutto, / in un altro uno. / L’altro è nell’uno, / l’uno è nell’altro: / siamo costellazioni.”
Una bella immagine, devo dire; indizio d'una soluzione forse più poetica che filosofica (se non è la stessa cosa).
Ritieni utile questa recensione? SI NO