€ 22.00
Fuori catalogo - Non ordinabile
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Potresti anche dirmi grazie. Gli scrittori raccontati dagli editori

Potresti anche dirmi grazie. Gli scrittori raccontati dagli editori

di Paolo Di Stefano

4.0

Fuori catalogo - Non ordinabile
  • Editore: Rizzoli
  • Collana: Scala italiani
  • Data di Pubblicazione: maggio 2010
  • EAN: 9788817033732
  • ISBN: 8817033731
  • Pagine: 417
  • Formato: rilegato
Nelle officine di Mondadori e di Rizzoli, di Einaudi e di Bompiani, di Garzanti e di Feltrinelli, fino ai microlaboratori di e/o e di minimum fax. Quarant'anni di lavoro editoriale raccontati dalle voci dei protagonisti. Nel retrobottega dell'editoria troviamo i maggiori scrittori italiani e stranieri, più spesso al ristorante o in trattoria che in redazione, con le loro debolezze e le passioni, gli umori e i malumori. Leggere questa memoria orale della letteratura contemporanea è come trovarsi faccia a faccia con Oriana Fallaci che in cucina prepara un fritto di pesce, con Alien Ginsberg che si lancia su un piatto fumante di ravioli, con Sciascia che mette mano al portafogli prima di chiunque, con Simenon che aborre gli oggetti di colore verde, con Ellroy che in piena notte, a Milano, urla: "Sono il cane pazzo della letteratura!", con Kerouac sbronzo tra le braccia di mamma-Nanda (Pivano), con Terzani che saluta un amico per l'ultima volta. E poi: Moravia, Morante, Bufalino, Gadda, Calvino, Soldati, Kundera, Rushdie, Harris, Grisham, Eco, Biagi, Manganelli, Bunker, Tamaro, Allende, Tabucchi, Vàzquez Montalbàn, Doris Lessing, Arbasino, Tondelli, Ammaniti e tanti altri. Tutti scrittori che non avete mai visto così da vicino.

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di Paolo Di Stefano:


Voto medio del prodotto:  4.0 (4 di 5 su 1 recensione)

4.0Potresti anche dirmi grazie, 08-07-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
La variegata fauna del mondo editoriale italiano, un frullato di molte personalità: editori puri, manager editoriali che cambiano di continuo casa editrice, autori che più stravaganti di così si muore e che anche loro cambiano. Li troviamo continuamente in pagine diverse, raccontate da diversi editor. Con una serie infinita di aneddoti. E con un grande rimpianto per l'editoria che fu e il rammarico che oggi conta più il marketing. Ma si supererà anche questo e sono contento di aver acquistato questo libro, anche se non l'ho mai visto in nessuna classifica.
Ritieni utile questa recensione? SI NO