€ 13.00
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Praga magica

Praga magica

di Angelo M. Ripellino

3.5

Prodotto momentaneamente non disponibile
"Con un gusto ardimentoso ed enciclopedico Ripellino passa in rassegna una folla di persone, luoghi, libri, ombre, edifici, relitti, echi e bagliori della civiltà praghese: sepolcrali ossessioni alchemiche di Rodolfo II e passeggiate notturne di Kafka, taverne picaresche del soldato S'vejk e antri del Golem, caffè letterari e chiese spettrali, tutti travolti dalla continua sopraffazione politica-etnica-religiosa che ha visto il calvario boemo sotto il tallone della Controriforma, di Hitler, di Stalin e dei suoi successori." Claudio Magris. Il libro, a metà tra saggio e romanzo, è stato pubblicato per la prima volta nel 1973.


Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su Praga magica e condividi la tua opinione con altri utenti.

Voto medio del prodotto:  3.5 (3.5 di 5 su 2 recensioni)

3.0Adoro Praga, 05-12-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
ma la lettura di questo librino mi è parsa ostica sin dalle prime pagine. L'autore ( il buon vecchio Ripellino, pace all'anima sua! ) fine conoscitore della cultura praghese e della fascinosa città, usa una miriade di citazioni in ceco, termini aulici ed uno stile ridondante ed antico come pochi. Risultato? Un'accozzaglia di nomi, fraseggi, brani, luoghi ed una pesantezza unica. Peccato. Perchè la città boema merita e si presta a scrivere di pittori, artisti, fantasmi e scorci suggestivi più di ogni altra.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Praga magica, 28-10-2010, ritenuta utile da 1 utente su 4
di - leggi tutte le sue recensioni
E' andata così: un amico mi ha regalato il libro quando ero in partenza per Praga. Io, da "brava amica" mi sono documentata e l'ho letto. Poi, arrivata a Praga, mi sono lasciata letteralmente travolgere dall'ottimo vino alle spezie servito dai venditori ambulanti vicino all'orologio astronomico e dai concorsi dei cori di bambini che in quel momento si svolgevano nelle chiese della città. La casa di Kafka è un orrendo museo, il ponte Carlo una bancarella a cielo aperto. Eppure è vero è magica, vagabondare per le vie, perdersi con l'eco delle voci bianche nel cuore e sentire la paura del Golem tra le viuzze del ghetto ebraico. Una città indimenticabile, anche se, solo in alcuni momenti, giuro, leggermente annebbiata dai fumi del vino speziato.
Ritieni utile questa recensione? SI NO