Il ponte di San Luis Rey

Il ponte di San Luis Rey

4.0

di Thornton Wilder


  • Prezzo: € 8.50
Fuori catalogo - Non ordinabile
Spedizione a 1€ Spedizione con Corriere a 1€ sopra i 24 euro!   Scopri come

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di Thornton Wilder:


Dettagli del libro


Voto medio del prodotto:  4.0 (4 di 5 su 1 recensione)

4.0L'irrazionale puo' essere indagato?, 15-07-2010, ritenuta utile da 8 utenti su 9
di - leggi tutte le sue recensioni
In questo romanzo l'autore si propone di indagare l'irrazionale che, per definizione, non può essere ricondotto nel campo di competenza della nostra ragione. Nel concetto di irrazionale possiamo ricomprendere il caso, la necessità, il destino ecc. Di fronte ad un evento tragico ci si domanda "Perchè è toccato propria a quella persona?". In sostanza, la vita può essere vista da un punto di vista statistico che riduce tutto, le nostre identità ed esistenze, a numero e probabilità. Questa visione è alienante e sottrae senso ed energia vitale all’esistenza. Oppure considerare ognuno di noi un soggetto unico ed irripetibile per il quale nulla succede per caso e ogni evento assume un’importanza peculiare e personale. L'autore, che naturalmente nella sua indagine non approda a nulla di concreto, lascia però aperta la riflessione per ciascuno di noi, ventilando solo l'ipotesi che il crollo del ponte di San Luis Rey abbia consentito alle vittime il passaggio dalla vita terrena ad un altro tipo di esistenza in un particolare momento del loro percorso. Così pare interpretarlo anche M. L. von Franz (psicanalista junghiana) nel suo libro "L'Eterno Fanciullo" in cui cita proprio il libro di Wilder Thornton. Rimanendo in tema di interpretazione psicanalitica, contributi molto interessanti sono stati portati da James Hillman che identifica proprio Ananke (la Necessità) con l'elemento irrazionale insito nella vita umana.
Un’ultima annotazione: azzardo un accostamento tra il romanzo di Thornton e la letteratura, specificatamente latinoamericana, che potremmo inserire nel cosiddetto movimento del Realismo Magico di cui sono fra i più celebri esponenti Garcia Marquez, Miguel Angel Asturias, Alejo Carpentier, Isabel Allende ecc. Ciò proprio in virtù della presenza di un evento irrazionale che, irrompendo improvvisamente nella trama, crea un vuoto di senso e causa lo stupore sia dei protagonisti della storia sia del lettore.
Ritieni utile questa recensione? SI NO