€ 8.93€ 9.50
    Risparmi: € 0.57 (6%)
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativiMetti nel carrello
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Portland souvenir. Gente, luoghi e stranezze del Pacific Northwest

Portland souvenir. Gente, luoghi e stranezze del Pacific Northwest

di Chuck Palahniuk

3.0

Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
  • Editore: Mondadori
  • Collana: Piccola biblioteca oscar
  • Traduttore: Colombo M.
  • Data di Pubblicazione: giugno 2004
  • EAN: 9788804529620
  • ISBN: 8804529628
  • Pagine: 180
  • Formato: brossura
La città di Portland raccontata con grande ironia da uno dei suoi cittadini più famosi. Il volume presenta tutte le caratteristiche di una guida vera e propria, in cui le sezioni con le indicazioni dei luoghi da visitare, dove divertirsi, mangiare o alloggiare, si alternano alle "Cartoline", rievocazioni della vita a Portland dello scrittore, tra il 1980 e il 2002, tutte segnate dalla graffiante vena umoristica che contraddistingue le sue commedie nere e crudissime sulla società contemporanea.

Note su Chuck Palahniuk

Chuck Palahniuk è nato a Pasco, nello Stato di Washington, il 21 febbraio del 1962. Dopo il divorzio dei genitori, lui e i suoi fratelli sono stati affidati ai nonni materni, con i quali hanno vissuto in un ranch nello Stato di Washington. A vent'anni, Palahniuk studia presso l'Università dell'Oregon, dove nel 1986 consegue la laurea in Giornalismo. Dopo la laurea, si trasferisce a Portland, dove lavora come giornalista per i quotidiani locali. Dopo poco però, lascia l’attività per lavorare a tempo pieno come meccanico specializzato in motori diesel. Tornerà ad occuparsi di giornalismo solo dopo essere diventato uno scrittore affermato. A partire dal 1988 inizia a fare il volontario, maturando quelle esperienze che poi si potranno ritrovare nelle sue opere. Aiuta i senzatetto e lavora nelle case di riposo, provvedendo al trasporto dei malati terminali e portandoli ai gruppi di sostegno. In seguito alla morte di un paziente a cui si era affezionato, decide di abbandonare l’attività come volontario. Superati i trent’anni, decide di frequentare un laboratorio di scrittura tenuto da Tom Spanbauer. I suoi primi racconti, “Negative Reinforcement” e “The Love Theme of Sybil and William”, vengono pubblicati nel 1990 sulla rivista mensile Modern Short Stories. I suoi primi romanzi furono inizialmente respinti dalle case editrici a causa dei contenuti forti ed inquietanti. Nel 1996, però il suo editore decide di pubblicare “Fight Club”. Il romanzo inizialmente non ebbe un grande successo commerciale, ma in seguito alla trasposizione nell’omonimo film diretto da David Fincher e interpretato da Edward Norton, Brad Pitt ed Helena Bonham Carter, il romanzo acquistò fama e divenne un successo internazionale. A questo primo successo, ne seguirono molti altri, tra cui “Survivor” (1999), “Invisible Monsters” (1999), “Soffocare” (2001), “Cavie” (2005), “Pigmeo” (2009) e “Dannazione” (2011). Lo stile di Palahniuk è asciutto e grottesco, le trame sono caratterizzate da un ritmo incalzante. La libertà, intesa come rifiuto e fuga dalle oppressioni della società, dalla competizione e dai mass media, rappresenta il punto cruciale della sua scrittura. Attualmente Chuck Palahniuk vive a Vancouver, quando non scrive romanzi, lavora come giornalista free-lance. 

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di Chuck Palahniuk:


Voto medio del prodotto:  2.5 (2.8 di 5 su 4 recensioni)

2.0Portland souvenir, 06-03-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Cos'è questo libro, una guida turistica di Portland? La pro loco del posto ha chiesto ad uno dei suoi più illustri cittadini di descrivere le bellezze e le stranezze locali con il suo stile cinico e graffiante? O è solo un atto d'amore, a modo suo, verso la sua città? Un libro inutile, a meno che non si voglia andare a Portland.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Quello che le guide ufficiali non dicono, 04-03-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
"Portland souvenir" ovvero "The dark side of Tuttocittà". Un'opera divertente e insolita che ti mette addosso la voglia di scrivere una guida alternativa anche per la tua città. Il problema è che non tutti siamo Palahniuk; e non tutti abbiamo la fortuna (o sfortuna, a seconda dei punti di vista) di vivere in posti che abbiano la stessa densità di scoppiati che sembra avere Portland.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Una guida turistica "sui generis", 14-10-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Non è un romanzo, è una guida turistica inusuale sulla città natale di Palahniuk.
Se non avete mai letto Palahniuk non è il caso di iniziare da qui ma, in caso contrario, è una lettura-passatempo interessante, scritta bene, che ci fa conoscere gli aspetti meno noti di una città che già di per sè fuori dagli U.S.A. non è particolarmente conosciuta.
Se siete curiosi, ne vale la pena.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Guida turistica di Portland, 29-09-2010, ritenuta utile da 2 utenti su 3
di - leggi tutte le sue recensioni
Palahniuk, Chuck per gli amici, è stato un illustre cittadino di Portland, e chi meglio di lui può descrivere questa ridente cittadina? Così si scoprono risvolti inaspettati, sagre, ristoranti, usanze, ma anche fantasmi e luoghi dove fotografarsi. Ovvio che leggendo tra le righe si scoprono faccende interessanti, e lo stile di Chuck non lascia nulla al caso, però alla luce dei fatti si tratta di una guida turistica. Questo e poco altro.
Ritieni utile questa recensione? SI NO