€ 13.63€ 14.50
    Risparmi: € 0.87 (6%)
Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativiMetti nel carrello
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Portavo allora un eskimo innocente. Francesco Guccini si racconta a Massimo Cotto

Portavo allora un eskimo innocente. Francesco Guccini si racconta a Massimo Cotto

 

4.5

Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
  • Editore: Giunti Editore
  • Collana: Bizarre
  • Data di Pubblicazione: ottobre 2007
  • EAN: 9788809055780
  • ISBN: 8809055780
  • Pagine: 256
  • Formato: rilegato
Ci si può raccontare in modi diversi, seguendo le linee rette della domanda risposta o assecondando le curve della memoria. Questa biografia ufficiale di Guccini percorre la seconda strada. È un lungo, straordinario racconto in cui Francesco ha srotolato e poi riaggomitolato il filo rosso dei ricordi in due anni di incontri con Massimo Cotto. Un libro montanaro, che sa di terra, in un mondo troppo spesso coperto dalla plastica.

Acquistali insieme:

Gli utenti che comprano Portavo allora un eskimo innocente. Francesco Guccini si racconta a Massimo Cotto acquistano anche Denti e salute. Dalla salute della bocca alla salute del corpo di Michel Montaud € 12.35
Portavo allora un eskimo innocente. Francesco Guccini si racconta a Massimo Cotto
aggiungi
Denti e salute. Dalla salute della bocca alla salute del corpo
aggiungi
€ 25.98


Voto medio del prodotto:  4.5 (4.5 di 5 su 2 recensioni)

4.0Per conoscere il n. 1 dei cantautori italiani, 23-11-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Guccini si racconta come poche altre volte, con dettagli gustosi e perle da mandare in delirio tanto i fans della vecchia guardia quanto le giovani leve. Il racconto è piacevole e scorrevole, intriso della sua celebre ironia, senza dubbio una delle armi migliori del maestro ogni volta che si concede al grande pubblico. Particolarmente interesanti le parti in cui spiega la genesi o l'esegesi delle sue canzoni, cose che un cantautore raramente fa per un non meglio identificato piacere nel non farsi troppo capire e far scervellare gli ascoltatori in improbabili quanto fantasiose interpretazioni. Ne esce un Guccini genuino e sincero, coltissimo, amabilmente pigro, dannatamente mitico.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Bel libro, 25-01-2008, ritenuta utile da 13 utenti su 14
di - leggi tutte le sue recensioni
Potrebbe essere considerato solo una riedizione con qualche aggiunta del precedente volume, pubblicato sotto il titolo di "E un altro giorno è andato". Nulla di più sbagliato. Questa nuova versione si muove, certo, sulla linea del precedente, ma inserisce nuovi particolari, ne elimina altri. Un libro che delinea il cammino umano e artistico di Francesco Guccini, in questa autobiografia raccolta da Massimo Cotto. Ecco allora gli anni giovanili, i primi passi nel mondo della musica fino alla consacrazione a padre nobile della canzone d'autore italiana. Un libro che non può mancare tra chi segue con affetto e "venerazione" questo artista straordinario. A proposito: come definirlo? Cantautore pavanese, modenese o bolognese? Probabilmente la risposta è un'altra: Guccini è di tutti quelli che lo seguono dai tempi di "Dio è morto" sino agli ultimi eccellenti lavori.
Ritieni utile questa recensione? SI NO